Home Salute e Benessere Psiche Dopo una violenza sessuale muore di tristezza a soli 15 anni

Dopo una violenza sessuale muore di tristezza a soli 15 anni

CONDIVIDI

Rehtaeh Parsons, una ragazza vittima di violenza sessuale, illustra questo malessere e si uccida a seguito di uno stupro di gruppo.

L’adolescenza è un periodo molto delicato in cui i giovani sperimentano sconvolgimenti estremi, sia emotivamente che fisicamente. Quando è caratterizzata dalla violenza, comporta non solo ripercussioni fisiche ma anche gravi conseguenze psicologiche, soprattutto in caso di aggressione o stupro.

Se gli anni dell’adolescenza sono un ricordo felice e pieno di eventi per alcuni, per altri sono il doloroso promemoria degli anni da incubo quando hanno sofferto della crudeltà degli altri. Rehtaeh Parsons ha pagato per questo mentre partecipava a una festa con una sua amica in Scozia. Quello che non sapeva era che si stava preparando a vivere un dramma più impegnativo che avrebbe cambiato la sua vita per sempre. Quest’ultimo lo conduce in una spirale infernale che sfortunatamente finirà in tragedia. Ecco la storia trasmessa dal sito Paris Match.

Una serata felice che si trasforma in dramma

Padre violenta la figlia in Bolivia

Durante una festa che avrebbe dovuto rappresentare un piacevole ricordo per un gruppo di adolescenti, una giovane adolescente di nome Rehtaeh è stata violentata da quattro suoi compagni di classe.  Aveva 15 anni quando è accaduto il fatto. Uno degli stupratori si è permesso di fare una foto della ragazza seminuda per pubblicarla sui social network. Le immagini della sua nudità hanno rovinato la reputazione di Rehtaeh, che è diventata gradualmente depressa e ignorata da tutti i suoi vecchi amici.

Rehtaeh non riuscì, inizialmente, a raccontare la sua sventura a sua madre, probabilmente per vergogna, col tempo, la giovane adolescente alla fine ha ceduto alla morsa della sua angoscia e ha informato la sua famiglia dell’incidente crudele. La sua denuncia contro i suoi aggressori ha portato a un’indagine di un anno, ma alla fine è stata abbandonata a causa di prove insufficienti, lasciando la ragazza in uno stato di depressione allarmante.

Sua madre raccontava dolorosamente lo stato di angoscia in cui si versava sua figlia: “Non è mai stata lasciata sola. Ha dovuto lasciare la comunità. Le sue amiche si rivoltarono contro di lei. La gente la molestava. I ragazzi che non la conosceva hanno iniziato a inviarle messaggi su Facebook dove le chiedevano di avere rapporti con loro”, ha detto Leah Parsons al CBC.

Nonostante loro ne parlassero, la situazione non migliorava e la sofferenza della ragazza era sempre più palpabile.

È così che ha commesso l’inevitabile nel bagno di famiglia 17 mesi dopo l’incidente. È stata scoperta da sua madre, che purtroppo è arrivata troppo tardi. Incapace di sopportare tutta la sua miseria e di non aver superato il trauma inerente a questo evento, la ragazza sfortunatamente ha finito per togliersi la vita perché la sua reputazione era stata compromessa per sempre e lei non riusciva ad accettarlo.

Questa storia ci ricorda l’importanza di aumentare la consapevolezza dei pericoli di bullismo e molestie nelle scuole per proteggere le vittime ed evitare il peggio. È essenziale ascoltare i nostri figli e dare loro la sicurezza emotiva di cui hanno bisogno per poter chiedere aiuto quando necessario.

Bullismo e molestie

Uno studio ha rilevato che in un’aula di 30 studenti, tra i 6 e 17 studenti hanno a che fare col bullismo in veste di vittima o carnefice. La stessa ricerca mostra come le vittime del bullismo abbiano maggiori probabilità di soffrire di depressione e ansia, con un senso di perdita di appartenenza e difficoltà nel mantenere relazioni durature.

Anche il loro rendimento scolastico sarebbe interrotto e soffrirebbero di una maggiore solitudine e di un comportamento suicidario allarmante. La consapevolezza di questi atti di molestia è quindi più importante che mai, poiché sono in gioco le vite dei giovani e ogni anno vengono registrati migliaia di suicidi.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI