Come lavare gli strofinacci da cucina: consigli utili ed efficaci

0
93

Gli strofinacci da cucina si devono lavare bene, ma in che modo si può fare? Scopri i metodi infallibili da utilizzare a casa.

Come lavare gli strofinacci da cucina
Strofinacci Foto:Pixabay

Gli strofinacci da cucina sono indispensabili, tra gli oggetti che si utilizzano quotidianamente in cucina. Bisogna prendersene cura dal punto di vista igienico, si devono lavare spesso e bene, perchè si possono annidare germi e batteri per non parlarne di muffa. Gli strofinacci da cucina sono utili per asciugare le stoviglie e si devono sostituire tutti i giorni, non solo perchè potranno puzzare, ma si potrebbe fare fatica ad eliminare la puzza ed eventuali macchie.

Noi di CheDonna.it siamo qui per darvi tutti i consigli su come lavare bene gli strofinacci da cucina, così da eliminare macchie, puzza ed igienizzarli bene.

Come lavare gli strofinacci da cucina: piccoli trucchetti da seguire

come lavare gli strofinacci
Foto: Adobe Stock

Gli strofinacci da cucina sono tra gli oggetti di uso quotidiano che potrebbero essere dei  potenziali portatori di batteri e germi, quindi è importante prestare attenzione.

Spesso si pone più attenzione alla corretta pulizia delle stoviglie, delle superfici della cucina e non agli strofinacci. In molti l’appendono al gancio o al braccio del forno per poi metterlo nella cesta dei panni sporchi dopo qualche giorno. A prescindere dal materiale, se sono in cotone, tela o microfibra, gli strofinacci vanno lavati con cura, per eliminare muffa, umidità, germi e batteri, scopriamo in che modo.

Gli strofinacci non vanno semplicemente lavati, ma anche igienizzati utilizzando prodotti specifici, che vi permetteranno di eliminare non solo i residui di sporco, ma anche batteri e germi. Si possono igienizzare bene, senza ricorrere all’utilizzo di prodotti aggressivi, che si trovano in commercio, che sono dannosi per la nostra salute e non solo anche per l’ambiente. Ecco come potete procedere.

-Candeggina: mettete in ammollo in una bacinella acqua con candeggina e poi immergete gli strofinacci. In questo modo eliminerete eventuali macchie.

-Aceto: ottimo disinfettante, che viene utilizzato per diversi motivi, uno tra questi è la pulizia profonda del bucato, infatti è perfetto per eliminare le macchie più ostinate. Mettete metà tazza di aceto al comune detersivo per il bucato, poi lavate.

-Ammoniaca: immergete in una bacinella gli strofinacci e aggiungete qualche goccia di ammoniaca, lasciate in ammollo per un paio ore. Trascorso il tempo, sciacquate sotto acqua corrente e lavate in lavatrice con solo tovaglie e strofinacci senza altri capi.

-Acqua bollente: le temperature alte si sa che riesce ad eliminare non solo lo sporco ostinato, ma disinfetta. Anche gli strofinacci che hanno macchie di grasso, si può procedere in questo modo. Potete provare a riempire una pentola con acqua e riscaldate sul fornello, poi versate nella bacinella e unite il detersivo per bucato o la candeggina. Si consiglia di lasciare in ammollo per un apio di ore, poi sciacquate e lavate in lavatrice.

-Bicarbonato di sodio: un ingrediente indispensabile in casa, un vero e proprio jolly. Si può utilizzare anche per igienizzare il bucato e di conseguenza gli strofinacci da cucina. Il bicarbonato rende anche più bianco il bucato, basta aggiungerlo al bucato in lavatrice, oppure aggiungerlo nella bacinella se tenete i capi in ammollo. Il bicarbonato di sodio riesce ad annientare batteri e germi, basta aggiungere due cucchiai al bucato per ottenere risultati soddisfacenti.

-Olio tea tree: deterge in profondità, bastano solo 5 gocce al detersivo che utilizzate di solito, poi procedete con il lavaggio.

– Sapone di Marsiglia: perfetto per trattare eventuali macchie presenti sugli strofinacci. Potete provare anche il sapone solido di Marsiglia, strofinate sulle macchie e poi lasciate agire per un’ora, procedete al lavaggio in lavatrice. In alternativa potete mettere in una bacinella acqua calda e le scaglie di sapone, agitate con le mani e formate la schiuma. Lasciate in ammollo per circa un’ora e poi lavate in lavatrice.

Consigli su come avere strofinacci perfetti e puliti

Come lavare gli strofinacci
Sapone di Marsiglia Foto:Pixabay

Bisogna prestare la giusta attenzione al lavaggio degli strofinacci, così da eliminare lo sporco più ostinato. Non solo bisogna anche porre attenzione, ecco in che modo.

1-Non fate un uso universale: va utilizzato solo per asciugare le stoviglie, limitando l’uso in cucina. Certo che non potete pulire un tagliere e poi pulire qualche altra superficie.

2- Cambiatelo spesso: ogni giorno va sostituito, per evitare che possa risultare difficile eliminare le macchie. Non solo se è troppo bagnato, o procedete con il lavaggio a mano, come indicato sopra, oppure sarebbe opportuno lavare tutti gli strofinacci con tovaglie e tovaglioli. Allora lasciate asciugare all’aria e poi procedete al lavaggio.

3- Non si devono accumulare nel cesto: abitudine comune, mettere tutto il bucato sporco in un’unica cesta, strofinacci e capi d’abbigliamento. Un errore da evitare, mai gli strofinacci nella stessa cesta del bucato. Se avete un’unica cesta potete ovviare a non lasciare per molti giorni i panni senza lavarli.

4-Lavare a temperature alte: gli strofinacci si devono lavare a temperatura alta almeno a 60° per poter disinfettare bene.

5- Asciugare al sole: dopo aver lavato gli strofinacci, lasciateli asciugare al sole, che può aiutare ad eliminare eventuali macchie persistenti dopo il lavaggio.

6- Evitate di lasciare gli strofinacci in lavatrice dopo il lavaggio: l’umidità potrebbe aumentare la proliferazione di germi e batteri. Non appena termina la lavatrice, stendete all’aria.

7- Utilizzate sempre detersivi specifici: adatti alla pulizia accurata e profonda. Inoltre provate a scegliere detersivi preparati con ingredienti naturali che preservano i tessuti.

Adesso sapete come prendervi cura dei vostri strofinacci, pulendoli bene e in modo efficace.