Home Psiche

Psiche: I disturbi del sonno: l’insonnia cause

CONDIVIDI
(Istock)

Si definisce  disturbo del sonno la difficoltà ad avere un riposo notturno ristoratore e sufficiente al benessere psicofisico del soggetto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Il pensiero fisso e la ruminazione..come liberare la mente

I disturbi del sonno

Questi disturbi compaiono improvvisamente e colpiscono tutti sia uomini che donne sia adulti che bambini. Gli adulti che ne soffrono sembrano essere pari al 25%  mentre sono pari al 21% nei bambini. Molteplici sono invece le cause: fisiologiche, psicologiche, ambientali e neurologiche.

In modo particolare l’insonnia è definita come una diminuzione della durata del sonno e la conseguente sensazione di non aver trovato nel sonno e nel riposo notturno il sufficiente ristoro a causa della sua brevità.

L’insonnia e le sua cause

Anche in questo caso sono molteplici i fattori che possono portare alla comparsa di questo disturbo ed in modo particolare possiamo fare riferimento ai  fattori psicologici: come tensioni emotive, preoccupazioni familiari o lavorative , ansia e stress. L’insonnia si ripercuote sullo stato di benessere del soggetto e sul suo grado di efficienza durante al giornata. La riduzione del sonno o la sua mancanza rende il soggetto irritabile, inoltre si riscontrano riduzione delle capacità mnestiche, difficoltà di concentrazione e stanchezza generale e diffusa.

Si possono individuare diversi tipi di insonnia:

  • Insonnia iniziale caratterizzata da una difficoltà a prendere sonno;
  • insonnia centrale quando il sonno è discontinuo e il soggetto è disturbato da continui risvegli;
  • insonnia terminale quando il risveglio mattutino è molto precoce;
  • insonnia occasionale: la cui durata è limitata a pochi giorni ed è determinata dalla presenza di particolari fattori come malattie, ansia e stress.;
  • insonnia transitoria quando il disturbo è presente da più di tre settimane;
  • insonnia cronica quando invece persiste nel tempo.

Per cercare di ridurre il disturbo si possono seguire degli accorgimenti:  possiamo provare ad andare a dormire nel momento in cui ci sentiamo assonnati, cercare di alzarsi sempre alla stessa ora, bere bevande calde. Nei casi gravi rivolgersi al medico curante.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Aspettative e obiettivi: quali differenze?