Lavanda: proprietà, benefici e possibili controindicazioni

La lavanda è una pianta che viene utilizzata per le sue diverse proprietà sia lenitive che digestive, scopriamo qualcosa in più.

Lavanda

 

La lavanda conosciuta come Lavandula angustifolia è una pianta che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. E’ conosciuta per le sue diverse proprietà è utilizzata per curare i  mal di testa e l’insonnia e non solo.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche informazione in più sulle proprietà, utilizzi e le possibili controindicazioni.

 

 

Lavanda: le proprietà

iStock Photos

 

I fiori della lavanda sono utilizzati in fitoterapia grazie alle sue diverse proprietà grazie alla presenza dell’olio essenziale come:

  • linalolo
  • acetato di linalile
  • limonene
  • cineolo
  • canfora
  • alfa-terpineolo
  • beta-ocimene

Poi  contiene:

  • tannini
  • acido ursolico
  • flavonoidi
  • sostanze amare.

Benefici

Calmare la tosse Fonte: Istock-Photos

La lavanda viene utilizzata per diversi motivi, già le nostre nonne la utilizzavano per alleviare sintomi e curare le ferite. Scopriamo tutti i benefici di questa pianta.

1. Proprietà sedative sono le più note: la lavanda è ottima contro:

  • ansia
  • agitazione
  • nervosismo
  • mal di testa
  • stress
  • insonnia.

Ci sono svariati rimedi per questo uso dalle tisane, ai fiori nel bagno caldo all’olio essenziale.

2. Proprietà balsamiche e decongestionanti: è consigliabile utilizzarla nel caso di malattie da raffreddamento come:

  • influenza
  • tosse
  • raffreddore
  • catarro.

3. Proprietà antispastiche: la lavanda ha ottime proprietà carminative ed è buona per calmare i dolori intestinali e rilassare i muscoli. E’ indicata soprattutto per chi soffre di dolori e spasmi addominali, in quanto aiuta a distendere la muscolatura del ventre.

Questa pianta è un calmante nervino e antispasmodico indicato per chi soffre spesso di:

  • vertigini
  • emicranie
  • dolori nervosi di testa.

4. Proprietà antisettiche ed antibatteriche: i preparati di lavanda per uso esterno possono essere impiegati per curare:

5. Proprietà antinfiammatorie ed antireumatiche: l’olio essenziale di lavanda è indicato per calmare diversi dolori articolari come:

  • schiena
  • collo
  • testa
  • nervo sciatico.

6. Proprietà analgesiche: si può utilizzare per calmare i dolori in generale ma soprattutto quelli causati dal ciclo mestruale.

7. Proprietà digestive: chi ha una digestione difficile, ulcere e dolori psicosomatici, possono utilizzarla.

8. Benefici cardiovascolari: la lavanda aiuta a combattere l’ipertensione.

E’ consigliabile chiedere il parere medico prima di utilizzarla.

Uso e rimedi naturali

Istock Photos

Fra le preparazioni a base di lavanda più note vi è l’olio essenziale di lavanda, che viene utilizzato per le proprietà:

  • lenitive
  • analgesiche
  • antinfiammatorie
  • sedative

Non si deve utilizzare puro, ma sempre diluito in un olio base vegetale come l’olio di mandorle dolci ad esempio. Il preparato viene utilizzato massaggiando:

  • le tempie
  • i polsi
  • la nuca
  • la zona dolorante: è utile per distendere la muscolatura addominale in caso di crampi.

L’olio essenziale alla lavanda è indicato per la pulizia della pelle grassa ed impura, anche del cuoio capelluto. Anche le persone che hanno la pelle secca possono utilizzarla in quanto la rende più idratata.

Per sfruttarne le proprietà sedative e balsamiche, oltre che i massaggi ed i suffumigi si può impregnare un fazzoletto da porre nel cuscino.

Si possono preparare i suffumigi, basta versare alcune gocce di olio essenziale di lavanda in una bacinella con acqua bollente e disciogliete  un cucchiaio di bicarbonato.

In alternativa potete preparare l’infuso di lavanda con i fiori secchi, basta 1 cucchiaio per una tazza di acqua bollente, si lascia riposare per  cinque minuti, poi si filtra e si beve.

Controindicazioni

Generalmente i preparati alla lavanda non danno effetti collaterali, basta limitarne l’uso, ecco alcuni effetti collaterali:

  • In caso di soggetti allergici, la lavanda può dar luogo a sfoghi e dermatiti.
  • Assumere con cautela  sia per le donne in gravidanza che per bambini , è preferibile un parere medico.
  • Non è consigliato a chi assume antidepressivi o farmaci sedativi, nonché anticoagulanti.
  • La lavanda non è compatibile con lo iodio ed i sali di ferro.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche: