Asia Argento | Su IG il racconto dell’ultimo incontro con Weinstein

Asia Argento è stata una delle attrici che si è schierata contro Harvey Weinstein, contribuendo alla sua condanna per reati sessuali. Prima di ora però Asia non aveva mai raccontato del loro ultimo incontro.

Asia Argento harvey weinstein
Asia Argento (Fonte: Instagram)

Il Caso Weinstein ha scosso profondamente l’opinione pubblica mondiale, dando il via a quello che sarebbe diventato il movimento di sensibilizzazione più famoso del mondo, conosciuto con l’hashtag #MeToo.

Asia Argento denunciò le aggressioni sessuali subite oltre vent’anni fa da Harvey Weinstein e, da quel momento, divenne una delle paladine più agguerrite del movimento da cui poi, successivamente, decise di prendere le distanze.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Asia Argento si allontana dal Metoo

Negli scorsi mesi il processo a carico di Harvey Weinstein si è concluso con una pesante condanna a carico del produttore hollywoodiano, riconosciuto colpevole di quasi tutti i capi di imputazione per i quali era stato condotto in giudizio.

Nonostante il fatto che si sia dichiarata soddisfatta di come si sono svolte i fatti giudiziari e soprattutto che si è sentita vendicata dalla giustizia degli Stati Uniti, Asia Argento sembra avere ancora molto da dire in merito all’orco che in diverse occasioni abusò di lei.

L’attrice ha deciso di raccontare in diretta Instagram la propria versione dei fatti dell’ultima volta in cui lei e Weinstein si incontrarono. Di quell’episodio fu testimone anche l’amica di sempre, quella Vera Gemma che il grande pubblico ha imparato a conoscere grazie all’ultima edizione di Pechino Express.

Asia Argento: l’ultimo incontro con Harvey Weinstein

Il motivo per cui le due amiche di sempre abbiano deciso di tornare sull’argomento tempo dopo la sospirata conclusione del caso non è ben chiaro.

Probabilmente il trauma di Asia fa ancora male e l’attrice ha bisogno di parlare pubblicamente di tutti i dettagli per esorcizzare la paura o forse, come potrebbero pensare i suoi detrattori, ha bisogno di attirare di nuovo l’attenzione dei social nel drammatico momento di “fermo” a cui i lavoratori dello spettacolo sono costretti dalla pandemia.

SULLO STESSO ARGOMENTO: L’appello di Laura Pausini a nome dei professionisti dello spettacolo

Il racconto dell’episodio, che non si sbaglierebbe a definire “surreale” non è stato un monologo eseguito da Asia Argento davanti alle telecamera.

È stato piuttosto un racconto a due voci, durante il quale i dettagli sono emersi grazie anche al confronto di Asia con Vera Gemmala figlia di Giuliano Gemma che è sempre stata una delle sue amiche più care.

Tutto si è svolto durante la partecipazione delle due attrici al Festival del Cinema di Toronto. Le due erano state invitate a partecipare al Festival perché protagoniste di una delle pellicole in concorso che, tra le altre cose, verteva proprio sulla denuncia delle molestie che il produttore commetteva ai danni delle giovani attrici e modelle con cui entrava in contatto.

La sera della presentazione di tutti i film in concorso, le due si trovavano ancora in camera ed avevano appena finito di prepararsi per partecipare al Gala quando dalla reception arriva una comunicazione per la Argento: Harvey Weinstein si trovava nell’albergo e avvertiva che avrebbe raggiunto Asia in camera.

Benché informato che nella camera di Asia ci fosse un’altra persona, Weinstein decise di raggiungere comunque la Argento: Vera Gemma era decisa a non lasciare la stanza in nessun caso per evitare che all’amica succedesse qualcosa di brutto.

Arrivato alla porta della stanza, Weinstein bussò imperiosamente e fu Gemma ad aprire. Mentre il produttore si sedeva sul letto, le due amiche si mettevano schiena al muro per mettere tra loro e lui la maggior distanza possibile.

A quel punto il produttore, evidentemente in uno stato alterato, si tolse la camicia per mostrare diversi tagli e cicatrici che aveva sul petto e lamentandosi di essere “quasi morto”. Tentando di calmarlo Asia decise di cambiare argomento e chiedergli come stesse la madre (che Asia aveva incontrato una volta sola) e il produttore, scoppiando a piangere, rispose “Ti vuole tanto bene”.

Oltre a raccontare cosa avvenne durante quell’incredibile ultimo incontro con il produttore, Asia Argento e Vera Gemma si sono scambiate segni d’affetto, grandi lodi reciproche e hanno ribadito ancora una volta urbi et orbi la forza della loro amicizia, che dalla difficile esperienza di Pechino Express è uscita rafforzata.

Il percorso all’interno della trasmissione non è stato semplice per Asia la quale, dopo il grave infortunio al ginocchio, ha lasciato Gemma in balia degli eventi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Asia Argento costretta al ritiro da Pechino Express: l’addio è commovente

Fortunatamente, Gemma trovò in Gennario Lillio un nuovo compagno e riuscì a continuare l’esperienza fino alla fine.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Asia Argento (@asiaargentoofficialfanpage75) in data:

Le due si sono anche lanciate nella lettura di brani letterari dal proprio account Instagram e sembra che abbiano deciso di rimanere molto attive anche durante la quarantena, che per la povera Asia segue a un periodo di convalescenza molto difficile, ma che l’attrice ha messo a frutto realizzando un disco.

Da leggere