Home Curiosita Questo è ciò che accade al tuo corpo quando fai un lavoro...

Questo è ciò che accade al tuo corpo quando fai un lavoro che odi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00
CONDIVIDI

Si dice spesso che il lavoro sia salute! Tuttavia, in alcuni casi, può causare l’effetto opposto, precisamente quando si detesta il lavoro che si fa

Il fatto di non sentirsi realizzato professionalmente, genera stress e lo stress, porta a malattie psicosomatiche, malessere e depressione. Questa osservazione è stata trasmessa dai nostri colleghi dell’Huffpost.

Basta chiedere a migliaia di lavoratori in che rapporti sono con la loro vita professionale, per capire che sono in molti i lavoratori insoddisfatti, infelici e stressati su base giornaliera, per una molteplicità di motivi, tra i quali spiccano principalmente l’insoddisfazione per la retribuzione ricevuta o la non realizzazione, fattori che aumentano la demotivazione e di conseguenza la produttività innescando un circolo vizioso dal quale non si riesce ad uscire facilmente.

Secondo la psicologa Jivan Dempsey, il superlavoro è diventato una cultura in una società alimentata dalla tecnologia e l’essere umano è diventato una vittima. Di conseguenza, il rilassamento è diventato un bene raro per qualsiasi dipendente mentre lo stress la fa sempre più da protagonista nella vita quotidiana.

Quali sono gli effetti dello stress sulla salute?

ansiaLo stress quando diventa cronico, ha un impatto negativo sulla salute e può generare diversi disturbi come:

Insonnia

In effetti, quando le cose vanno male al lavoro, tendiamo ad avere incubi o a non riuscire a dormire bene. L’insonnia non tarda a puntare il naso per accentuare ulteriormente il nostro nervosismo e la nostra irritabilità.Dieta contro l’insonnia, ecco gli alimenti per combatterla

Dolore muscolare

Lo stress provoca spesso dolore muscolare, dandoci l’impressione di avere un peso pesante sulle spalle. Contraiamo inconsciamente i nostri muscoli e questo genera pressione e dolore che possono essere eliminati solo rilassandoci.

Ipertensione

Lo stress è uno dei principali fattori dell’ipertensione. Secondo uno studio, lo stress psicologico, causato in particolare dal lavoro, induce il rischio di ipertensione.

Rischio di malattie cardiovascolari

Un’ansia cronica può portare a un rischio di malattie cerebrali cardiovascolari. Numerosi studi hanno identificato il legame tra lo stress da lavoro e il rischio di malattie cardiovascolari, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per stabilire una vera relazione causa-effetto.

Sistema immunitario difettoso

Questo altro studio invece ha provato che lo stress danneggia il sistema immunitario e la salute generale perché esiste un’interazione tra il sistema nervoso centrale e il sistema immunitario attraverso il sistema endocrino. Pertanto, la disfunzione immunitaria causata dallo stress può indurre cambiamenti significativi nella salute del corpo.

Affaticamento cronico

È una stanchezza continua che impedisce a chiunque ne soffra di recuperare la propria energia e condurre una vita normale.

Da dove viene lo stato di stanchezza?

È importante pensarci al fine di identificare l’origine del problema. Se ti senti costantemente frustrato o nervoso sul lavoro, ciò può essere dovuto al fatto che non ti piace il lavoro che fai, l’atmosfera di lavoro, il tuo capo o la tua retribuzione bassa, questo può portare a lungo termine alla stanchezza o alla demotivazione.

A questo si aggiungono alcune situazioni delicate in cui le dimissioni non sono sempre la decisione giusta da prendere.  Sappi che ci sono modi per ridurre lo stato di stress mentre si prende del tempo per riflettere meglio e prendere le decisioni più appropriate.

Cosa fare

In un articolo pubblicato su express.fr, Hélène Montaigu, coach del lavoro, propone un passaggio che consente di fare il punto della situazione professionale.

1/È importante innanzitutto riconoscere la vera causa del disagio sul lavoro e prenderne coscienza.

2/Dedicati momenti di piacere per rilassarti in modo da poter fare una corretta autoanalisi.

3/Scrivi una descrizione del lavoro e prova ad analizzare i motivi per cui lo hai accettato e valuta i pro ei contro del lavoro che stai svolgendo.

4/Prova ad analizzare fallimenti e successi e scopri cosa li ha causati. Si tratta di provare a scoprire se sei lì per un motivo.

5/Cerca di notare le tue qualità professionali e perché non contatti le aziende di reclutamento per riconoscere il tuo vero valore sul mercato.

6/Concediti un po ‘di tempo ogni giorno per fare il punto del comportamento e delle prestazioni della giornata. Prenditi del tempo per pensare a come correggere alcuni errori professionali prima di prendere una decisione finale.

Può darsi che dopo questa analisi tu ti renda conto che non vuoi davvero lasciare l’azienda per la quale lavori ma solo evolvere in modo diverso. Inoltre, è importante valutare col tuo manager nuovi progetti o un cambio di posizione. Questa autodiagnosi ti consentirà, qualunque sia la tua decisione, di metterti in un’energia positiva.

Altre alternative

Si consiglia di praticare la meditazione consapevole, utilizzata da diversi business coach e psicoterapeuti. È una tecnica di rilassamento che ti consente di liberare l’angoscia e la rabbia per trovare una mente calma e rilassata. Si tratta di stare seduti da soli, in un luogo tranquillo per 15-30 minuti e fare respiri profondi mentre si diventa consapevoli delle emozioni negative, sentendole e poi rilasciandole e lasciandole andare. Con la pratica quotidiana, si instaura un senso di calma e pienezza per aiutarti ad affrontare le sfide quotidiane.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI