Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Diabete, la dieta dei semi per controllare la glicemia

Diabete, la dieta dei semi per controllare la glicemia

CONDIVIDI

Non solo i malati di diabete, ma tutti quelli che si vogliono bene possono ridurre i rischi di infarto con una dieta a base di semi. Ecco quelli che fanno meglio in cucina.

Test diabete (Thinkstock)

Il livello dello zucchero nel sangue è fondamentale per tutti, ma ancora di più per chi soffre di diabete di tipo 2. Si tratta di pazienti che devono essere necessariamente seguiti da un diabetologo e la loro dieta è regolata anche dai suo consigli.

Ma intanto possono darsi una mano seguendo anche una dieta a base di semi. Ce ne sono diversi che si adattano al regime alimentare dei malati di diabete, ma tre in particolare si sono rivelati molto efficaci.

L’alimentazione per i malati di diabete di tipo 2 deve essere ricca di legumi, verdura, frutta, cereali non trattati e proteine.

Ma per controllare al meglio i livelli della glicemia possiamo anche affidarci ad alcuni semi oleosi che si sono dimostrati efficienti nel contrasto dei picchi di zuccheri nel sangue.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda gossip, programmi tv e reality e i suoi concorrenti CLICCA QUI!

Chia, anice e sedano: tre semi amici del cuore

Semi di chia: una recente ricerca ha evidenziato come i semi di chia aiutino a tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue e aumentano anche il senso di sazietà. I semi di chia sono capaci anche di ridurre la pressione del sangue e ridurre la proteina C-reattiva che è un segnale importante per capire se un soggetto è a rischio di malattie cardiache.

I semi di chia sono anche ricchi di antiossidanti e Omega-3, ricchi di proteine e fibre e il loro consumo quotidiano in una dieta a base di semi è anche facile. Infatti possono essere aggiunti ad uno yogurt magro a colazione o per uno spuntino, ad una insalata mista, nell’impasto di un pane integrale fatto in casa, o anche in un frullato di frutta. In ogni caso però vanno sempre accompagnati da una buona attività fisica.

Allo stesso modo i semi di anice, dall’odore e profumo molto caratteristici per la presenza dell’anetolo.

Proprio questa sostanza tiene sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue, sempre che venga accompagnato da una dieta regolare.

L’anetolo, come hanno dimostrato alcuni studi, riduce gli zuccheri nel sangue modificando le quantità di diversi enzimi e migliora la funzione delle cellule del pancreas che producono l’insulina, migliorando il tasso di glucosio nel sangue.

Leggi anche >>> Estratto abbronzante: la ricetta naturale con carota, pesca e melone

Infine i semi di sedano che in una dieta a base di semi sono da tenere in alta considerazione perché anche questi aiutano a controllare il livello degli zuccheri nel sangue.
Inoltre i semi di sedano sono ricchi di minerali fondamentali come ferro, calcio e manganese oltre che di magnesio.

Anche in questo caso c’è uno studio specifico che evidenzia come il magnesio è prezioso nel controllo della glicemia e aumenta l’efficienza dell’insulina, l’ormone che regola i livelli di glucosio nel sangue. Ecco perché nella dieta a base di semi anche questi non devono mancare.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche >>> Bicarbonato di sodio: per elimina le macchie dal viso e l’acne
Leggi anche >>> Cinque chili in sette giorni? Ecco la dieta del riso e della mela