Home Attualità Cinema | Lo streaming in soccorso delle sale: nasce MioCinema.it

Cinema | Lo streaming in soccorso delle sale: nasce MioCinema.it

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:49
CONDIVIDI

Lo streaming scende in campo per sostenere il cinema durante la grande crisi economica causata dal Coronavirus: un progetto rivoluzionario made in Italy.

cinema streaming
(Fonte: Instagram)

L’idea di base è quella di diffondere il cinema d’autore e allo stesso tempo le sale cinematografiche italiane che sono state costrette alla chiusura dalla quarantena.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Cinema | Il Coronavirus chiude le sale. E i nuovi film? In streaming

I promotori dell’iniziativa sono Lucky Red, Circuito Cinema e My Movies, nomi importantissimi dell’industria cinematografica e della distribuzione delle pellicole in Italia e per ora hanno aderito al progetto 70 sale cinematografiche per un totale di 200 schermi.

Il numero delle sale che si uniranno al progetto Miocinema è destinato a salire e i promotori dell’iniziativa sperano di poter arrivare a 100 sale aderenti entro la data di inizio ufficiale, fissata per il 18 Aprile 2020.

Come funzionerà nel dettaglio il meccanismo di Miocinema?

Arriva lo streaming che salva il cinema in sala

cinema coronavirus
(Fonte: Pixabay)

Il settore dello spettacolo è stato il primo a fermare le attività a causa della pandemia di Coronavirus e sarà anche l’ultimo a riaprire i battenti, dal momento che la prudenza impone di ridurre al minimo i motivi per creare pericolosi assembramenti di persone in luoghi chiusi o aperti prima che l’allarme contagio sia cessato del tutto.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Laura Pausini | “Aiutate i lavoratori dello spettacolo italiano”

Per questo motivo molte case cinematografiche americane hanno deciso di rivolgersi al canale dello streaming per far uscire i film in programma per il 2021 e non perdere gli enormi investimenti fatti nel settore della produzione e del battage pubblicitario. Anche gli Oscar si sono trovati costretti a fare i conti con la nuova condizione del cinema internazionale e hanno stabilito che potranno essere candidati anche film che non sono mai usciti nelle sale.

Probabilmente proprio dallo spunto americano è nata l’idea di utilizzare lo streaming per sovvenzionare le sale cinematografiche e aiutare i gestori a far fronte alle spese di gestione che non vengono più coperte dagli incassi.

Il sistema è tanto semplice quanto geniale: attraverso il sito www.miocinema.it si creerà un rapporto diretto (anche se digitale) tra il pubblico e una sala cinematografica. Un utente potrà decidere di acquistare un film, pagherà un prezzo per la sua visione attraverso un metodo di pagamento on line.

Al momento della scelta del film l’utente fornirà al sistema anche il proprio codice di avviamento postale: questo permetterà al sistema di individuare la sala cinematografica che ha aderito al progetto che si trova più vicina all’utente che ha appena acquistato il film.

Il 40% del costo del “biglietto virtuale” sarà quindi versato alla sala cinematografica, che quindi potrà continuare ad avere “spettatori” anche se le poltrone rimarranno vuote ancora a lungo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Cinema | Il Drive in è il futuro dopo il Coronavirus? Pro e contro

I film che saranno inseriti sulla piattaforma miocinema.it saranno principalmente film d’autore che hanno partecipato ai Festival di Cannes, di Venezia, di Berlino eccetera. Saranno inoltre disponibili contenuti speciali e film che, dopo la partecipazione a uno o più festival, non hanno mai ottenuto la distribuzione in sala.

In questo modo lo spettatore avrà la possibilità di vedere film di altissima qualità, in gran parte praticamente inediti, con l’inserimento di nuovi contenuti ogni settimana.

Il primo film disponibile sulla piattaforma sarà Les Miserables di Ladj Ly. Il film prende in prestito il titolo dal ben più famoso romanzo di Victor Hugo, ma è ambientato nella periferia parigina, in un inferno contemporaneo di violenza urbana, lotte di potere tensioni sociali tra “i miserabili” e le forze di polizia che sono chiamate a controllare e contenere la criminalità dilagante.