Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Cibi lassativi: quali sono, quando e come assumerli

Cibi lassativi: quali sono, quando e come assumerli

CONDIVIDI

Cibi lassativi: sai quali sono, come e quando assumerli? Una cura naturale per sgonfiare la pancia e depurarti dalle scorie in eccesso. Scopri tutto sui cibi lassativi

cibi lassativi Fonte: Istock

I cibi lassativi sono una vera manna caduta dal cielo, ops, no, dalla Terra. E sì, perché se mangiati nelle giuste dosi e quantità, questi cibi favoriscono il transito intestinale regolandolo e, non solo, aiutano conseguentemente a sgonfiare l’addome dai gas in eccesso, ritrovando la giusta linea. Un intestino sano e pulito si ripercuote all’esterno, come? Attraverso la pelle. Una pelle liscia, sana, radiosa è il frutto di una corretta alimentazione, dunque di un buon transito intestinale. E se hai qualche problema nel capire quali sono i cibi lassativi, non preoccuparti, siamo qui appositamente per svelartelo.

Cibi lassativi: purificare l’intestino e trovare la giusta regolarità

cibi lassativi Fonte: Istock

Le cause che conducono alla stitichezza sono diverse e per curarla è bene capire quale sia la causa. Non meno importante è l’aspetto psicosomatico. Per fortuna introducendo in un’alimentazione disordinata e irregolare i cibi giusti è possibile dargli una “scossa positiva” e farlo ripartire  meglio di prima.

E’ piuttosto normale nella nostra cultura utilizzare pastiglie o rimedi di qualsiasi genere (naturali e non) per intervenire sull’intestino quando si soffre di stitichezza. In realtà il problema della stipsi non si risolve in questo modo. Utilizzando, infatti, rimedi che forzano in qualche modo l’espulsione delle feci, interveniamo solo a livello sintomatico e d’emergenza ma non mettiamo al tappeto in modo definitivo la fastidiosa stitichezza.I lassativi si distinguono infatti in categorie differenti. Ci sono quelli che agiscono meccanicamente, quelli che aumentano la massa fecale e quelli che agiscono per osmosi. Quelli più comunemente usati appartengono alla categoria degli antrachinoni che però dovrebbero essere usati solo in situazione di emergenza (quando si è in presenza di una stipsi che dura da diversi giorni e bisogna sbloccarla) molto  saltuaria. Si tratta infatti di erbe dal principio attivo irritante e pericoloso per la mucosa intestinale. L’uso continuativo e prolungato degli antrachinoni può produrre effetti collaterali anche gravi (paralisi dell’ano, cancro).

Circa il 70% del nostro sistema immunitario si forma e risiede nell’intestino. Questo è uno dei motivi per cui è importante mantenere  in salute quest’organo “intelligente”. L’intestino è infatti chiamato il “secondo cervello” per la ricchezza di terminazioni nervose ed anche perché è strettamente connesso al nostro sistema emotivo. Lo stress, le tensioni e le situazioni difficili oltre a una alimentazione disordinata e povera di fibre si ripercuotono direttamente sulla sua corretta funzionalità. In più nell’intestino avviene l’ultima fase del processo digestivo e di assimilazione finale dei nutrienti nonché  la relativa espulsione degli scarti ingeriti con il cibo.

Se si sceglie un’alimentazione ricca di vegetali e fibre suddividendo e distribuendo le varie categorie (carboidrati, proteine vegetali e non, grassi selezionati come l’olio evo e non le margarine o altri oli e grassi discutibili per la nostra salute) e bilanciando gli alimenti acidi e quelli basici nel modo giusto, allora possiamo garantire lunga vita al nostro intestino. La mancanza di regolarità influisce negativamente sul nostro sistema nervoso. Si acuiscono i disagi fisici facendoci sentire gonfi e appesantiti. Non mancano gli aspetti secondari legati a tutti questo: aria nella panciafeci stagnanti che portano non solo a incrostare le pareti e le mucose ostruendo così il passaggio di queste ultime per la loro espulsione ma possono con il tempo aprire la strada a svariate patologie.

I cibi lassativi: quali sono?

cibi lassativi (Istock)

Le statistiche mostrano un rinnovato interesse verso il naturale, con particolare attenzione a tutto ciò che dal mondo vegetale si può trarre per ricercare la salute. Ma quali sono i cibi lassativi naturali? Quelli che troviamo nell’orto – per intenderci. La lista è lunga ma vogliamo sfoltirla e regalarvi solo quei cibi migliori, quelli che fungono da veri motori lassativi per il nostro organismo. Iniziamo, come prima cosa, con prendere l’abitudine di consumare almeno due volte al giorno insalate di verdura e verdure grigliate o cotte al vapore o al forno includendo pesce e proteine vegetali ricche di fibre(e anche gustose) e aggiungendo del buon olio evo dall’azione lubrificante ed emolliente.

La Mela

cibi lassativi la mela (Istock)

La mela ha buone proprietà lassative e può essere mangiata cruda per migliorare anche la digestione, cotta o in succo filtrato per un’azione lassativa più efficace. Quando mangiamo una mela con tutta la buccia, le sue fibre insolubili (che non si dissolvono nell’acqua), giocano un ruolo molto importante sul nostro organo digestivo in caso di stipsi, giacché, il transito intestinale viene accelerato, producendo un effetto di purificazione delle tossine che sono state generate nel processo di digestione. In questi casi, come consigliano sempre le nostre nonne, per motivi igienici, è importante lavare bene la frutta prima di consumarla.
Se invece sbucciamo la mela prima di mangiarla, la pectina assume la funzione da protagonista della nostra digestione. La pectina è una fibra solubile presente nella polpa della mela, che, oltre a contribuire alla formazione del bolo alimentare, ci aiuta a prevenire e combattere la ritenzione idrica. Inoltre, la pectina elimina i batteri che provocano la colite e consente di recuperare i minerali persi a causa dell’eccesso di diarrea.

La Cipolla

cipolla cibi lassativi la cipolla – Fonte iStock

La cipolla cotta ha buone proprietà lassative. Si può mangiare affiancata ad altre verdure. La cipolla è inoltre un ottimo rimedio disintossicante e dall’azione diuretica. Cioè è dovuto alla grande ricchezza di acqua di cui è composta che la rende un rimedio naturale interessante anche per chi deve combattere il problema della ritenzione idrica, associata ovviamente ad una corretta alimentazione nel complesso e alla giusta dose di attività fisica.

Le Nespole

nespole cibi lassativi le nespole (Istock Photos)

Le nespole aiutano a regolarizzare il transito intestinale. E’ vero che la maggior parte dei frutti sono alleati della dieta e della salute, ma la nespola in particolare ha una quantità di vantaggi trasversali e non comuni. A cominciare dai benefici che porta all’intestino, sia quando è pigro che quando è troppo vivace. Non sempre di bel aspetto ma di sicura efficacia. Sono buone anche nelle macedonie ma non bisogna esagerare. Uno dei meriti più noti di questo frutto è il suo effetto duplice anti-stitichezza e anti-diarroico, a seconda del grado di maturità raggiunto. Se consumato acerbo, stadio in cui è maggiore la quantità di tannini (molecole ad azione antiossidante che provocano un effetto astringente) ha un effetto antidiarroico sull’intestino. Per contro, nel frutto maturo i tannini si trasformano in zuccheri e il frutto diventa un delicato lassativo.

Le Prugne

cibi lassativi le prugneFonte: Istock

Le prugne cotte sono ottime quanto quelle secche. Si possono mettere in acqua per farle ammorbidire e bevendone poi il liquido per un effetto sicuro o aggiungendolo a tisane, the e infusi. Il segreto delle prugne è nel suo zucchero, il sorbitolo, e in un meccanismo che innesca nell’intestino, l’osmosi. Il sorbitolo è uno zucchero che quasi non viene digerito e che per questo finisce nell’intestino. Qui, per il principio osmotico, trattiene e richiama acqua, che dà alle feci una consistenza più morbida.

I Kiwi

kiwi cibi lassativi i kiwi ( Istock Photos)

Il kiwi è consigliabile consumarlo al mattino accompagnato da qualche altro cibo per evitare che i semini si infilino nelle anse intestinali producendo (in caso di tendenza alla stitichezza) dei problemi. Ma il kiwi è naturalmente adatto a chi ha problemi di stitichezza. Numerosi studi clinici hanno dimostrato che i kiwi aiutano a combattere la stitichezza e a migliorare la motilità intestinale. Ciò si deve all’elevata quantità di fibre e alle proprietà uniche dovute al perfetto equilibrio tra fibre solubili e insolubili, che lavorano assieme e simultaneamente.

Le Arance

arance rosse cibi lassativi le arance (Istock)

Le arance hanno un tipo di fibra in grado di velocizzare il transito intestinale; agiscono infatti in fretta. Da utilizzarsi quindi nel  caso si necessiti una “manovra veloce” e  di emergenza. L’arancia favorisce la peristalsi e il transito intestinale e quindi l’eliminazione delle feci.”Consigliato, dunque, come lassativo naturale in caso di stitichezza. È bene precisare che la maggior parte delle fibra contenuta nell’arancia è presente nella pellicola bianca che si trova sotto la buccia. Il mio consiglio è, dunque, quello di non eliminare del tutto questa parte (quando il frutto acquistato è di qualità), al fine di poterne beneficiare. Sempre a livello digerente, l’arancia favorisce anche il processo digestivo anche in virtù del fatto che è un’ottima fonte di acido citrico che, una volta ingerito, abbassa il ph e pertanto l’acidità, migliorando i processi digestivi, riducendo la glicemia e mantenendo attivo il metabolismo.

La Lattuga

varietà lattuga cibi lassativi la lattuga (Istock Photos)

La lattuga è costituita prevalentemente da acqua, poco calorica, senza grassi ma con una buona fonte di carboidrati complessi e fibra è una buona amica per normalizzare e favorire la peristalsi intestinali (movimento regolare e spontaneo per l’ espulsione fisiologica delle feci). È ricca di vitamine fra cui la K (controindicata in chi assume farmaci anticoagulanti perché ne minimizza gli effetti).

L’Acqua

cibi lassativi, l’acqua (Istock Photos)

L’acqua occupa un posto di rilievo per il buon funzionamento dell’intestino. L’acqua idrata, depura e purifica. Un giusto apporto di acqua è importante per ammorbidire le feci che  specie in presenza di un eccesso di fibra o in presenza di un’alimentazione  che prevede cibi solidi e asciutti (pane, pasta, carni ma anche vegetali senza olio) seccherebbero creando difficoltà evacuative, emorroidi e ragadi. E’ importante bere l’acqua per la salute generale del corpo. Anche la mente funziona meglio se il corpo è idratato. Questo punto è valido soprattutto per gli anziani e i bambini dove lo stimolo della sete è ridotto. Un consiglio prezioso è quello di non limitarsi a bere solo acqua fresca ma anche tisane calde, brodi e minestre. Il caldo infatti smuove l’intestino favorendo la peristalsi.

Potrebbe interessarti anche: >>>>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI