Home Salute e Benessere Pausa pranzo: cosa mangiare il panino o l’insalata?

Pausa pranzo: cosa mangiare il panino o l’insalata?

CONDIVIDI

Consumate il pranzo fuori casa? Cosa mangiate? L’insalata e il panino sono due soluzioni da scegliere a pausa pranzo, ma scopriamo i pro e i contro.

Pausa pranzo Fonte: Istock

Consumare il pranzo fuori casa scegliendo gli alimenti giusti non è per niente semplice, soprattutto se si è a dieta. Non è facile organizzarsi con il pranzo perchè la classica domanda che ci poniamo è: cosa devo mangiare? Pizza, panino, sandwich o una bella insalata?

Preparare al mattino presto il pranzo da portare in ufficio comporta per alcuni degli sforzi in termini di organizzazione, sia mentale che pratica, in quanto non è facile conciliare comodità e velocità con salute e leggerezza dei piatti.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche suggerimento utile per il pranzo migliore da consumare fuori casa.

Pranzo fuori  casa: panino o insalata? Parla l’esperto

Fonte Istock photo

Le persone che hanno poco tempo a disposizione per preparare il pranzo, di solito fanno ricadere la scelta sul panino o sull’insalata. Ma entrambi presentano, come ogni cosa, dei pro e dei contro.

  • Il panino: è pratico da preparare e portare in giro, molti lo considerano però molto calorico.
  • L’insalata: viene considerato un piatto più light, ma un pò più difficile da preparare, in quanto non si sa mai se condirla a casa o al lavoro. Si può variare la preparazione ad esempio: insalata e pomodori, oppure insalata e legumi o ortaggi.

Secondo il nutrizionista Piretta, bisogna considerare alcuni aspetti importanti nella scelta degli alimenti, in quanto: “l’insalata non deve essere sempre considerata un piatto light, in quanto dipende da cosa mettiamo dentro, sicuramente se viene condita con formaggio, mais o abbondante olio le calorie tendono ad aumentare”.

Secondo il nutrizionista se la scelta ricade sul panino: ” le calorie superiori date dal pane, in totale potrebbe essere anche più leggero dell’insalata, ma dipende come viene farcito”. Se mettiamo il pomodoro e mozzarella, sarà più calorico rispetto alla bresaola e insalata con formaggio magro. Insomma, tutto sta nella scelta di condimenti e farcitura.

Panino: i pro e i contro 

Panino farcito (iStock Photos)

Scopriamo i vantaggi e gli svantaggi che offre il panino:

Pro

  1. Panino è ricco di carboidrati: quindi fornisce energia al nostro organismo, aiutandoci a sostenere le attività quotidiane, comprese quelle cerebrali. La scelta migliore sarebbe quello integrale.
  2. Panino con verdure grigliate: nonostante un apporto calorico derivato dal pane, se lo farciamo con le verdure grigliate, i salumi magri e le foglie d’insalata, è un pranzo perfetto sano ed equilibrato.
  3. Variare la farcitura: sicuramente la regola più importante è quella di variare, perchè se ogni giorno mangiare il panino con gli stessi salumi, formaggi e verdure non è la scelta giusta. Ecco alcuni suggerimenti  da seguire: panino con formaggi magri e verdure grigliate, uova sode con insalata e pomodori, creme di olive o hummus di legumi. Non solo gli ingredienti si possono variare ma anche il tipo di panino, ecco alcune varietà: di kamut, di segale, al grano saraceno o integrale.

Contro

  1. Evitare panini, focacce e sandwich super farciti: soprattutto con salse come la maionese o il ketchup.
  2. Non acquistare panini farciti nei bar: in quanto sono molto calorici e difficili da digerire, meglio preparare il panino a casa con ingredienti genuini, di cui conosci la provenienza.

Insalata: i pro e i contro 

Fonte: IStock

L’insalata viene considerato un piatto light ma non è sempre vero, in quanto la scelta degli ingredienti va ad influenzare notevolmente con l’apporto calorico. Scopriamo i pregi e i difetti dell’insalata, come pranzo da consumare fuori casa.

Pro

  1. L’insalata fornisce una grande quantità di fibre: queste sono importanti per il nostro organismo in quanto aiutano a mantenere in salute l’intestino e ci allontanano dalle  malattie dell’apparato gastrointestinale. Le fibre in oltre aumentano il senso di sazietà.
  2. Se arricchite l’insalata per farla diventare un piatto unico: questo aumenterà leggermente le calorie, ma anche l’equilibrio dei nutrienti ne gioverà. Ad esempio consumate l’insalata con dei crostini di pane, aggiungete poi le uova sode, formaggi light o un salume leggero così da inserire le proteine.
  3. Insalata dalla fonte proteica vegetale: basta aggiungere alle foglie verdi l’avocado, il tofu, il seitan, i legumi, facendo sempre attenzione alle calorie, soprattutto quando si tratta di salumi e formaggi.

Contro

  1. Insalata molto farcita apporta molte calorie: sicuramente se aggiungiamo i seguenti ingredienti come: pomodori, formaggi grassi, uova sode, tonne, olive, salumi tagliati a dadini, magari condita con salse grasse. Dopo aver mangiato, ci si sente sazi, ma dopo poco si avverte lo stimolo della fame “cadendo in tentazione” di snack poco salutari come i così detti cibo spazzatura.

Indipendentemente se scelta ricadrà sul panino o insalata, è importante variare il più possibile, in modo da garantire un’alimentazione sana e ben bilanciata.

Panini o insalata: sfatiamo i falsi miti

Fonte: Istock

Ci sono alcuni falsi miti da sfatare si sul panino che sull’insalata, scopriamo quali sono:

1 – Il panino durante la pausa pranzo è pesante?

La risposta è falsa, in quanto dipende da come lo farciamo, sicuramente un panino che contiene lattuga, pomodoro e mozzarella è più leggero di un panino farcito con speck e brie.

2 – Un’insalata a pranzo è meglio per chi è a dieta?

Sicuramente per le persone che sono a dieta, la classica insalata rappresenta un piatto meno calorico, ma se la condite con 2 cucchiai di olio e aggiungete un formaggio grasso come la fontina ad esempio, allora sì che diventa un piatto più calorico del panino.

3 – Insalate e panini sono un pranzo equilibrato?

E’ vero, in quanto sia l’insalata che il panino possono essere un piatto equilibrato. Sicuramente è sempre consigliabile distribuire le calorie giornaliere in modo equilibrato, si sa che a colazione basta il 20%, il 10% a metà mattina, 30% a pranzo, 10% a metà pomeriggio e 30% a cena.

4 – Il vantaggio è la varietà

Questo è vero, perchè non si deve mai commettere l’errore di considerare un tipo di alimento sufficiente a coprire i fabbisogni nutrizionali. La varietà è importante anche  all’interno di uno stesso gruppo alimentare.

5 – I salumi nel panino ti danno energia e puoi mangiarli tutti i giorni

Questo è un mito vero e falso allo stesso tempo, le proteine si sa che sono importanti, ma non si può mangiare tutti i giorni i salumi nel panino, non per l’apporto calorico, ma perchè sono alimenti ricchi in acidi grassi saturi e colesterolo. 

Se la vostra scelta deve ricadere sui salumi allora scegliete quelli magri come:

  • bresaola
  • prosciutto cotto
  • petto di tacchino
  • mortadella o il salame: concedetevelo ogni tanto, si sa nessun alimento è vietato, ma le quantità si.

 

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: