Come mangiare pandoro e panettone senza ingrassare

Pandoro e panettone: scopri come mangiarli senza prendere peso.

test pandoro o panettone Fonte: Istock photo

Il Natale si avvicina e in giro è ormai possibile trovare, tra le altre cose, i tanto attesi dolci tipici delle feste. Tra questi, spiccano ovviamente pandori e panettoni, presenti in negozi e super mercati e ormai presenti in tante di quelle versioni che accontentarsi di una sola è praticamente impossibile. Se da un lato questa possibilità di scelta rende possibile accontentare chiunque, dall’altro rende più difficile far si che si ci porti a casa un solo prodotto alla volta e tutto con il risultato di iniziare a gustare questi dolci ben prima dell’arrivo delle feste e, ovviamente, anche dopo. Un vero problema per cui, tra le altre cose, desidera anche mantenere la linea. Come fare quindi? Per fortuna esiste qualche piccola strategia che consente di mangiare pandoro e panettone senza ingrassare, godendo così del loro buon sapore e tutto senza danneggiare la linea.

Come mangiare pandoro e panettone senza prendere peso

dimagrire senza rinunce Fonte: Istock photo

Quando si pensa a dolci come al pandoro a panettone, la prima cosa che viene in mente sono le tante calorie ed il rischio di prendere peso mangiandoli. Si tratta dopotutto di alimenti ricchi di zuccheri, di cereali raffinati e di creme cariche di grassi. Come fare, quindi, a mangiarli senza prendere peso?
Prima di tutto è importante tenere a mente che se durante l’anno si mangia in modo sano e bilanciato e si segue la giusta attività fisica, lo sgarro di una volta non andrà a compromettere la linea ma sarà una piacevole parentesi, persino in grado di sollecitare il metabolismo basale.
Se si ha in mente di mangiare una fetta di questi dolci nei giorni strettamente di festa, quindi, il problema proprio non sussiste.
Come fare, però, se la voglia è quella di poterli gustare più di una volta?
In questo caso si può giocare di astuzia, cercando (senza esagerare) di integrarli nell’alimentazione di tutti i giorni, scegliendo tra le versioni più sane offerte dal mercato. Cerchiamo quindi di capire quali sono le regole base da seguire.

Scegliere pandori e panettoni “leggeri”. Se si ha intenzione di consumare questi dolci più di una volta, la prima cosa da fare è acquistare le versioni più classiche e senza l’aggiunta di creme. Si potrà optare per una fetta di quelli più elaborati come dolce Natalizio, tenendo in casa delle tentazioni meno dannose. Un pandoro classico e un panettone senza creme, sono comunque buoni e sicuramente meno dannosi. Inoltre, all’occorrenza, ingolosirli in casa con creme e preparazioni studiate ad hoc sarà semplice e forse ancor più apprezzato.

Alleggerire il quantitativo di zuccheri. Quando si compra un pandoro, si può scegliere di usare solo mezza bustina dello zucchero a velo che si trova nella confezione. In alcuni casi persino un quarto è più che sufficiente e oltre a non sporcare in giro taglierà di un bel po’ gli zuccheri e le calorie del pandoro. Quanto al panettone, si può optare per toglierli qualche candito o pezzetto di uva passa, andando così ad alleggerirlo un po’.

Mangiarli nei momenti giusti. Se si ha voglia di gustare pandoro e panettone già prima del Natale, è bene scegliere i momenti più adatti per consumarli, in modo da tagliare le calorie in eccesso e non farle gravare sulla giornata. Uno dei momenti più adatti è ad esempio quello della colazione. Una piccola fetta di uno dei due, magari associata ad un bicchiere di latte di soia senza zucchero (giusto per avere una minima fonte proteica), può essere un buon modo per togliersi il desiderio senza sforare troppo con le calorie. Il resto della giornata, ovviamente, si mangerà in modo sano e bilanciato e sopratutto senza eccessi di alcun tipo. In alternativa si può optare per un pasto leggero e a base, per lo più, di proteine come un secondo accompagnato da verdure o un’insalata alla quale non andrà aggiunto il pane. Per finire si potrà concludere con una fettina di pandoro o di panettone che sostituiranno il dolce, soddisfando il palato e senza gravare sulla linea.

Non esagerare con il consumo settimanale. Ovviamente, si tratta pur sempre di dolci e per di più confezionati. Visto che sono a lunga scadenza, è bene non esagerare mangiandoli ogni giorno ma optare per due, massimo tre volte a settimana e sempre in quantità non elevate. In questo modo si arriverà alla loro scadenza senza aver esagerato troppo.

Offrirli agli amici. Se si ha in mente di comprare più confezioni per provarne diversi sapori, è ovvio che il rischio di non finirli tutti si fa più elevato. Questo però non deve essere un motivo per mangiare di più. In tal caso, meglio offrirli ad amici o colleghi al lavoro. Loro gradiranno e ci si sarà liberati di una parte di tentazione, riuscendo ad assaggiare il prodotto prescelto senza trovarsi a doverlo mangiare tutto.

Seguendo questi consigli, mangiare pandori e panettoni senza ingrassare sarà molto più semplice, ovviamente a patto di seguire per il resto del tempo un’alimentazione sana e bilanciata e coadiuvata da della sana attività fisica.

Attenzione: Se si è a dieta o in cura con un nutrizionista, le cose ovviamente cambiano e prima di iniziare ad inserire questi dolci nella propria alimentazione è indispensabile chiedere il parere del medico con il quale si è in cura. Lo stesso vale per chi ha problemi di diabete o con gli zuccheri che in questi dolci sono presenti sempre in grandi quantità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->>>
Dieta a base di agrumi, per arrivare in forma al Natale
Natale con la pancia piatta? Prova con l’infuso di salvia
Natale 2019: come mangiare la frutta secca senza ingrassare