Home Maternità E’ giusto lasciare che tuo figlio creda in Babbo Natale?

E’ giusto lasciare che tuo figlio creda in Babbo Natale?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29
CONDIVIDI

Bambini tra mito e realtà a Natale, credere a Babbo a Natale è giusto o sbagliato? Ecco cosa ne pensano gli esperti

Alcuni genitori si sentono in colpa per il fatto che per mantenere il mito di Babbo Natale mentono ai propri figli, altri genitori sono felici di far durare il più a lungo possibile questo mito illuminando questo protagonista del Natale. Vi siete mai chiesti se sia giusto lasciare che nostro figlio creda o meno in Babbo Natale?

Torna ogni anno con la sua risata ricca di bontà e il suo sacco pieno di regali. Dopo quasi due secoli di esistenza, Babbo Natale continua instancabilmente a far sognare i bambini. Eppure questo mito è un’illusione a cui il bambino dovrà rinunciare crescendo. Un passaggio inevitabile per toccare l’età della ragione.

Una favola che protegge il bambino dalla realtà

La storia di Babbo Natale fa mentire i genitori ai loro figli. Eppure, a differenza di alcune bugie che possono essere distruttive, quella di Babbo Natale trasmette qualcosa di magico e meraviglioso. Una favola che protegge, per un pò, il bambino dalla realtà: sapere che tutti i suoi desideri possono essere soddisfatti!

Fino a quanti anni puoi lasciare che tuo figlio creda a Babbo Natale?

È spesso intorno ai 6-7 anni che il bambino inizia a fare domande: “Come fa Babbo Natale a visitare tutti i bambini in una sola notte? “Come può entrare nel camino?”

A questa età, i genitori non dovrebbero persistere nel nutrire le proprie convinzioni. Il modo migliore per completare questo corso è chiedergli cosa ne pensa. Il bambino probabilmente risponderà che pensa che sia strano e quindi è tempo di dirgli la verità.

Dopo l’età della ragione, il bambino deve conoscere la verità. Non lo aiuta crescere spingendolo a vivere in un mondo immaginario.

Rifiuta di rinunciare alle sue convinzioni

Se il bambino continua a credere fermamente in Babbo Natale, i genitori possono aiutarlo a mettere in discussione alcune “aberrazioni”: “Pensi che le renne possano davvero volare in cielo? “Esisteranno piccoli elfi che fanno regali? “

L’obiettivo è suscitare la mente critica del bambino. Quest’ultimo finirà, da solo, ad abbassare il velo delle illusioni.

Come reagirà sapendo che gli abbiamo mentito?

Che i genitori si rassicurino, il bambino non li biasimerà per questa “menzogna”. Sarà piuttosto preoccupato per il futuro dei suoi doni. Tranquillizzandolo e rassicurandolo, chiedigli di mantenere il segreto per il suo fratellino o sorellina.

Lusingato di essere nella connivenza degli adulti, sicuramente manterrà il mistero e sperimenterà questa disillusione come un nuovo stadio della sua maturità.

Da dove viene il mito di Babbo Natale?

È nel 1822 che il mito di Babbo Natale appare sotto la penna di un pastore americano.

Da San Nicola all’omino in rosso. Per scrivere una poesia ai suoi figli, quest’ultimo si ispira alla storia del santo cristiano Nicolas (americanizzato sotto il nome di Babbo Natale). Babbo Natale viene descritto come un “piccolo vecchio”, “paffuto e grassoccio”, con una barba bianca, che guida una slitta trainata da otto renne e arriva ai bambini passando dal camino … Quasi tutti gli elementi della tradizione attuale.

Thomas Nast, un caricaturista di New York, dà a Babbo Natale gli altri attributi che conosciamo oggi: l’abito rosso con una grande cintura di pelle. E installa il suo personaggio al Polo Nord. Quando la Coca-Cola usa Babbo Natale nel 1931 per la sua pubblicità, la compagnia gli dona l’aria bonaria e gioviale che i bambini lo conoscono oggi.

L’omino in rosso sbarcò in Italia e nel resto d’Europa dopo la seconda guerra mondiale. Questo rito pagano, inizialmente frainteso dalla Chiesa cattolica, fu un successo immediato, ancora intatto tra i piccoli e i loro genitori.

Dove scrivere a Babbo Natale?

Oltre un milione di bambini scrivono a Babbo Natale ogni anno, sotto forma di lettere, disegni o e-mail.

Indipendentemente dall’indirizzo, tutto ciò che devi fare è indicare su una busta non stampata le parole magiche “Babbo Natale” in modo che la missiva arrivi al servizio di smistamento delle poste.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI