Home Salute e Benessere Emorroidi: scopri i rimedi naturali più utili per combatterle

Emorroidi: scopri i rimedi naturali più utili per combatterle

CONDIVIDI

Le emorroidi sono un problema molto diffuso, provocano dolore e prurito. Quando sono di lieve entità si possono curare con i rimedi naturali, scopriamoli.

Prugne secche (Thinkstock)

Le emorroidi sono un disturbo che colpisce diverse persone e il più delle volte possono essere recidive. Sono delle vasodilatazioni che si possono formare sia internamente sia esternamente in prossimità dell’ano.

Le emorroidi possono essere causate da fattori come lo stress, l’alimentazione non equilibrata e sana, quelle di lieve entità si possono curare anche con i rimedi naturali, che aiutano a lenire ma anche a prevenire la problematica in modo del tutto naturale. E’ consigliabile chiedere consiglio al proprio medico, che valuterà in base all’entità delle emorroidi se i rimedi naturali sono sufficienti per contrastarle.

Affidatevi a noi di CheDonna.it per scoprire tutti i rimedi naturali per curare e lenire le emorroidi.

Emorroidi: inserire fibre vegetali nella dieta

Fibre vegetali

Quando le emorroidi sono causate dalla stitichezza dovuta ad un’alimentazione carente in fibre vegetali, è necessario inserire nella dieta ne contengano alimenti che favoriscono il transito intestinale. In questo caso ci riferiamo agli alimenti ricchi di fibre che il vostro medico vi consiglierà di assumere, ecco alcuni:

  • prugne secche
  • ciliegie
  • barbabietole
  • castagne

Talvolta una dieta troppo ricca di fibre vegetali potrebbe essere essa stessa causa di stitichezza, quindi il medico che valuterà la situazione.

Ippocastano un alleato per curare le emorroidi

La corteccia di ippocastano contiene delle sostanze molto efficaci per il trattamento delle emorroidi, in particolar modo è adatto ad alleviare fastidiosi pruriti e dolori. L’estratto di ippocastano viene venduto sotto forma di:

  • compresse
  • pomate: che si devono applicare sulla zona interessata per dare un’azione immediata.

Inoltre, l’ippocastano viene impiegato per la preparazione del rimedio omeopatico in granuli denominato “Aesculus hippocastanum 5 CH“.

Svolge un’attività:

  • vasoprotettiva,
  • antiinfiammatoria
  • antiedematosa.

 

Aloe vera

In caso di emorroidi esterne, l’aloe vera può ridurre l’irritazione, basta applicare una piccola quantità sul retto strofinando delicatamente.

L’aloe vera possiede innumerevoli virtù, ecco quali.

  • Antinfiammatorio di tutto l’apparato gastrointestinale: coadiuva la digestione, favorisce il transito intestinale e sostiene il sistema immunitario.
  • Esplica un’azione emolliente: a livello intestinale.
  • Ammorbidisce le feci:r perchè è ricca di mucillagini, inoltre rinfresca l’intestino e disinfiamma il colon.

L’aloe vera può essere applicata a livello topico sotto forma di gel, con un effetto cicatrizzante e disinfiammante.

Cataplasma di foglie di rovo

Per alleviare il fastidio delle emorroidi, basta sbollentare per 30 secondi 50 grammi di foglie fresche di rovo in 50 cl di acqua, poi filtrate e tritate finemente le foglie. Andate ad applicare sulla parte dolorante, utilizzando una garza e lasciate agire per 20 minuti.

Acqua alle prugne

L’acqua alle prugne è uno dei rimedi naturale da poter assumere al mattino, soprattutto  in caso di stitichezza. Inoltre è molto utile sia per prevenire la formazione delle emorroidi, sia nel favorire la regolarità intestinale.

L’acqua alle prugne si prepara in questo modo: lasciate in ammollo per una notte una manciata di prugne secche in una quantità d’acqua pari al doppio del loro volume. Il giorno dopo, filtrate e consumate l’acqua alle prugne come prima bevanda del mattino, a stomaco vuoto. Le prugne le potete utilizzare a colazione o per uno spuntino, mi raccomando non buttatele.

Amamelide 

Rimedi naturali efficaci per lenire le emorroidi

 

L’Amamelide è un vasoprotettore e flebotonico, grazie alla presenza dei tannini, che esplicano proprietà astringenti, inoltre possiede proprietà:

  • antinfiammatorie: grazie alla presenza di flavonoidi che supportano il tono delle pareti venose;
  • antiemorragica: è indicata in caso di flusso mestruale molto abbondante.

L’amamelide si può utilizzare sia per uso interno sia per uso topico, in commercio la troviamo in tisana, in tintura per assunzione con acqua.

Per quanto riguarda l’uso topico la mucillagine di amamelide viene applicata direttamente sulla parte interessata anche più volte al giorno. La mucillagine è cicatrizzante, infatti aiuta a fermare il sanguinamento e svolge un azione lenitiva contro il prurito.

 Vite rossa

 

La vite rossa svolge azione astringente grazie ai tannini, è un rimedio ricco di:

  • flavonoidi
  • vitamina C: in grado di proteggere i capillari e rafforzare le pareti venose.

Risulta molto efficace come antiossidante e combatte l’invecchiamento cellulare, inoltre viene impiegata per contrastare l’insufficienza venosa sia degli arti inferiori, delle varici e delle emorroidi. Possiamo acquistarla sia in infuso, che estratto secco.

Cipresso

Gli estratti del cipresso vengono utilizzati per la preparazione di rimedi fitoterapici per la cura delle emorroidi, non si sono riscontrati effetti collaterali. Grazie al contenuto dei  flavonoidi e polifenoli, giocano un ruolo importante nel miglioramento della circolazione del sangue, con effetti positivi non solo sulle emorroidi, ma anche in caso di varici. Infatti si riduce la pesantezza a livello delle gambe causata da una cattiva circolazione.

Elicriso

L’elicriso possiede proprietà antinfiammatorie ed analgesiche, molto efficace nella riduzione degli edemi. Si può acquistare in pomate a base di elicriso di comprovata efficacia per la cura della sindrome varicosa emorroidaria , sia per quelle interne che estrene. Inoltre svolgono un’azione protettiva e rinfrescante, quindi alleviano il dolore e il prurito.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Leggi anche: