Lady Diana | All’asta una lettera firmata da lei, William e Harry

Una lettera scritta da Lady Diana, firmata da lei e dai suoi due figli, è un vero e proprio tesoro per coloro che ancora oggi venerano la memoria della Principessa Triste: è stata messa all’asta dall’uomo che l’ha ricevuta.

lettera lady diana
Lady Diana con William e Harry (Fonte: Instagram)

Una madre premurosa e gentile, disposta a spingersi con garbo un po’ oltre il protocollo per ringraziare l’uomo che aveva reso indimenticabile il compleanno di uno dei suoi figli: appare così Lady Diana nella lettera ricevuta trent’anni fa dal Sergente Plumb.

L’uomo ha custodito quel piccolo tesoro per oltre tre decenni, decidendo infine di metterlo all’asta in un momento storico assolutamente particolare per la famiglia reale inglese, che in questi ultimi mesi ha dovuto fronteggiare uno scandalo dietro l’altro.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Il Principe Andrea di York licenziato dalla Regina

Ultimo dei quali l’allontanamento di Harry e Meghan dalla famiglia reale e l’ulteriore indebolimento del fragilissimo equilibrio istituzionale che tiene in piedi la grande macchina della monarchia britannica.

Forse proprio a causa dell’enorme attenzione mediatica che i figli di Diana stanno ricevendo in questo momento il sergente Plumb ha deciso di vendere il suo cimelio adesso e non prima. Quanto riuscirà a guadagnare dal dolce gesto di Diana?

La lettera di Diana messa all’asta dopo trent’anni

Lady Diana, William e Harry
Lady Diana, William e Harry (Fonte: Instagram)

Chi si aspetta che la lettera di Diana contenga qualche indizio piccante sulle sue relazioni amorose “proibite” o su qualche dettaglio scabroso in merito al matrimonio con Carlo, rimarrà deluso.

La lettera ricevuta dal Sergente Plumb è in realtà un biglietto di ringraziamento che Lady Diana volle scrivere di suo pugno all’uomo che sfidò uno sciopero dei mezzi di trasporto pur di presentarsi, insieme alla sua squadra di motociclisti, alla festa di compleanno organizzata per il Principe William, che all’epoca aveva sette anni.

In calce alla lettera, scritta nel 1989 su carta intestata di Kensington Palace, oltre alla firma di Diana ci sono anche quelle dei due figli della principessa, cioè quella di William (che scrisse il proprio nome in un elegante corsivo) e quella di Harry (che invece utilizzò lo stampatello minuscolo, più facile da scrivere per un bambino di quell’età).

Il testo della lettera, molto breve, è estremamente significativo:

“Caro sergente Plumb, è stato molto cortese da parte sua e della sua squadra venire qui oggi per il compleanno di William. Non so da che parte iniziare per dirle quale divertimento è stata la parata per tutti quei piccoli ospiti e per le loro madri!

So quanto siete impegnati in questo momento, quindi per noi significa ancora di più che voi e i vostri motociclisti siate riusciti a prendere parte alla festa di compleanno. Che questa lettera giunga come il più profondo dei nostri ringraziamenti.

Sinceramente vostri Diana, William e Harry”

SULLO STESSO ARGOMENTO: William, re in prova durante il Coronavirus

La lettera sarà messa all’asta con la busta originale e anche con la spilla da bavero che venne donata al Sergente Plumb.

La lettera di Diana e dei principini è inoltre accompagnata da una lettera scritta a macchina da quella che al tempo era la dama di compagnia di Lady Diana, Ann Beckwith – Smith. La donna scrisse al superiore del sergente per ringraziarlo della disponibilità mostrata dai suoi uomini e anche per sottolineare quanto la parata fosse piaciuta alla principessa e ai suoi bambini.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Diana aveva pensato al suicidio: a salvarla furono i figli

La lettera di Lady Diana è stata battuta dalla Casa d’Aste William George con un prezzo di partenza di 7.500 Sterline, mentre la prossima offerta minima è di 8.000 Sterline, cioè oltre 9.000 Euro. L’asta si concluderà il prossimo 23 Aprile.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lady Diana Forever (@lady.diana.forever) in data:

Cosa penserebbe Diana di questa iniziativa da parte dell’uomo che quel giorno del 1989 la rese così felice? E soprattutto, chi si aggiudicherà la preziosa lettera di Lady D in un momento così difficile per l’economia mondiale e, naturalmente, anche per quella britannica?

Da leggere

Articoli che potrebbero interessarti