Laura Pausini | “Aiutate i lavoratori dello spettacolo italiano”

0
51

Laura Pausini ha deciso di far sentire la propria voce indirizzando un video messaggio direttamente al Governo Conte: il suo discorso a sostegno dei professionisti dello spettacolo e della cultura.

Laura Pausini
Laura Pausini (Fonte: Instagram)

Laura Pausini è da decenni una star internazionale, eppure non ha mai perso quel contatto con la realtà che l’ha resa una delle donne più amate del nostro panorama musicale.

A dimostrazione della sua vicinanza alle fasce più deboli del settore dello spettacolo e della cultura italiana, Laura ha deciso di registrare un video messaggio e di diffonderlo sui social media per sensibilizzare il Governo nei confronti di quella che ormai si sta delineando come una vera emergenza economica.

A pagare il prezzo più alto, naturalmente saranno i lavoratori dei settori produttivi non necessari, che hanno smesso di lavorare prima di altri e che riapriranno per ultimi, con ogni probabilità verso la fine della cosiddetta Fase Due a cui il governo italiano sta incessantemente lavorando in queste settimane.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Il Presidente del Consiglio ha nominato il Coordinatore per la Fase Due: chi è?

Laura Pausini ha voluto ricordare al governo che i professionisti dello spettacolo meritano considerazione e tutela, perché sono lavoratori come tutti gli altri e di certo non sono delle star superpagate.

Laura Pausini: “Il Governo protegga i lavoratori dello spettacolo”

laura pausini
Laura Pausini (Fonte: Instagram)

Nel suo discorso, pronunciato con grande serietà, Laura non ha parlato esclusivamente della categoria di lavoratori che le sta più a cuore: la cantante ha voluto dedicare una parte del proprio discorso anche a tutti coloro che hanno subito lutti e che continuano a combattere con il virus.

La Pausini non sta pensando naturalmente soltanto agli ammalati, ma anche (e soprattutto) a tutti i professionisti del settore sanitaro a cui dovrebbe andare il massimo riconoscimento e il massimo sostegno da parte del popolo e del governo italiani.

Nonostante questo, però, il Paese prima o poi dovrà ripartire: per farlo bisognerà dare la possibilità a tutte le centinaia di migliaia di lavoratori specializzati nel settore dello spettacolo di continuare a sostenersi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Lory Del Santo: “Siamo per strada”

L’elenco di Laura è molto lungo: autori, cantanti, DJ, ballerini, tecnici specialistici fanno parte dell’enorme esercito di persone che attualmente non ha introiti e che, con ogni probabilità, ricomincerà a lavorare a un ritmo normale soltanto tra diversi mesi e che, attualmente, non ha prospettive.

“Non stiamo parlando di noi o per noi” ha sottolineato con forza la Pausini, che ha voluto tenersi ben lontana dal rischio di critiche. La sua preoccupazione non è per gli artisti più famosi, che di certo riusciranno a sostenersi economicamente anche durante un lungo periodo di fermo. Laura sta pensando a tutti coloro che fanno dello spettacolo e della cultura il proprio pane quotidiano. “Penso a chi suona la sera nei locali delle vostre città, a chi insegna musica o canto ai vostri figli”.

Del disagio economico vissuto da queste categorie attualmente “si parla pochissimo”, ha sottolineato Laura. “Non leggiamo mai di cosa accadrà ai lavoratori del mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento”.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Tiziano Ferro criticato dopo l’intervento a Che Tempo Che Fa

Dopo aver introdotto il problema, Laura Pausini ha voluto specificare anche quale sono concretamente le sue richieste: un trattamento economico e previdenziale dignitoso per tutti i lavoratori del settore. Inoltre, sarebbe assolutamente necessario conoscere nel più breve tempo possibile quale sarà il destino degli eventi organizzati in estate e quando si prevede un ritorno alla normalità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Laura Pausini Official (@laurapausini) in data:

Nella parte finale del proprio discorso Laura dedica un pensiero alla speranza e al futuro, affermando che non appena gli stadi e i club di tutta Italia riapriranno, il primo applauso sarà dedicato ai “costruttori di sogni” che lavorano incessantemente a rendere possibile la realizzazione di tutti gli eventi, piccoli e grandi, che tengono viva la cultura italiana.