Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Curry: proprietà, benefici, controindicazioni e come usarlo in cucina

Curry: proprietà, benefici, controindicazioni e come usarlo in cucina

CONDIVIDI

Il curry è una miscela di spezie estremamente apprezzata. Scopriamo insieme perché fa bene, le eventuali controindicazioni e tutte le curiosità che gli girano intorno.

Fonte: iStock Photo

Il curry è una miscela di spezie di origine indiana. Comprensivo di diverse varianti ha come ingredienti principali la curcuma, lo zenzero, il coriandolo, il pepe nero, il cumino, la noce moscata, la cannella, il cardamomo, il peperoncino, i semi di senape, i semi di finocchio, il fieno greco e i fiori di garofano. Ricco di proprietà benefiche è considerato un alimento pregiato sia in cucina che per la salute. Come tutti gli alimenti, però, può avere degli effetti collaterali. Scopriamo quindi tutto quello che c’è da sapere sul curry, iniziando dai valori nutrizionali e continuando con i benefici e i modi di usarlo in cucina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Curcuma: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla

Se vuoi restare sempre aggiornata sulle proprietà e i benefici dei vari alimenti e su come usarli al meglio in cucina CLICCA QUI!

Tutto sul curry: proprietà, controindicazioni, curiosità e ricette

Fonte: ISTOCK

Il curry è un mix di spezie molto famoso, non solo per il sapore che è in grado di donare ad ogni piatto ma anche per le sue proprietà benefiche molte delle quali dipendono dalla presenza della curcuma che, unita a pepe nero e zenzero, risulta ancora più potente. Antiossidante naturale, il curry è in grado di regolare il metabolismo e di contribuire alla combustione dei grassi. In genere non c’è una dose giornaliera consigliata ma a meno di non avere problemi legati ad una delle spezie che lo compongono, usarne un po’ tutti i giorni è sicuramente un’ottima abitudine alimentare.

Calorie e valori nutrizionali
In media 100 grammi di curry apportano circa 330 calorie da considerarsi variabili in base al tipo di spezie presenti. Ricco di vitamine A, D, E, K e del gruppo B, il curry contiene anche diversi sali minerali. L’insieme di spezie che comprende ne fanno un mix ricco di proprietà benefiche per l’organismo ed ottimo da usare in sostituzione del sale.

Proprietà e benefici

Il curry vanta svariate proprietà benefiche. Tra queste le più note sono le seguenti:

  • Funge da antinfiammatorio
  • Stimola la digestione
  • Accelera il metabolismo
  • Aiuta a bruciare più velocemente in grassi
  • Ha una funzione disinfettante per l’intestino
  • È un anti ossidante naturale
  • Fa bene al cuore
  • Aiuta a prevenire il diabete di tipo 2
  • Protegge il fegato, lo stomaco e l’intestino
  • Allevia i dolori causati dall’artrite
  • Secondo alcuni studi è efficace nella lotta all’Alzheimer
  • È indicato per chi deve consumare poco sale
  • Aiuta a dimagrire
  • Aumenta il senso di sazietà

Controindicazioni
Per via della forte presenza di curcuma, il curry può essere indicato a chi soffre di malattie legate alle vie biliari. Per la presenza di pepe è invece sconsigliato o a chi ha problemi di gastrite o di ulcere mentre la presenza di peperoncino lo rende una spezia potenzialmente infiammante per il tratto urinario. Sconsigliato durante l’allattamento.
Trattandosi di un mix di spezie, il consiglio in caso di dubbi è quello di rivolgersi al proprio medico curante per chiedere informazioni in base alla propria storia clinica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Curry fatto in casa: la ricetta per creare la spezia perfetta

iStock Photo

Come assumere il curry e curiosità

Essendo un mix di spezie, il curry può essere usato in cucina per insaporire sia i primi che i secondi piatti. Si può usare così com’è o cuocerlo insieme a dell’olio, del burro chiarificato o a del latte di cocco. Volendo sperimentare qualcosa di esotico si può usare per realizzare il riso al curry indiano o la versione giapponese. In alternativa è perfetto su carni e alimenti di origine vegetale come il tofu e può essere un perfetto insaporitore per pane, pizze o focacce.

Andando alle curiosità

  • Il curry va conservato per massimo sei mesi dopo i quali il sapore andrà diminuendo fino a sparire.
  • Nel regno unito, un uomo conosciuto come “The Curry Guy” è diventato famoso per aver cucinato per un anno intero piati a base di curry che gli hanno migliorato la vita, dimostrando le proprietà eccezionali di questo mix di spezie.
  • Esistono diverse varianti che propongono mix di spezie diversi rispetto a quella indiana. Tra queste, le più note sono quella giapponese, tailandese, vietnamita e dei Caraibi.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Ravanello: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo
Leggi anche ->
Paprika: proprietà, benefici, controindicazioni e come usarla in cucina
Leggi anche ->
Yogurt greco: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo