Albicocca: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla

L’albicocca è un frutto estivo molto amato. Scopriamone insieme le proprietà, le eventuali controindicazioni e tutte le curiosità che la riguardano.

Fonte: Istock

L’albicocca è uno dei frutti estivi più apprezzati sia per il colore che per il sapore e la consistenza. Ricca di vitamine, sali minerali e beta carotene, è sia un ottimo alimento che un rimedio di bellezza, in grado di proteggere la pelle dai raggi del sole. Come tutti gli alimenti, anche l’albicocca può avere qualche effetto collaterale. Scopriamo quindi cosa c’è da sapere su questo frutto, iniziando con i valori nutrizionali e procedendo con i benefici ed il modo migliore di usarla in cucina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta delle albicocche: per dimagrire abbronzandosi

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda le proprietà degli alimenti e i migliori rimedi naturali CLICCA QUI!

Tutto sull’albicocca: proprietà, controindicazioni, curiosità e ricette

Fonte: Istock

L’albicocca è un frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee che proviene dalla Cina.
Ricca di proprietà benefiche per l’organismo è ricca di antiossidanti e, tra le oltre cose è da considerare come un protettivo per la pelle e la vista. Tra i tanti motivi per cui è consigliato mangiarla c’è l’alta presenza di fibre. Ogni albicocca, infatti, apporta in media un grammo di fibre.
Ottima anche come ricostituente, è lo spuntino perfetto per le giornate più calde o per quelle che si passano proprio sotto al sole. La dose mediamente consigliata è di quattro al giorno anche, se ovviamente, se ne possono mangiare anche di più.
Il consiglio, visto che possono mangiarsi anche con la buccia, è quello di acquistarle di origine biologica in modo da non doversi privare di una delle parti più amate del frutto.

Calorie e valori nutrizionali
In media 100 grammi di albicocche apportano circa 28 calorie.
L’albicocca è un frutto totalmente privo di colesterolo e ricco di potassio (300 mg). Tra i minerali che contiene di più ci sono anche il magnesio (10 mg), il calcio e il fosforo (16 mg).
Andando alle vitamine, l’albicocca contiene vitamina C (10 mg) e vitamina A (1,926 IU).
È inoltre ricca di catechine, flavonoidi, polifenoli e betacarotene, essenziali nel renderla un frutto in grado di contrastare l’invecchiamento.

Proprietà e benefici

L’albicocca ha svariate proprietà benefiche. Tra queste le più note sono:

  • È utile per proteggere la retina grazie al beta carotene
  • È un antinfiammatorio naturale
  • Protegge dai raggi UHV
  • Combatte la ritenzione idrica
  • Grazie al betacarotene potenzia il collagene evitando che alcuni enzimi lo distruggano
  • Aiuta a mantenere la regolarità intestinale
  • Riduce la glicemia
  • Aiuta a tenere a bada il colesterolo
  • È ottima per limitare la fame
  • Attenua i sintomi della menopausa

Controindicazioni
L’albicocca, a meno di non essere allergici al frutto, non ha particolari controindicazioni ma in alcuni soggetti può avere effetti lassativi. Motivo per cui è sempre meglio consumarne una piccola dose se non si è mai mangiata prima.
Se si è allergici a graminacee e betulle si potrebbero avere degli effetti collatareli per via delle così dette allergie crociate. In tal caso è quindi consigliabile chiedere un parere al proprio medico curante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Pesca: proprietà, benefici, controindicazioni, come mangiarla

Fonte: Istock

Come assumere l’albicocca e curiosità

L’albicocca è un frutto molto buono e ottimo da mangiare sa solo come spuntino. A pezzetti si può aggiungere in dolci o nello yogurt della colazione. Ottima anche in versione sciroppata, se si ama osare in cucina la si può inserire all’interno di insalate estive o farla disidratare per inserirla in qualche dolce o per consumarla a fine pasto. Infine la si può bere sotto forma di frullato.
Se si sceglie di prepararla intera è bene acquistarla sempre di tipo biologico.

Andando alle curiosità:

  • Il seme dell’albicocca è ancora materia di studio e di lotte interne. Se per alcuni è da considerarsi un anti tumorale, per molti altri è altamente dannoso per la quantità di cianuro che contiene. Al momento, quindi, non si hanno certezze sull’effettiva utilità del suo consumo né su come andrebbe mangiati.
  • Le donne cinesi le mangiavano per aumentare la propria fertilità. Non a caso, è stato scoperto che le albicocche sono ricche di minerali utili alla produzione di ormoni sessuali.
  • Per poter godere dei principi attivi dell’albicocca è meglio mangiarla quando è soda. Man mano si fa più morbida, infatti, tende a perdere molte delle sue proprietà.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

GUARDA ANCHE:
Mela: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla
Pistacchi: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarli
Limone: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo