Acqua di cottura della pasta | come riutilizzarla al meglio

L’acqua della pasta, si può riutilizzare per evitare sprechi, non solo in cucina, ma anche per le pulizie della casa. Scopri i possibili utilizzi.

acqua della pasta riutilizzare
Acqua di cottura Foto: Adobe Stock

L‘acqua di cottura della pasta, si può riutilizzare?

Si sa che l’acqua è una risorsa primaria, che non deve essere sprecata, ogni qual volta che cuocete la pasta potete conservare l’acqua e riutilizzarla in diversi modi. Non solo in cucina per la preparazione di ricette, ma anche per la pulizia della casa.

Basta mettere una ciotola ampia sotto lo scolapasta e il gioco è fatto, infatti noi di CheDonna.it, vi diamo alcuni consigli su come riutilizzare al meglio l’acqua di cottura della pasta per evitare sprechi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Olio essenziale di tea tree | come utilizzarlo per le pulizie domestiche

Acqua di cottura della pasta: utilizzarla per le pulizie della casa e non solo

Ecco i 20 errori che tutti facciamo pulendo casa
Pulizie casa Foto: Istock

L’acqua di cottura della pasta si può riutilizzare in cucina in diversi modi, non solo per la preparazione di zuppe e minestre. Nessuno sa che anche per sgrassare le stoviglie va benissimo l’acqua di cottura. Scopriamo insieme i possibili utilizzi.

1- Sgrassare i piatti: quando si scola la pasta, raccogliete l’acqua di cottura in una bacinella e utilizzatale per lavare le stoviglie. L’acqua calda e l’amido in esso contenuto, aiuta ad eliminare l’unto e le incrostazioni, talvolta è più efficace del detersivo. Utile in particolar modo se utilizzate la lavastoviglie, non sempre riesce ad eliminare le incrostazioni alla fine del lavaggio.

2- Mettere le stoviglie in ammollo: utile quando le stoviglie sono molto incrostate, lasciate in ammollo nel lavandino con l’acqua di cottura, poi  dopo 15 minuti, aggiungete un pò, di detersivo ecologico sulla spugnetta lavate bene.

3-Sgrassare teglie e padelle: l’efficacia dell’amido, permette di sgrassare le padella sporche e incrostate. Lasciatele in ammollo con acqua calda della pasta, poi dopo procedete al lavaggio normale.

4-Pulire gli scarichi: i tubi di scarico vengono spesso dimenticati rispetto al resto della casa, infatti si tende a pulire gli elettrodomestici, le superfici, le piastrelle ma non gli scarichi. La mancata pulizia, dei tubi di scarico, a lungo andare può causare incrostazioni e rilasciare nell’aria odori sgradevoli. Coprite con i tappi i lavandini, versate l’acqua di cottura, poi aggiungete 200 ml di aceto bianco e 100 g di bicarbonato di sodio. Se noterete una reazione effervescente, non preoccupatevi, lasciate agire per un paio di ore, poi togliete il tappo. Si consiglia questo rimedio naturale almeno una volta alla settimana per evitare la formazione di cattivi odori.
5- Allungare sughi e salse: utile quando preparate le salse e sughi, talvolta sono  troppo asciutti, e l’acqua di riciclo della pasta vi aiuterà ad allungarlo un pò.
6- Bollire le verdure: quando dovete cuocere le verdure e ortaggi, potete utilizzare l’acqua di cottura della pasta. Versatela nella pentola e portate nuovamente ad ebollizione, poi aggiungete le verdure. Ricordate di non aggiungere il sale, visto che l’acqua della pasta è già salata.
7- Arricchire le zuppe: visto che l’acqua di cottura è ricca di sali minerali e di amido, potete arricchire le zuppe e minestre.
8-Cuocere a vapore o a pressione: se avete l’abitudine di cuocere a vapore o a pressione, utilizzate l’acqua già calda, così risparmiate energia e tempo.
9- Preparazione di impasti: visto che l’acqua è salata, potete utilizzare nella preparazione di impasti come il pane, pizze, focacce, crackers, grissini o torte lievitate salate.
10- Ammorbidire i legumi: si consiglia quando acquistate i legumi secchi e non i barattolo, ma solo se l’acqua non è molto salata.
11- Mantecare la pasta: quando volete preparare la pasta risottata potete utilizzare l’acqua di cottura per mantecarla meglio.
12- Innaffiare piante e fiori: il sale da cucina apporta benefici alle piante, non solo anche l’irrigazione dell’orto, è perfetta, l’importante che sia fredda e poco salata.
Basta pensare che l’acqua è ricca di amido e di sali minerali, che renderà il terreno più fertile e non va ad alterare il pH del suolo. Non tutte sanno che l’acqua del rubinetto è  ricca di calcare e va a danneggiare le piante.
13- Impacco per i capelli: i sali e l’amido presenti nell’acqua, idratano i capelli e li rendono più morbidi e soffici. Potete utilizzare l’acqua come se fosse un balsamo, quindi da utilizzare sempre alla fine.
14- Lavare il viso: come per i capelli, anche per la pelle del viso, l’acqua di cottura della pasta va a nutrire la pelle. Non utilizzatela calda, ma la conservate in frigo e usatela ogni mattina. Infatti gli amidi cotti, sono alleati per chi vuole una pelle chiara e luminosa, basta lavare ogni giorno, consigliato anche per le donne che hanno la pelle grassa. E’più efficace l’acqua di cottura del riso perchè è più ricco in amido.
15- Pediluvio: mettete in una bacinella l’acqua, lasciate intiepidire un pò, poi immergete i piedi, soprattutto in caso di piedi gonfi. Potete aggiungere un pò di olio essenziale di cipresso o di lavanda.
16- Bagno caldo: un bagno aiuterà sicuramente a rilassarvi e a rendere la pelle più morbida. Versate l’acqua nella vasca da bagno, aggiungete l’acqua corrente e aggiungete qualche goccia di olio essenziale di lavanda. Immergetevi e rilassatevi.
Pediluvio rinfrescante
Fonte: iStock Photo
17- Preparare la pasta di sale: l’acqua di cottura della pasta è utile per preparare la pasta di sale. Un’idea perfetta per intrattenere i bambini, all’acqua di cottura, aggiungete la farina e il sale in proporzioni uguali. Lavorate l’impasto, poi aggiungete un cucchiaio di olio e un pò di colla vinilica. Divertitevi con i piccoli e liberate la vostra fantasia per realizzare tanti oggetti.