Home Dieta e Alimentazione

Cocomero: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

CONDIVIDI

Il cocomero è uno dei frutti estivi più amati da grandi e piccini. Scopriamone insieme le proprietà, le eventuali controindicazioni e tutte le curiosità che lo riguardano.

anguria proprietà
Fonte: Istock

Il cocomero, o anguria, è un dalla forma rotonda o ovale che si distingue per grandezza e peso. Con più di 50 specie, il cocomero è ricco di acqua, vitamine e sali minerali vanta diverse proprietà benefiche. Come tutti gli alimenti può avere ovviamente degli effetti collaterali. Scopriamo quindi tutto quel che c’è da sapere sul cocomero, patendo dai valori nutrizionali e proseguendo con i benefici ed il modo migliore di mangiarlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Anguria: ecco perché andrebbe mangiata ogni giorno

Se vuoi restare aggiornata su tutte le proprietà degli alimenti e sui loro effetti benefici CLICCA QUI!

Tutto sul cocomero: proprietà, controindicazioni, curiosità e ricette

Fonte: Istock

Frutto estivo per eccellenza, il cocomero appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, ovvero quella di melone, cetrioli, zucca e zucchine. Ricco di antiossidanti come il licopene che gli dona il suo tipico colore rosso, è un frutto rinfrescante che tra le tante proprietà benefiche a quelle di combattere l’ipertensione, prevenire la cistite e fungere da anti-age naturale.
Tra le altre cose, il cocomero, è anche un ottimo ingrediente di bellezza. Sebbene non ci sia una dose giornaliera raccomandata, in media si pensa che una fetta sia sufficiente a fornire i sali minerali indispensabili per affrontare le calde giornate estive.

Valori nutrizionali
Il cocomero apporta 16 calorie circa per 100 grammi. Del tutto privo di colesterolo è ricco di vitamine e minerali. Per quanto riguarda le vitamine le più presenti sono la C (8,1 mg per 100 grammi) e la A (28 nanogrammi). Andando ai minerali, è ricco di potassio (112 mg), fosforo (11 mg), magnesio (10 mg) e calcio (7 mg).
Contiene inoltre beta-carotene e licopene che è un potente antiossidante. Questo frutto è noto anche per la presenza di Citrullina, un amminoacido che previene l’ipertensione e che protegge il cuore.

Proprietà e benefici

Il cocomero apporta svariate proprietà benefiche. Tra queste, le più note sono:

  • Dona nuova energia grazie al carico di minerali che si può fare con una sola fetta
  • Combatte l’ipertensione grazie a potassio e Citrullina
  • Ha un effetto diuretico che aiuta a contrastare la ritenzione idrica
  • Aiuta a prevenire la cistite
  • È un potente antiossidante
  • È un antinfiammatorio naturale
  • Favorisce l’idratazione
  • Aiuta a perdere peso donando al contempo un buon senso di sazietà
  • Mantiene bella la pelle, ritardandone l’invecchiamento
  • Favorisce la fertilità
  • Contrasta la disfunzione erettile

Sebbene i semini siano commestibili (se ben masticati) e lassativi, è bene non esagerare in quanto alla lunga possono causare mal di stomaco. È inoltre importanti non ingerirli sani.

Controindicazioni
Il cocomero è sconsigliato a chi ha problemi di digestione perché per via della quantità di acqua che contiene può rallentare l’effetto digestivo dei succhi gastrici. Nel dubbio è preferibile consumarla lontano dai pasti.
Il suo consumo può essere sconsigliato anche in chi soffre di coliti o gastriti e in persone allergiche all’aspirina, visto che il cocomero contiene dei salicilati.
Per via degli zuccheri che contiene, i soggetti diabetici dovrebbero consumarlo con cautela.
In ogni caso è consigliabile chiedere sempre il parere al proprio medico curante in modo da capire se è possibile mangiarlo e, nel caso, in che quantità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Anguria: i motivi per cui fa bene alla salute

Come assumere il cocomero e curiosità

Il cocomero, in quanto frutto, rappresenta lo snack estivo ideale da fare quando ci si sente particolarmente affaticati o accaldati. Buono anche nelle insalate può rappresentare un ottimo antipasto se unito a formaggi come la feta. Essendo zuccherino si presta bene ai dolci, tanto che in Sicilia è famoso il suo impiego nel gelo siciliano, mangiabile da solo all’interno di dolci e crostate.
Infine è possibile ricavarne un succo dolce e rinfrescante.

Andando alle curiosità

  • Il suo nome, specie in Italia, cambia da regione a regione. In veneto si chiama cetriolo, in alcune zone della Sicilia viene chiamato melone (o mellone) e nel resto d’Italia anguria. Secondo l’Accademia della Crusca, però, il nome più corretto è, appunto, cocomero.
  • Non tutti lo sanno ma la buccia del cocomero è commestibile e può essere usata per le confetture per essere messa sott’aceto o grigliata.
  • Per assicurarsi un cocomero gustoso si può controllare il picciolo posto alla sua estremità. Questo deve essere scuro e secco. Se verde, indica che il cocomero è stato raccolto prima del tempo e che, pertanto, potrebbe non essere particolarmente dolce.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

GUARDA ANCHE:
Melograno: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo
Cioccolato fondente: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo
Zucca: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla