Home Salute e Benessere Psiche Ansia da vacanza? Ecco come evitarla

Ansia da vacanza? Ecco come evitarla

CONDIVIDI

Scopri come fare per evitare la classica ansia da vacanze.

ansia vacanze Fonte: IStock

Ormai prossimi al Ferragosto sono in tanti gli italiani che stanno preparando le valige per andare in vacanza. Se una parte è già tornata ed un’altra preferisce partire in periodi meno caldi, la maggior parte delle persone si trova, come ogni anno, ad avventurarsi a cavallo del 15 Agosto. Chi per scelta e chi per necessità lavorative, sono in tanti ad essere ormai quasi pronti per concedersi il meritato relax. Eppure, sempre più persone si trovano ad affrontare questo periodo dell’anno che dovrebbe essere sereno e ricco di positività con un’ansia crescente e difficile da spiegare. Si tratta dell’ansia da vacanza. Un problema emerso in particolare negli ultimi anni e che si basa per lo più sulla paura del confronto nata con i social e sul bisogno di dimostrarsi si sapersi divertire come e più degli altri. Fattori che invece che rendere leggero il momento, finiscono con l’appesantirlo, rischiando di rendere le vacanze un vero inferno. Per fortuna, come a quasi tutto, anche qui c’è una soluzione che è data dall’insieme di alcune piccole strategie da mettere in atto prima, durante e dopo la vacanza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Un Ferragosto speciale per ogni segno zodiacale

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che riguarda il benessere psicologico e le strategie per vivere al meglio la tua vita CLICCA QUI!

Ansia da vacanza. Come risolverla prima che sia troppo tardi

Fonte: Istock

Se un tempo l’ansia legata alle vacanze era un problema di chi aveva il bisogno di controllare ogni cosa e temeva la non riuscita di alcune fasi del viaggio, oggi si può parlare di un problema più sociale. Il continuo essere bombardati dai viaggi degli altri, crea infatti una sorta di ansia da prestazione dalla quale riescono a sottrarsi solo coloro che sanno fregarsene e a cui poco importa il giudizio della gente. Per tutti gli altri, andare in vacanza diventa motivo d’ansia fin dalla progettazione del viaggio, proseguendo con i momenti in cui ci si trova a vivere momenti che si vorrebbero condividere e che rischiano di essere rovinati dal bisogno di esibirli nel modo che socialmente viene ritenuto giusto e che tante volte non rispecchia neppure ciò che si ama davvero. Il rischio è quello di creare delle vacanze socialmente perfette ma decisamente distanti da ciò che si desiderava davvero. Una consapevolezza che crea un’ansia comprensibili ma difficile da combattere per chi la prova. Cerchiamo quindi di capire le varie fasi e come mettere a tacere quest’ansia in modo da poter avere le vacanze più belle di sempre.

La scelta della meta. Non tutti amano l’idea di andare in luoghi affollati o di tuffarsi al mare. C’è chi in vacanza preferisce mete più tranquille, magari meno fashion e che in foto non rendono un granché. Il problema nasce nel momento in cui i propri desideri vengono messi da parte per far spazio al bisogno di ottenere consensi dagli altri o, come spesso avviene, essere invidiati. Purtroppo ciò porta a godere solo di piccoli istanti spesso resi vani dall’indifferenza che gli altri mostrano ai vari scatti, rischiando di perdersi la possibilità di avere la vacanza che si sognava da tempo. Per altre persone, invece, il problema sta proprio negli occhi. Vedono alle vacanze altrui come alla perfezione, ritenendo erroneamente che foto e storie possano raccontarle in toto e senza rendersi quindi conto del fatto che invece anche per gli altri ci sono i momenti di noia o quelli meno piacevoli che, semplicemente, non vengono mostrati. Come risolvere tutto ciò? Il trucco sta nello scegliere di fregarsene e se può aiutare ciò può essere persino dichiarato, dicendo di voler vivere una vacanza diversa e motivando così i posti che si andranno poi a mostrare. Un’altra opzione è quella di una vacanza anti social, nella quale evitare di postare ogni passo e limitarsi a qualche foto tradizionale da condividere solo con amici e parenti e da tenere nel cassetto. Un opzione che risolverebbe molti dei problemi, dando modo anche di godersi i momenti importanti senza perdere parte della loro bellezza alla ricerca dello scatto perfetto.

L’organizzazione. Per alcune persone, andare in vacanza non significa starsene in panciolle ma avere un calendario fitto di cose da fare. È un modo di essere difficile da cambiare e che in certi casi è anche l’unico che garantisce la felicità di chi vive con questi schemi 365 giorni l’anno. Purtroppo c’è da dire che oggi, chi si organizza lo fa anche per avere qualcosa da mostrare o perché ha visto che è una cosa che fanno in tanti. La verità è che l’unico aspetto del quale tenere conto dovrebbe essere ciò che più piace fare, in modo da organizzarsi solo per il proprio divertimento senza preoccuparsi minimamente di ciò che pensano gli altri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Paura di volare in aereo: ecco come superare la aerofobia

Troppe aspettative. Un tempo andare in vacanza significava semplicemente stare a casa da scuola o da lavoro, dormire fino a tardi, mangiare cose buone, incontrarsi con gli amici e godersi il tempo libero facendo ciò che più piaceva. Oggi questo aspetto è stato sostituito dal bisogno di vivere il momento perfetto, andare chissà dove per sperimentare cose nuove e vivere emozioni sempre più grandi. Se sognare in positivo è una cosa bella che spinge anche a migliorarsi e a non restare fermi nella vita, aspettarsi troppo rischia di gonfiare le aspettative al punto da far apparire la realtà quasi mediocre. Inoltre, capita spesso che creandosi un’immagine ben stampata nella mente, si finisca con il ritenere sbagliata ogni altra situazione, finendo col perderne di veramente piacevoli. La verità è che la vacanza perfetta dovrebbe lasciare spazio all’imprevedibilità perché la vita a volte sa sorprendere proprio dai piccoli imprevisti o dalle cose piccole che arrivano senza programmi. Aspettarsi qualcosa di bello va dunque bene ma solo se si sa lasciar spazio anche all’ignoto, scegliendo di trovare quanto di più positivo da tutto ciò che arriva.

Essere in vacanza è prima di tutto uno stato mentale e non ci sono viaggi o mete lontane che possono renderla bella quanto la nostra voglia di farlo. A volte anche un week end poco lontani da casa può trasformasi nella vacanza da sogno che si ricorderà per tutta la vita. Ciò che conta è non farsi mancare le vere cose irrinunciabili che sono la voglia di divertirsi, la giusta compagnia e la capacità di godere di ogni singolo istante senza dare mai nulla per scontato.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Questi cinque segni indicano che hai bisogno di una vacanza
Leggi anche -> Paura di uscire di casa: come affrontarla e superarla
Leggi anche -> Paura di guidare: come affrontarla e superarla