Home Salute e Benessere Igiene intima femminile | consigli e abitudini da seguire

Igiene intima femminile | consigli e abitudini da seguire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:27
CONDIVIDI

Scopriamo i consigli e le abitudini da seguire per una corretta igiene intima femminile, così da non ricadere in errori che a lungo andare possono causare infezioni.

consigli igiene intima
Foto:Adobe Stock

Ogni donna deve prendersi cura delle parti intime, infatti l’igiene è importante, perchè la poca cura, può causare infezioni a lungo andare, inoltre può favorire la proliferazione dei funghi. La zona intima è molto delicata, come giusto sia, va curata bene e con prodotti specifici.

Per non alterare il normale pH, vanno utilizzati solo detergenti con un pH acido, per evitare di indebolire la zona, causando così cattivi odori e infezioni. Bastano semplici gesti e una maggiore cura per prevenire disturbi genitali di vario tipo.

Noi di CheDonna.it, vi diamo qualche consiglio a riguardo su come prendervi cura delle parti intime.

Igiene intima femminile: consigli utili da seguire

Cattivo odore intimo, le cause e rimedi
Fonte foto: Istock

Non va mai trascurata l’igiene intima, spesso tantissime donne hanno comportamenti sbagliati, cattive abitudini che a lungo andare compromettono la salute delle zone intime.

Seguite i nostri consigli per seguire una buona igiene intima.

1- Scegliere la giusta biancheria: non è un fattore estetico, il problema è il tessuto, si consiglia l’utilizzo di slip in cotone, quindi tessuto traspirante e di colore bianco. A differenza di quelli realizzati in tessuto sintetico, che trattengono l’umidità, portando alla formazione di muffe. I tessuti poco traspiranti aumentano la temperatura favorendo la formazione di colonie batteriche.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Igiene intima: 3 errori che probabilmente commetti ogni giorno

2- Utilizzare detergenti adatti: lo sbaglio di molte donne è lavare le parti intime con il primo detergente che ci passa tra le mani. E’ importante scegliere prodotti che non alterano la flora batterica vaginale. I saponi hanno lo scopo di neutralizzare gli odori e mantenere la zona intima pulita, quindi sceglietene uno che non alteri il pH.

3-Troppo detergente per la pulizia: non è buona abitudine lavarsi ogni qual volta che si va in bagno. Infatti l’utilizzo di saponi troppo aggressivi o non specifici per le parti intime, può alterare il pH vaginale. Le conseguenze più comuni sono formazione di cattivo odore, secchezza o candidosi.

4- Assorbenti: fate attenzione all’utilizzo, il ciclo mestruale, va ad alterare il pH delle parti intime, motivo per cui si percepisce il cattivo odore.  Il consiglio è il cambio frequente dell’assorbente almeno ogni 2-3-ore, inoltre utilizzate per la detersione prodotti specifici per ciclo mestruale, così da evitare irritazioni.

5- Non troppa l’umidità: discorso valido soprattutto in estate quando si va al mare o in piscina. Si consiglia infatti di cambiare spesso il costume per evitare di lasciare per troppo tempo in ambiente umido le parti intime. L’umidità purtroppo favorisce lo sviluppo di micosi, batteri e altri fastidi che a lungo andare possono causare forte dermatiti.

6- Evitare le spugne per la detersione: non è vero che lavarsi con le spugne si igienizza di più. Non si fa altro che irritare le parti intime, inoltre la spugna non sarebbe altro che un habitat di batteri e funghi, che purtroppo non riuscireste a vedere.

7- Cambiare l’intimo dopo aver attività sportiva: dopo aver praticato sport, lavatevi e cambiate subito lo slip.

8- Asciugare in modo corretto:  dopo aver lavato le parti intime, abbiate l’accortezza di asciugarvi bene senza sfregare. Con un asciugamano in cotone o spugna asciugatevi passando l’asciugamano davanti verso dietro, così da evitare il trasferimento dei batteri dalla zona dell’ano in avanti.

SULLO STESSO ARGOMENTO: 6 odori del corpo che indicano che hai un problema di salute

9-Lavande vaginali: tantissime donne ricorrono alla lavanda vaginale dopo il ciclo mestruale, così da poter eliminare eventuali residui o i cattivi odori. La lavanda non fa altro che pulire le parti intime, ma esagerando nell’utilizzo può impoverire la microflora interna. Non solo eliminerà i batteri “cattivi”, ma anche quelli “buoni”, lasciatevi consigliare dal vostro ginecologo.

igiene intima