Home Salute e Benessere Ciclo mestruale normale o irregolare: scopriamo le differenze

Ciclo mestruale normale o irregolare: scopriamo le differenze

CONDIVIDI

A tutte le donne è capitato a volte di avere un ciclo mestruale diverso dal solito, ma come si capire quando è del tutto normale o irregolare? Scopriamo

Fonte: Istock

 

Nella vita di ogni donna è accaduto qualche volta che si sia verificato un ritardo delle mestruazioni, i motivi possono essere diversi: dalla gravidanza al semplice stress. E’ importante capire perchè accade.

Noi di CheDonna.it vogliamo darvi qualche informazione in più a riguardo sulle differenze tra ciclo irregolare e normale.

Ciclo mestruale e l’ovulazione

Ovulazione iStock-Photos

Il ciclo mestruale è il lasso di tempo che intercorre tra una mestruazione e la successiva, può essere uno degli indicatori della salute di una donna. E’ importante appuntare su un’agenda ogni volta che:

  1. si presentano le mestruazioni
  2. la durata
  3. il flusso: si intende specificare se  stato regolare o abbondante.

E’ importante seguire i propri cicli mestruali, in modo da capire se sono regolari o no. Bisogna tenere sotto controllo quando arriva l’ovulazione, anche se non tutte se ne accorgono, potete anche osservare se si presentano dei lievi perdite di sangue che possono essere anomale.

In questo caso è opportuno chiedere consiglio al proprio ginecologo che potrà darci delle informazioni in più a riguardo. La grande maggioranza delle alterazioni del ciclo mestruale non vogliono dire niente di importante, ma a volte possono segnalare dei problemi che richiedono degli accertamenti.

Per ciclo mestruale si intende una serie di cambiamenti che ogni mese interessano l’apparato genitale femminile, comportando delle modifiche in modo che si possa avere una gravidanza. Nella maggior parte delle donne, ma è pur sempre un dato statistico, il quattordicesimo giorno prima della prossima mestruazione avviene l’ovulazione. Gli ormoni emessi dall’ovaio preparano l’utero ad accogliere il prodotto del concepimento. Se non c’è nessuna gravidanza  cioè se uno spermatozoo non entra nell’ovulo, il tessuto preparato per la gravidanza viene espulso durante la mestruazione. Questo è il ciclo mestruale.

Ciclo mestruale normale

 

Per calcolare bene il ciclo mestruale, si inizia a contare dal primo giorno della mestruazione fino al primo giorno del ciclo successivo.  Ogni donna ha il suo ciclo mestruale, si definisce regolare un ciclo di 28 giorni, ma ci possono essere cicli di 21 giorni o cicli di 35 senza che questo sia un problema, se è il ciclo abituale.

Le mestruazioni possono avere una durata variabile da donna a donna si va dai 2 ai 7 giorni ed è del tutto normale.

I primi anni dopo l’inizio delle mestruazioni, le ragazze possono avere anche cicli molto lunghi, che però tendono ad accorciarsi e a diventare con il tempo sempre più regolari. Le mestruazioni possono essere:

  • precise
  • irregolari
  • flusso scarso
  • flusso abbondante
  • dolorose
  • indolori
  • di breve durata
  • lunga durata

Il tutto può rientrare nella normalità, se le vostre mestruazioni sono uguali nel tempo, si possono definire normali che sicuramente non sono uguali alle altre donne, ma ricordatevi che ogni donna ha il suo ciclo.

E’ importante ribadire che alcuni contraccezione, come l’assunzione delle pillole anticoncezionali, possono incidere sul ciclo mestruale. Parlate con il vostro medico su cosa ci si può aspettare quando si assume la pillola.

Capire il proprio ciclo

Fonte: Istock

 

Il ginecologo va informato per capire se il vostro è un ciclo regolare o meno, perchè ha bisogno di informazioni certe, quindi è fondamentale appuntare sempre tutto. Basta anche un calendario dove appuntare ogni volta che si presentano le mestruazioni.

Segnate la data di inizio di ogni ciclo per alcuni mesi consecutivi, con questo metodo, riuscirete a capire la regolarità del ciclo e se si verificano delle irregolarità. Il consiglio è di appuntare tutto ogni volta che riteniate opportuno o se avete qualche dubbio o preoccupazione.

  • Intensità del flusso: è’ più scarso o più abbondante del solito?
  • L’ultimo giorno del ciclo: questo vi aiuterà a capire quanti giorni dura normalmente e quando è più lungo del solito.
  • Dolori durante le mestruazioni: scrivete se sono stati dolori sporadici o frequenti, se avete accusato più dolori del solito.
  • Sanguinamento anomalo: se avete sanguinato tra un ciclo e l’altro.
  • Altre informazioni: se l’ umore è cambiato, se è accaduto qualcosa di inusuale?

    Ciclo irregolare

Le cause del ciclo irregolare sono diverse ecco alcune:

  • Fibromi uterini: sono tumori benigni dell’utero che possono essere la causa di mestruazioni dolorose e sanguinamenti tra un ciclo e l’altro.
  • Insufficienza ovarica precoce: si verificano delle perdita della normale funzione ovarica, questo può accadere prima dei 40 anni. Nelle donne con insufficienza ovarica prematura, possono verificarsi cicli irregolari o infrequenti per anni.
  • Gravidanza o allattamento: quando la mestruazione ritarda, può essere un segnale precoce di una gravidanza. Anche quando si allatta al seno il ciclo può ritardarsi, ma dopo questa fase il ciclo torna tutto regolare.
  • Malattia infiammatoria pelvica: questa infezione degli organi riproduttivi possono causare sanguinamento mestruale irregolare.
  • Disturbi alimentari, eccessiva perdita di peso o troppa attività fisica: l’anoressia, i dimagrimenti eccessivi ed esercizi fisici intensi possono causare un’interruzione dei cicli mestruali
  •  Sindrome dell’ovaio polocistico:  è un disturbo ormonale piuttosto comune e spesso passeggero e non importante, può causare piccole cisti ovariche e periodi irregolari. Quando è importante necessita di cure.

Prevenire le irregolarità

Il ciclo mestruale si può regolarizzare assumendo la pillola contraccettiva, anche se alcune irregolarità mestruali non possono essere evitate con questo sistema.

Sicuramente una  visita ginecologica può essere di aiuto a diagnosticare eventuali problemi che interessano i tuoi organi riproduttivi, inoltre è importante rivolgersi al proprio ginecologo quando:

  • I cicli diventano irregolari: e non solo una volta ma più volte nell’arco dell’anno.
  • Le mestruazioni non arrivano improvvisamente per più di 60 giorni: non è presente una gravidanza.
  • Perdite di sangue per più di sette giorni
  • Sanguini tra un ciclo e l’altro
  • Il flusso è più intenso del solito
  • Forti e insoliti dolori durante il ciclo mestruale
  • Febbre alta e state male
  • Il ciclo ti arriva dopo 21 giorni o dopo 35 mentre di solito non lo fa.

E’ importante monitorare il proprio ciclo mestruale, perchè ci aiuta a capire cosa è normale per te e cosa non lo è.

 

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche: