Linee guida di Inail e Iss | Al ristorante distanza di 4 metri

0
5

L’Inail in collaborazione con l’Iss ha stilato le linee guida per contenere il contagio da Sars-Cov-2 alla ripresa delle attività. Tra le disposizioni suggerite per i ristoranti la distanza di 4 metri fra i clienti e di almeno 2 fra i tavoli. 

distanza 4 metri ristorante
Foto Adobe Stock

L’Inail in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità ha stilato un documento tecnico per fornire al governo elementi di valutazione delle misure di contenimento del contagio da Sars-Cov-2. Obiettivo garantire la salute e la sicurezza degli operatori e dei consumatori nel settore ristorazione.

Tale comparto in Italia conta circa 1,2 milioni di lavoratori. Con le misure che hanno portato al lockdown, in particolare con il decreto del 10 aprile, 1,1 milioni di lavoratori sono rimasti a casa. Mentre solo 108mila sono restati attivi. Con il successivo decreto del 26 aprile una parte significativa del lavoratori sono stati autorizzati al servizio da asporto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fase 2 | Le attività che riaprono dal 18 Maggio VIDEO

In vista della parziale riapertura di alcune attività, tra cui i ristoranti, si è reso necessario rimodulare le misure di contenimento. Queste dovranno tenere conto dell’organizzazione del lavoro, ma al tempo stesso occorrerà gestire il rischio da contagio in tale settore. Un contesto considerato a rischio di aggregazione medio-alto.

Secondo Inail e Iss al ristorante distanza di 4 metri fra un cliente e l’altro

distanza 4 metri ristorante
Foto Adobe Stock

I criteri guida forniti da Inail e Iss volti al contenimento dell’epidemia sono abbastanza restrittivi. I clienti, infatti, non potranno indossare le mascherine mentre mangiano. Al tempo stesso potranno infettare stoviglie, posate e superfici dove stazionano.

Da favorire spazi all’aperto per ovviare al problema del ricambio di aria naturale. Importante sarà la ventilazione di quegli ambienti che non hanno possibilità di far circolare l’aria naturalmente come i bagni privi di finestre.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Come saranno bar e ristoranti: le misure di sicurezza

Nel documento si legge che il distanziamento tra i tavoli dovrà essere di almeno 2 metri anche in considerazione dello spazio di movimento del personale. Tra i clienti, inoltre, dovrà essere rispettata una distanza di 4 metri per evitare la trasmissione di droplets. Si potrà ovviare alla distanza adottando misure diverse come barriere divisorie.

Si renderà obbligatoria la prenotazione al fine di evitare assembramenti di persone fuori dal locale.

Eliminati servizi a buffet o simili. Occorrerà poi introdurre menù alternativi per evitare il contagio da superfici, scrivendoli su lavagne oppure consultabili via app o siti. Altrimenti potranno essere stampati giornalmente su fogli monouso.

I clienti dovranno poi indossare la mascherina prima di sedersi e dopo aver consumato il pasto al tavolo. Ad esempio quando pagano alla cassa, se vanno in bagno e si spostano per altre ragioni dal proprio tavolo.

I ristoranti dovranno provvedere a rendere disponibili, anche in più punti della sala prodotti igienizzanti per clienti e personale. In particolare per l’accesso ai servizi igienici che dovranno essere igienizzati frequentemente.

Al termine di ogni servizio saranno necessarie tutte le consuete misure di igienizzazione rispetto alle superfici. Da evitare, inoltre, il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati come saliere, oliere ecc.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Fase 2 spiagge aperte | in Emilia Romagna tutto pronto: le regole

Le misure dettate da Inail e Iss sono anche per il personale di cucina e addetti ai tavoli. Dovranno indossare tutti mascherine e guanti in nitrile. Inoltre anche il personale amministrativo dovrà tenere la mascherina negli spazi comuni e comunque dove è impossibile mantenere la distanza di almeno un metro.

distanza 4 metri ristorante
Foto Adobe Stock

Infine, dovranno essere favoriti i pagamenti elettronici con contactless e possibilità di barriere separatorie nella zona cassa, dove necessaria.

Documento Tecnico Ristorazi… by Stefano Rizzuti on Scribd

(fonte: documento tecnico ristorazione Inail)

di Cristina Biondi