Home Salute e Benessere Riso venere: quali sono le proprietà e come cucinarlo

Riso venere: quali sono le proprietà e come cucinarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30
CONDIVIDI

Il riso venere è una varietà di riso poco utilizzato in cucina, con numerose proprietà e con diversi metodi di cottura. Scopriamo come cucinarlo

 

Riso venere (Istock Photos)

Avete mai assaggiato il riso venere? Sapete come si cucina? Quante volte vi siete poste questa domanda dopo aver sfogliato un libro di ricette osservando le immagini di un bel piatto di risotto preparato con questo riso. Non tutti lo scelgono, perchè i tempi di cottura sono decisamente più elevati rispetto al riso comune. Ma vi possiamo garantire che è un riso con elevata digeribilità, quindi ideale per chi soffre di disturbi della digestione.Inoltre è  un alimento completo, indispensabile sia per bambini che per gli anziani, ha un basso contenuto di zuccheri, quindi ideale per chi soffre di diabete. Il riso venere non contiene il glutine, quindi contribuisce ad essere un alimento perfetto anche per i soggetti affetti da celiachia.

Noi di CheDonna.it vi diamo qualche notizia in più riguardo le proprietà e come poterlo cucinare.

Se vuoi restare sempre aggiornata sulle proprietà degli alimenti e sulle strategie per mantenerti sempre in forma e in salute CLICCA QUI!

 

Riso venere: proprietà

Fonte: Istock

Il riso venere è una varietà di riso ibrida, si ottiene da un incrocio di varietà di riso, essendo diverso dal punto di vista genetico rispetto alle cultivar tradizionali, non è un organismo geneticamente modificato. E’ un riso integrale che si presenta di di color viola molto scuro, quasi tendente al nero, a differenza delle altre varietà di riso, presenta un’aroma che ricorda il pane appena sfornato.

Il riso venere è un cereale integrale, che presenta i seguenti nutrienti:

  • ricco in amido
  • apporta molte fibre
  • fonte di proteine
  • acidi grassi: hanno un’importanza decisamente marginale
  • ricco in fosforo, calcio e potassio
  • ferro
  • zinco
  • selenio: la quantità è doppia rispetto al riso bianco. Il selenio gioca un ruolo fondamentale perchè ritarda l’invecchiamento cellulare e migliora le difese dell’organismo svolgendo una potente attività antiossidante.
  • vitamina B1
  • povero in sodio
  • non contiene glutine
  • contiene amminoacidi essenziali e carboidrati complessi che non alterano il livello di glicemia nel sangue;
  • vitamina del gruppo B
  • antiossidanti
  • basso indice glicemico.

 

Come si cuoce il riso venere

La cottura del riso venere spaventa un pò tutti, ma non preoccupatevi, cerchiamo di capire come avviene la cottura.

1. Riso venere bollito:

Dopo averlo lavato, lasciatelo in ammollo per un paio d’ore in acqua fredda. In una pentola con abbondante acqua (circa 1 l per 100 grammi di riso), portate ad ebollizione, salate l’acqua e aggiungete il riso che dovrà cuocerà per circa mezz’ora, scolate in un colino a maglie strette e condite come preferite.

2. Riso venere cotto in microonde

Mettete il riso sciacquato all’interno di un contenitore per la cottura in microonde, deve avere la capacità di 3 volte la quantità di riso che state per cucinare. Aggiungete due parti d’acqua per ogni parte di riso, mescolate e inserite nel microonde, lasciate cuocere per 10 minuti a 700 watt, dopo estraete il contenitore, mescolate e copritelo con l’apposito coperchio. Rimettetelo nel microonde per altri 20 minuti circa a 550 watt. Togliete dal microonde e fatelo riposare qualche minuto con il coperchio, poi sgranatelo con la forchetta proprio come fareste con il cous cous.

3. Riso venere in padella

Si può cuocerlo anche in padella, si porta ad ebollizione, in un pentolino, 2 parti d’acqua per ogni parte di riso. Nel frattempo mettete in una padella antiaderente un pò di olio extra vergine di oliva e tostate il riso per qualche minuto, dopo averlo sciacquato. Versate l’acqua bollente, e coprite con il coperchio e lasciate cuocere, senza scoperchiare mai la padella, per 30 minuti.

4. Riso venere in pentola a pressione

In una pentola a pressione mettete il riso lavato con due parti e mezzo d’acqua per ogni parte di riso. Mescolate con il cucchiaio di legno e chiudete il coperchio.Cuocete a fiamma alta fino al momento del fischio, poi l’abbassate e lasciate cuocere per 20-25 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate il riso in pentola per 5 minuti con coperchio ancora chiuso.

 

Ricette

1. Insalata di riso venere colorata

Ingredienti:

  • 200 g di riso venere
  • 100 g di carotine
  • 80 g di pisellini cotti
  • 50 g di mais cotto
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 1/2 cipolla rossa di tropea
  • 1 mazzetto di rucola fresca
  • olio evo q.b
  • sale e pepe q.b
  • succo di limone q.b

In una padella antiaderente mettete i pisellini, il mais, i capperi e le carotine tagliate a rondelle, aggiungete un pò di olio extravergine di oliva, sale, pepe. Tagliate finemente la cipolla e tenetela da parte in una terrina. In una pentola con abbondante acqua salata cuocete il riso venere, scolatelo e lasciatelo intiepidire, poi trasferite il riso in una ciotola  e conditelo con le verdurine in padella, la cipolla cruda, la rucola fresca, un filo d’olio evo e un pò di succo di limone.

2. Riso venere mantecato al tofu

Ingredienti:

  • 120 g di riso venere
  • 4 cucchiai si trito per soffritti
  • 240 ml di brodo di verdure
  • 1 cucchiaio di burro di soia
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
  • 150 g di tofu al naturale
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • 20 g di mandorle in scaglie
  • olio evo q.b
  • prezzemolo fresco q.b

In una padella antiaderente, cuocete il riso secondo il metodo pilaf ciò tostandolo con poco olio extravergine di oliva, aggiungete 240 ml di brodo bollente e lasciatelo cuocere per 30 minuti con il coperchio. Nel frattempo fate soffriggere il trito di olio extravergine di oliva, il tofu al naturale tagliato a tocchetti insieme alla salsa di soia, lasciando cuocere per circa 15 minuti, mescolando di tanto in tanto. Appena il riso venere sarà cotto, versatelo nella padella con i condimenti e mantecatelo con il burro di soia e il lievito alimentare in scaglie. Servite il riso con verdure nei piatti con le mandorle a lamelle e un pò di prezzemolo fresco tritato.

 

Riso venere con verdure thai

Ingredienti:

  • 120 g di riso venere
  • 1 cipollotto
  • 2 zucchine
  • 1 carota
  • 180 ml di latte di cocco
  • 1 peperone rosso
  • olio evo q.b
  • curry q.b
  • sale e pepe q.b

Cuocete il riso venere in abbondante acqua bollente per circa 30 minuti, nel frattempo lavate le verdure e tagliatele a julienne. In una padella con olio extravergine aggiungete il latte di cocco, le verdure e le spezie, lasciate cuocere fino a quando il latte di cocco non si sarà sufficientemente rappreso. Appena cotto il riso, scolate e conditelo con un filo d’olio extravergine a crudo e servitelo assieme alla verdure thai.

Sushi di riso venere vegetariano

Sushi di riso venere Istock-Photos

Ingredienti

  • 1 avocado
  • 100 g di riso venere
  • aceto di riso q.b
  • 1 foglia d’alga nori
  • olio evo q.b
  • sale e pepe q.b
  • succo di limone q.b

Cuocete il riso venere in abbondante acqua salata per mezz’ora, poi scolatelo e aggiungete circa 1 cucchiaio di aceto di riso. Nel frattempo, pelate l’avocado, privatelo del nocciolo e tagliatelo a bastoncini corti, condite con il sale, il pepe e il succo di limone. Componete il sushi come d’abitudine utilizzando l’apposita tovaglietta in bambù, tagliate il rotolo di alga ripieno di riso venere e avocado a pezzi della stessa misura in modo da ottenere i maki.

Fagottini di riso venere e ricotta

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 60 g di riso venere
  • 250 g di ricotta vaccina o di soia
  • erba cipollina q.b
  • sale affumicato q.b
  • pepe q.b.

Cuocete il riso in abbondante acqua salata per 30 minuti e poi scolatelo, mettetelo in una ciotola e lo fate raffreddare. Condite con il sale, il pepe ed erba cipollina, ricavate dei quadrati di dimensioni uguali dalla pasta sfoglia, poi aggiungete il ripieno al centro lasciando liberi i bordi e chiudete il fagottino in modo da convergere i quattro angoli al centro. Sigillate bene i fagottini con le mani e cuocete a 200° fino a doratura completa.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

 

Leggi anche:

Yogurt: le caratteristiche nutrizionali, proprietà benefiche e come sceglierlo

Mandarino nasconde tantissime proprietà e benefici

Cavolo verde e broccolo: proprietà, benefici e controindicazioni