Lady Diana | Le sue ultime parole svelate dal pompiere che la soccorse

0
36

A 21 anni dalla morte di Lady Diana il pompiere che la soccorse a Parigi, tra le lamiere dell’auto in cui era rimasta imprigionata, rivela quali furono le sue ultime parole.

Photo credit should read TORSTEN BLACKWOOD/AFP/Getty Images

Era la notte del 31 agosto 1997 e presso l’oramai tristemente famoso sottopasso dell’Alma a Parigi moriva Diana Spencer.

Sono trascorsi 21 anni e di quella triste scomparsa non si è mai smesso di parlare. Tra ipotesi complottistiche, ricordi dolorosi e un amore sempre più grande nei confronti della “regina di cuori”, la fine di Lady Diana è celebre quanto il suo nome.

Nuovi particolari sul quella giornata, quella notte, la corsa in macchina, i soccorsi emergono in continuazione, chiarendo pochi dubbi e facendo nascere sempre più sospetti.

A risollevare l’argomento giunge ora un pompiere. Fu lui quella notte tra i primi a soccorrerla e oggi, ventuno anni dopo, racconta ciò che vide e le parole che udì direttamente dalla bocca di Lady Diana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lady Diana, l’amico sui presunti figli segreti: “È ridicolo!”

Le ultime parole di Lady Diana

“Ho notato una lieve ferita alla spalla destra ma a parte questo non mi sembrava avesse lesioni più gravi. Non c’era sangue sul suo corpo […] Onestamente ero convinto sarebbe sopravvissuta. Per quanto ne so, quando è salita sull’ambulanza era ancora viva”.

A parlare così al Sun è il sargente Xavier Gourmelon che racconta gli istanti che precedettero il trasporto di Lady Diana all’ospedale Pitie-Salpetriere e la sua successiva morte poco più tardi, alle 4 del mattino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lady Diana, il mistero delle lettere bruciate perchè troppo “scomode”

Nel ripercorrere i drammatici momenti che caratterizzarono i primi soccorsi dopo l’incidente, il pompiere riferisce anche quelle che sembrano esser state le ultimissime parole di Lady Diana.

“Mio Dio, cosa è successo?” avrebbe domandato Diana sotto schoc, subito prima di perdere i sensi per non risvegliarsi più.

Quando infatti fu estratta dalle lamiere dell’auto, Lady Diana era cosciente e aveva gli occhi aperti. Andò però subito in arresto cardiaco, la rianimarono e il cuore riprese a battere.

Al Sun Xavier ha confessato che quando ricevette la chiamata alla caserma Malar, dove era in servizio come ufficiale, non aveva idea che nell’incidente fosse coinvolta Lady D.

“Eravamo molto vicini e ci sono voluti tre minuti per raggiungere il ponte dell’Alma [dove è avvenuto lo schianto]. Avevo una squadra di 10 uomini, siamo stati i primi a soccorrerla. […] Si muoveva leggermente. Era viva. Le ho preso la mano e le ho detto di stare tranquilla che eravamo lì per aiutarla. Sono rimasto scioccato. Salii sull’ambulanza e la guardai, solo in quel momento la riconobbi.”

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che riguarda il consumo giornaliero dei vari alimenti e quali sono i migliori tra i quali scegliere CLICCA QUI!

Nonostante l’aiuto di Xavier e di tanti altri, Lady Diana quella notte non ce l’ha fatta.

Il racconto del pompiere giunge così a lanciare una nuova piccola luce su quanto accade a Parigi il 31 agosto 1997, una notte sulla quale forse mai sarà fatta totalmente chiarezza e che semplicemente si arricchisce ogni volta di qualche dettaglio in più ma mai di risposte definitive.