Home Salute e Benessere Fitness Come allestire una palestra in casa

Come allestire una palestra in casa

CONDIVIDI

Scopri come allestire una palestra in casa che sia funzionale e non occupi spazio.

palestra in casa
Fonte: Istock

In questi ultimi anni, fare attività fisica in casa è diventato sempre più frequente. La mancanza di tempo libero e la necessità di risparmiare, nel tempo, ha infatti spinto sempre più persone a mettere da parte la palestra, optando per una corsa ogni tanto o, nei giorni di pioggia, per degli esercizi da fare a casa. Con l’avvento di nuove applicazioni e di personal trainer in grado di seguire anche a casa, poi, sempre più gente ha preferito sperimentare questo nuovo modo di tenersi in forma che, sebbene non sia valido per tutti, può sicuramente soddisfarne tante che altrimenti finirebbero con il non allenarsi affatto. Proviamo quindi a capire come organizzarsi per allestire una mini palestra in casa qualora non si abbia una stanza ad adibire precisamente a questo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Stretching: ecco perché è importante per i muscoli

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che ruota attorno al mondo del fitness e sulle novità per mantenerti in forma CLICCA QUI!

Palestra: come allestirne una in casa

palestra in casa
Fonte: Istock

Scegliere il punto idoneo: Per prima cosa è necessario scegliere una zona da adibire a palestra. Questo non significa dover rinunciare ad uno spazio ma individuarne uno che in poco tempo possa trasformarsi al fine di dar modo di svolgere gli allenamenti senza il rischio di infortuni. È quindi importante scegliere una zona priva di punti scivolosi o di mobili contro i quali si potrebbe andare a sbattere. A volte basta ritagliarsi un rettangolo o un quadrato immaginario che in molte stanze è già presente e sgombero e che in altre si può facilmente ottenere spostando un divano o un tavolo. Molte case, ad esempio, hanno uno spazio piuttosto ampio tra tv e divano e basta spostare l’eventuale tavolini per avere una zona idonea nella quale allenarsi senza problemi. Ottimo se si sta seguendo qualche work out su dvd e si necessita pertanto di tv.

Stabilire una zona dove riporre il tutto. Molti degli strumenti che si useranno in casa possono essere semplici come bottiglie d’acqua al posto dei pesi e via dicendo. Se si ha poco spazio un’ottima scelta è quella di trovare una panca o un piccolo contenitore dove riporre il tutto in modo da avere ogni cosa sempre a portata di mano per estrarla quando si decide di procedere con l’allenamento. All’interno di questo contenitore si potranno quindi inserire il tappetino, l’eventuale elastico (utile per molti esercizi), pesetti o bottiglie d’acqua, etc…

Scegliere il tipo di allenamento. Sapere già che tipo di allenamento si andrà a svolgere può aiutare a perfezionare la zona di casa da adibire in palestra. Se si segue un work out o si fanno lezioni private con un personal trainer, è bene informarsi prima sugli eventuali strumenti da usare in modo da avere tutto pronto e da sapere già come e dove posizionarlo. Fatto ciò quando si deciderà di iniziare non si andrà incontro ad inutili perdite di tempo. Così, quando si vuole fare attività cardio si potrà scegliere se andare a correre o effettuare esercizi sul posto, posizionandosi semplicemente nella zona adibita. Se invece si vogliono fare pesi, basterà estrarli dalla scatola per iniziare senza problemi di alcun tipo.

Decidere gli attrezzi da usare. È ovvio che un allenamento in casa, a meno di non installarvi una vera e propria palestra, non sarà mai estremo per via della mancanza di alcuni macchinari. Tutto sommato si possono ottenere comunque ottimi risultati e tutto con poca spesa e perdita di tempo ridotta al minimo indispensabile. È importante però scegliere gli attrezzi da usare. Oltre ai pesetti già citati, ci sono esercizi molto utili da fare sul tappetino e, volendo limitare le spese, ce ne sono altri che si possono fare con l’ausilio di un sedia o di uno sgabello. Se si hanno delle scale in casa le si possono usare come uno step, facendo su e giù dai gradini. Le opzioni sono tante e spesso basta usare la fantasia e, ovviamente, la giusta accortezza, per trovare quelle più adatte alla propria persona.
Infine possono essere molto utili delle fasce in grado di controllare i battiti in modo da dare sempre un’idea del proprio andamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Strappi muscolari: cosa sono e come risolvere al meglio il problema

Assicurarsi di avere le conoscenze di base. Ultima ma non meno importante è la conoscenza di ciò che si va a fare. Non va mai dimenticato, infatti, che per quanto diverso, anche un allenamento a casa ha la sua incidenza sul fisico e se svolto male può portare ad infortuni a volte anche seri. Se non si abituati a praticare sport è sempre meglio provare almeno un mese in palestra o chiedere aiuto ad un personal trainer per capire quali è meglio effettuarli e come svolgerli nel modo corretto. Inoltre, prima di iniziare, è sempre bene tener conto dei propri limiti e delle proprie capacità. Se si soffre di particolari patologie o problemi fisici bisogna chiedere sempre il parere del medico e se si hanno molti chili da perdere va chiesto un aiuto perché molti esercizi potrebbero andare a rovinare i legamento o produrre più danni che benefici.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Esercizi per il lato B: ecco quelli di Victoria Beckham
Leggi anche ->
Seno sodo: tre esercizi semplici ed efficaci
Leggi anche ->
Allenarsi bene è possibile con il fitness tracker