Home DIY Presepe fai da te: come realizzarlo a casa in poco tempo

Presepe fai da te: come realizzarlo a casa in poco tempo

CONDIVIDI

Non è difficile realizzare un presepe fai da te, basta avere manualità e pazienza. Ecco come realizzarlo da quello in legno a quello tradizionale napoletano

Presepe fai da te iStock Photos

Il Natale è alle porte, tutti desiderano decorare e abbellire la casa con nastri, palline e oggetti natalizi, soprattutto i più piccoli. Oltre all’albero di Natale, da abbellire come preferite dallo stile shabby chic a quello rustico, i più tradizionalisti non possono fare a meno del presepe, magari l’idea del “fai da te” lo renderà unico.

L’idea di costruirlo con tutta la famiglia non è male per rendere unico il Natale e stupire gli amici ma, come si può costruire un presepe? L’iconica rappresentazione della nascita di Gesù Cristo è uno dei simboli natalizi più tradizionali al mondo e nelle case italiane ce n’è sempre uno illuminato che rende l’atmosfera ancora più magica.

Non è un impresa ardua realizzarlo, ma se non sapete proprio da dove iniziare, armatevi  di pazienza, fantasia e manualità che a tutto il resto ci pensiamo noi.

Noi di CheDonna.it vi diamo tutti i suggerimenti  per realizzare un presepe fai da te in casa in modo semplice, che lo renderà davvero particolare.

Costruire un presepe fai da te

Per realizzare un presepe fai da te ci sono diversi modi ecco alcuni esempi da seguire:

  1. in cartone o sughero
  2. in legno
  3. tradizionale napoletano

 

1. Presepe di cartone o sughero: occorrente

Come realizzare il presepe iStock Photos
Il cartone e il sughero sono i materiali con cui si costruisce un presepe artigianale in casa, ecco tutto ciò che vi occorre per poterlo realizzare:

  • scatole di scarpe oppure dei cartoncini a forma di cubo
  • pezzi di sughero
  • carta per realizzare le montagne
  • carta blu
  • gesso o carta da pacchi
  • colla a caldo
  • carta argentata
  • stucco
  • lampada blu oppure le serie luminose, sono da preferire a luce calda
  • segatura
  • sassolini
  • rametti
  • sabbia
  • muschio
  • statuine
  • ovatta

Il consiglio per realizzarlo bene è di far il disegno, così da riprodurre alla perfezione il  proprio bozzetto, fate attenzione ad indicare con precisione la disposizione delle montagne, di eventuali ruscelli, fiumi e delle casette e soprattutto della grotta della natività.

Dividete lo spazio in diversi piani:

  1. primo piano va la natività, le casette e i pastori più grandi;
  2. secondo piano meno esteso del primo, si collocano i paesaggi, fiumi e ruscelli, piante e statuine più piccole;
  3. terzo piano si mettono le montagne senza statue;
  4. quarto piano va il fondale, che permette effetti luminosi da personalizzare con gusto.

Come realizzarlo

Presepe con il muschio iStock Photos

I sassolini, i rametti, il muschio, la sabbia e  le restanti cose sono gli elementi base per cominciare a realizzare il presepe.

Si deve iniziare dal fondo utilizzando la carta di colore blu, dipingete sopra le stelle, in alternativa, potete utilizzare quella già stampata, ma il bello è proprio creare con le proprie mani.

Adesso proseguite con il resto del presepe, dedicatevi alla realizzazione della struttura con le scatole di cartone, oppure potete utilizzare dei cartoncini, incollate a forma di cubo o parallelepipedo utilizzando con la colla a caldo. In alternativa per la struttura potete utilizzare direttamente il sughero, il fondo lo realizzate con la carta montagna o con il muschio,  mentre modellate con il gesso le strade, le vallate e i monti. Il gesso va preparato prima.

Adesso collocate le costruzioni nel punto esatto indicato nel disegno, potete utilizzare il sughero scegliendo i pezzi meglio incurvati per riprodurre delle grotte perfette. La grotta della natività deve essere più concava è possibile ed ogni pezzo deve essere incollato alla base con la colla a caldo. La grotta va completata con alcune spatolate di stucco, così da unire i diversi pezzi di sughero, si deve far asciugare per almeno 24 ore.

A questo punto dovete realizzate il prato, le strade e il fiume, il prato si ricopre con la  segatura colorata di verde, con la sabbia create la divisione delle strade, mentre i sassolini li distribuite su entrambi i lati.

Il fiume si può realizzare con la carta argentata, la neve sulle case con un pò di ovatta, posizionate i pastori, appena terminata la realizzazione del paesaggio, posizionate le statuine, rispettando le proporzioni.

Le luci vanno messe adesso dopo aver terminato tutto, sono preferibili a luce calda o magari potete mettere vicino al presepe una lampada dipinta di blu, così da creare l’effetto notturno.

2. Presepe in legno

Presepe con pastori tradizionali iStock Photos

Se siete bravi a lavorare il legno, potete realizzare il presepe interamente in legno, questo perchè dovete essere molto abili a maneggiare determinate attrezzature.

L’occorrente necessario è:

  • seghetto
  • taglierino
  • carta-vetro
  • scalpelli
  • pitture per il legno
  • balsa

La balsa è la qualità di legno perfetta per essere lavorata con molta facilità, perchè è morbida così morbida da prestarsi al taglio con il taglierino. A differenza del presepe in sughero o in cartone, per realizzare quello in legno non necessita di un’accurata progettazione, ma basta fare il disegno direttamente sulla balsa.

L’ideale è costruire una grotta con il tetto con 2 casette adiacenti e un gregge di pecore, vi occorrerà 1,5 metri di larghezza e 70 cm di altezza. Le misure della balsa, dipendono da dove lo collocate il presepe.

Per preparare la base, utilizzare come base un pannello da 100 cm x 70 cm, poi aggiungete uno strato di sughero o di truciolato in modo da creare delle rocce e le alture paesaggistiche. Poi dedicatevi alle realizzazione della grotta e le altre strutture, tagliate  4 pareti per ogni abitazione, ricordate che per la capanna occorre una parete più grande. Ogni casetta va chiusa con i tetti di balsa che devono essere ricoperti di paglia, realizzate la staccionata con degli stecchini e decorate a proprio piacimento,  magari con le stelle filanti e lucine.

Dopo aver completato tutte le strutture in legno, decorate con il muschio, con la neve e con le statuine. Se volete rendere il vostro presepe più realistico, potete mettere le statuine meccaniche, come il pizzaiolo che inforna le pizze, la lavandaia che fa il bucato o ancora il bambino Gesù che si muove nella mangiatoia. E’ banale ribadirlo ma il presepe va posizionato accanto ad una presa della corrente, così da poter far funzionare il tutto inserendo semplicemente la spina ogni volta che arriveranno gli ospiti.

3. Presepe napoletano

Presepe Napoletano istock Photos

Il presepe tradizionale napoletano riproduce la natività di Gesù Cristo e comprende una serie di personaggi, luoghi e simboli tipici della cultura partenopea.

Se volete realizzarlo dovrete seguire le tecniche dei maestri napoletani, che posizionano in primo piano ad un altezza dal pavimento di circa 160-170 cm, in modo da dare vivacità armoniosa a chi guarda.
Le casette si possono realizzare nel materiale che preferite, l’importante sono le decorazioni e soprattutto la scelta dei classici pastorelli napoletani. Secondo la tradizione partenopea vuole che il presepe deve essere allestito l’8 dicembre e la mangiatoia deve restare vuota fino alla notte di Natale, mentre i re Magi devono essere aggiunti solo nel giorno dell’Epifania.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE…