Home Psiche

Paura di guidare: come affrontarla e superarla

CONDIVIDI

Scopri come affrontare e superare la paura di guidare, un problema che riguarda molta più gente di quanto si pensi.

Fonte: Istock

Guidare è, per certi versi, una delle cose più naturali dei giorni nostri. Arrivata la maggiore età la voglia di mettersi al volante è sempre tanta e ad essa si unisce la brama di una maggior indipendenza data dal potersi muovere come meglio si crede e senza doversi preoccupare di controllare gli orari dei mezzi o di chiedere passaggi a parenti e amici. Eppure, sebbene stare alla guida sia per molti qualcosa di estremamente piacevole, tanta altra gente vive la cosa in modo decisamente diverso, provando emozioni negative al solo pensiero di entrare in macchina dal lato del guidatore. Si tratta di un disagio che in molti cercano di nascondere ma che in verità riguarda tantissime persone, molte delle quali donne.
Il motivo? L’auto rappresenta per l’inconscio la capacità di guidare la propria vita e si tratta di un aspetto con cui molte donne non si sentono a proprio agio, un po’ perché certe di aver preso sempre decisioni sbagliate e un po’ perché non abituate ad avere il totale controllo di tutto. Si tratta di una situazione che può creare ansia e disagio ma che può anche essere superata. Per farlo, però, bisogna mettersi d’impegno e concentrare ogni energia sulla riuscita del progetto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Tristezza: come affrontarla e superarla

Paura di guidare: sintomi e consigli per affrontarla

Fonte: Istock

Prima di tutto cerchiamo di capire come funziona quando si ha paura di guidare. In genere le persone che non guidano si dividono in due categorie: quelle che non hanno mai avuto un auto e che non hanno alcuna confidenza con la macchina e quelle che invece un tempo guidavano ma poi, da un momento all’altro hanno deciso di smettere, spesso per via di un tamponamento o per un attacco di panico avuto proprio mentre si era alla guida.
Ora, se le prime devono necessariamente imparare a guidare prima di capire se la loro paura è reale o legata semplicemente alla consapevolezza di non avere le capacità necessarie per mettersi alla guida, le altre dovranno sicuramente seguire un percorso che gli consenta di tornare a sedersi dal lato del guidatore senza star male.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la psiche e le dritte per vivere al meglio la tua vita CLICCA QUI!

Ma iniziamo con il capire quali sono i sintomi che di solito hanno coloro che hanno paura di guidare.

  • Senso di ansia costante e crescente se si prova a mettersi alla guida
  • Battito del cuore accelerato
  • Sudorazione
  • Respiro affannato
  • Senso di nausea
  • Vertigini
  • Vista annebbiata
  • Sensazione di svenimento
  • Tremori
  • Emicrania tensiva
  • Attacchi di panico

Questi sono i sintomi più frequenti che tendono a colpire chi soffre di amaxofobia, ovvero la paura di guidare un veicolo.
In genere si parla di amaxofobia quando la paura dura da almeno sei mesi e si può dire che questa momentanea incapacità rientri tra le fobie di tipo situazionale.

Inoltre va detto che questa fobia non è sempre legata a tutto il guidare ma, in alcuni casi, può riguardare solo alcune sfere che possono essere:

  • Il guidare da sole
  • L’attraversare un ponte
  • Il trovarsi nel traffico
  • Il guidare di notte
  • Il percorrere un’autostrada
  • Il cercare parcheggio
  • La paura di allontanarsi troppo da casa
  • Lo star male mentre si guida ed essere quindi causa di incidenti

A volte i sintomi possono comparire al solo pensiero di mettersi alla guida altri se ci si prova davvero. In ogni caso è ovvio che non sia una situazione piacevole.

Fonte: Istock

Come fare, quindi, a superarla? Il trucco sta nel smettere di negare la paura che si prova. Accettandola infatti, sarà sicuramente più facile analizzarla con tranquillità, riuscire a capire da dove arriva e trovare un modo per superarla.
In genere un buon esercizio di stile è quello di iniziare a muovere piccoli passi in modo da rientrare in confidenza con il mezzo. Inizialmente si potrà provare a mettersi dal lato del guidatore per un po’, senza però far partire la macchina. Si potrà poi fare qualche metro e tornare indietro, fino a percorrere dei piccoli tragitti, possibilmente in compagnia di un’amica fidata, in modo da avere sia una distrazione dalla tensione che qualcuno in grado di dare sostegno in caso di crisi d’ansia improvvise.
Se la paura è troppo grande o paralizzante, la soluzione più idonea è quella di rivolgersi ad un terapeuta che si occupa di questi aspetti e che prima parlando e poi aiutando con dei piccoli esercizi da fare, riuscirà a creare un collegamento con l’auto senza che ciò comporti inutili e spiacevoli attacchi di panico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Queste cinque abitudini fanno male al cervello

Insomma, la paura di guidare è un problema che va trattato come tale e del quale è giusto occuparsi al fine di vivere un vita serena e comprensiva di tutte le possibilità. Perché, diciamocelo, al di là della paura, sapere di potersi spostare senza problemi e riuscire a farlo da sole e magari godendosi anche il percorso è una cosa che non ha pari e che rende la qualità della vita nettamente superiore.
Inoltre se si pensa che in molti casi la paura di guidare si lega ad una scarsa stima di se, è facile immaginare come superando questo ostacolo anche l’idea che si ha di se stesse potrà solo migliorare, portando ad uno step successivo dove la vita è sicuramente più rosea e ricca di soddisfazioni da raggiungere.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

GUARDA ANCHE:
Come riprendersi da un brutto periodo

Ecco tre modi di fare che ti renderanno felice
Timidezza: come affrontarla e superarla