Home Curiosità Piano cottura | come pulirlo senza affaticarsi troppo

Piano cottura | come pulirlo senza affaticarsi troppo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:15
CONDIVIDI

E’ importante pulire ogni giorno il piano cottura per eliminare lo sporco, scopri come farlo in modo facile e senza troppo olio di gomito.

pulizie casa
Foto:Adobe Stock

Quante volte vi ritrovate davanti al vostro piano di cottura con incrostazioni e sporco ostinato? Vorreste una bacchetta che per magia eliminerebbe tutto lo sporco. Non è così difficile rimuoverlo, noi di CheDonna.it, siamo qui per darvi qualche consiglio a riguardo, per pulire bene il piano cottura e gli accessori annessi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Forno pulito | scopri quali prodotti naturali utilizzare

Piano cottura: come pulirlo in poche mosse

cucina
Piano cottura in acciaio Fonte: Istock Photo

Non esiste un unico metodo per pulire bene il piano cottura, molto dipende dal materiali, l’acciaio sicuramente va trattato diversamente rispetto a quello smaltati o in vetro.

Spesso le macchie e le incrostazioni sono sempre difficili da eliminare, ma se seguite alcuni consigli non sarà così difficile. E’ importante pulire ogni giorno il piano cottura, così risulterà meno faticoso  perchè non si formerà il grasso e sporco ostinato. Esaminiamo in dettaglio come pulire i diversi piani cottura.

-Acciaio: non è così difficile da pulire, però bisogna fare attenzione a non graffiarlo, quindi sono da evitare prodotti e spugne abrasive. Inoltre vanno evitati anche i detergenti contenenti cloro. Pulite in questo modo mettete su una spugna una miscela di acqua e sapone per stoviglie, delicatamente strofinate la superficie. Poi sciacquate con acqua e asciugate con un canovaccio di cotone pulito. In caso di sporco molto ostinato e macchie come grasso, utilizzate detergenti a base di alcool.

In alternativa a prodotti commerciali potete utilizzare l’aceto di vino bianco e limone, separatamente. Basta diluirli con un pò di acqua e poi immergete una spugna morbida o un panno di microfibra, purchè sia morbido e pulite. Sciacquare bene ed eliminare eventuali aloni, asciugate con un canovaccio di cotone pulito.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Lavastoviglie | come pulirla in modo perfetto con prodotti naturali

– Vetro e smaltati: in questo caso, potete gli stessi detergenti che utilizzate per pulire i vetri. In caso specifico di vetro temprato, potete lavare normalmente con acqua e detergente per stoviglie. L’importante che non contengono cloro o sostanze troppo aggressive. In presenza di incrostazioni, mettete un pò di detersivo per stoviglie sulle macchie direttamente e poi pulite con la spugna. Sciacquare bene con acqua ed eliminare eventuali aloni, asciugate con un canovaccio di cotone pulito

Griglie e spargifiamma: ecco la soluzione che fa per te

pulire cucina
Fonte:Pixabay

Oltre al piano di cottura, bisogna anche pulire bene le griglie e i spargifiamma, la pulizia costante evita la formazione di incrostazioni. Esaminiamo in dettaglio come pulirli bene e senza fatica soprattutto!

-Griglie: il bicarbonato è perfetto per la pulizia, inoltre va ad eliminare eventuali odori sgradevoli. Per pulirle bene e velocemente, è opportuno toglierle dal piano cottura e metterle nel lavandino e procedere al lavaggio. Preparate una soluzione di due cucchiai di bicarbonato per ogni bicchiere di acqua bollente, poi imbevete una spugna e strofinate energicamente per rimuovere bene lo sporco, anche quello più ostinato. In caso di incrostazioni che non vanno via, allora vi consigliamo di mettere in ammollo per circa mezz’ora le griglie in una soluzione di acqua con detergente per stoviglie. Oppure perfetta è la soluzione di due cucchiai di bicarbonato e uno d’aceto bianco ogni litro d’acqua. Noterete che dopo l’immersione le incrostazioni e aloni spariranno. Successivamente sciacquate sotto acqua corrente e procedete ad asciugare con un canovaccio di cotone pulito.

SULLO STESSO ARGOMENTO:  Pulire casa in modo naturale ed efficace | scopri come

-Spargifiamma: importantissimi, la mancata pulizia causa formazione di incrostazioni incrostazioni, non permettendo la fuoriuscita del gas. Con l’aiuto di uno stuzzicadenti, eliminate vari residui, che possono ostruirli e poi li lavate in una soluzione di acqua e sapone per stoviglie. Strofinate con una spugna dall’alto verso il basso prima di risciacquare con acqua. in caso di incrostazioni più ostinate, potete immergerli in una bacinella in ammollo con acqua e detergente.

risparmio
Fornelli (Pixabay)

Poi dopo averli sciacquati bene asciugateli e posizionateli.  Se desiderate i vostri spargifiamma lucidi, come se fossero nuovi, potete immergerli in una pentola con acqua e un bicchiere di aceto, lasciate riscaldare l’acqua a fiamma media per 10 minuti. Spegnete togliete dall’acqua e asciugateli per bene.