Fumaria una pianta con numerose proprietà, scopriamole

0
2

La fumaria è una pianta officinale, depura l’organismo e non solo. Scopriamo i benefici, le controindicazioni e come utilizzarla

 

Pianta fumaria iStock-Photos

La fumaria è una pianta che cresce spontaneamente ogni anno, ed è molto diffusa in Italia. E’poco conosciuta ma è dotata di diverse proprietà, è in grado di esercitare un’azione anfocoleretica, ossia regola il flusso biliare aumentandolo se è insufficiente e diminuendolo se è eccessivo.

Noi di CheDonna.it  vi diamo qualche informazione in più riguardo le proprietà benefiche, gli utilizzi e le controindicazioni che può presenatare questa pianta.

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che riguarda le proprietà degli alimenti e cosa è meglio mangiare per stare in buona salute CLICCA QUI!

Fumaria: proprietà e benefici

Fonte: Istock-Photos

La fumaria officinalis è una pianta che esplica diverse proprietà ecco alcune.

  • Regolatore della bile: la bile è un liquido prodotto dal fegato, di fondamentale importanza per la digestione e per consentire all’organismo di trattenere le sostanze utili e di espellere quelle dannose. Questa pianta regola la produzione di bile, in quanto ne stimola la secrezione quando è scarsa, riducendola quando è eccessiva.
  • Prevenzione dei calcoli: la fumaria è in grado di inibire la formazioni di calcoli biliari nella cistifellea, si utilizza sia a scopo preventivo, sia quando i calcoli biliari sono già presenti.
  • Favorisce la digestione: grazie ai suoi principi attivi, la fumaria favorisce la digestione ed esercita un effetto benefico su tutto l’apparato gastrointestinale. Inoltre stimola l’attività dell’intestino e aiuta a depurarlo, infatti è indicato per le persone che soffrono di stitichezza. 
  • Mantiene la pelle sana e bella: la fumaria favorisce la prevenzione e la risoluzione di eczemi causati da un’insufficiente funzionalità epatica. Talvolta, trova impiego nel trattamento della psoriasi e dell’’acne.
  • Utile per chi soffre di anemia: perchè regola la produzione di globuli rossi;
  • Ha un azione diuretica.
  • Allevia il mal di testa: si può utilizzare anche a scopo preventivo.
  • Utile per prevenire l’aterosclerosi.
  • Riduce la pressione arteriosa.

Come utilizzarla

IStock Photos

La fumaria può essere utilizzata in diversi modi:

  1. sotto forma di tintura madre
  2. per preparare tisane e decotti
  3. sia assume con integratori in capsule e compresse.

1. Se si assume come tintura madre, basta diluita in acqua, si assume solitamente prima dei pasti principali. La posologia e la durata del ciclo di trattamento dipendono dalla specifiche esigenze, è preferibile chiedere consiglio al medico, al farmacista o all’erborista. Si utilizza per migliorare la funzionalità epatica, per regolare la produzione di bile, soprattutto in caso di digestione lenta e difficile, in casi di stitichezza, meteorismo e pesantezza addominale.

2. Per preparare una buona tisana a base di fumaria, portate ad ebollizione l’acqua e versate un cucchiaino di estratto secco di fumaria. Poi coprite e lasciate in infusione per una decina di minuti, prima di filtrarlo. In alternativa, ma comunque un’ottima soluzione è il decotto, mettete due cucchiai rasi di estratto secco in mezzo litro di acqua fredda, portate ad ebollizione e fate bollire per 15-20 minuti, prima di filtrare. Sia la tisana che il decotto favoriscono la depurazione dell’organismo. Infatti sono considerati dei coadiuvanti naturale nel trattamento dell’acne.

3. Gli integratori a base di fumaria si trovano anche sotto forma di capsule. L’utilizzo è simile a quello appena descritto per la tintura madre, si possono assumere le capsule prima dei pasti, secondo una posologia e un ciclo terapeutico che dipendono dal caso specifico. Sarà il vostro medico che vi darà informazioni a riguardo.

 

Modalità d’uso in casi specifici

Acne Fonte foto: Istock

  • Depurazione dell’organismo: assumere 15 gocce di tintura madre di fumaria con un po’ d’acqua prima dei pasti per un mese.
  • Digestione difficile: meteorismo e alitosi: assumere 30 gocce di tintura madre in un po’ d’acqua, assumere per 3 volte al giorno per 2 mesi.
  • Prevenzione dell’arteriosclerosi: assumere 30 gocce di tintura madre in un po’ d’acqua, 2 volte al giorno per 2 mesi. Ripetere il ciclo per 2-3 volte all’anno.
  • Artrite: assumere 2 capsule di estratto secco, oppure 250 mg per capsula, 2 volte al giorno per 2 mesi.
  • Acne: l’infuso si prepara versando una tazza di acqua calda su un cucchiaio di fiori essiccati; dopo 15 minuti filtrare e bere.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Fonte: Istock

La fumaria è una pianta ben tollerata a dosi terapeutiche, sicuramente è sconsigliata nei bambini e nelle donne in gravidanza o durante l’allattamento. Inoltre è controindicata in alcuni casi ecco quando:

  • persone che soffrono di glaucoma: in quanto dosi elevate, può causare l’aumento della pressione oculare;
  • può interagire con i sedativi e con tutti i medicinali utilizzati per abbassare la pressione del sangue;
  • causa diarrea, ipotensione arteriosa e sonnolenza: quando si fa un uso sconsiderato.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche: