Home Psiche

Psiche: Aspettativa ed obiettivi…..che differenze?

CONDIVIDI
(Istock)

Fanno parte entrambe della nostra vita, entrambe ci consentono di orientare e guidare il nostro comportamento, allora sono la stessa cosa oppure c’è qualcosa che le differenzia?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Idrofobia quando è l’acqua a fare paura

Aspettative e obiettivi….cosa le differenzia?

Partiamo con il sostenere che entrambe queste azioni ci permettono di proiettarci verso il futuro verso qualcosa di nuovo e di diverso rappresentano quindi una sorta di molla che ci esorta a cambiare a dare una svolta alla nostra vita, ma allo stesso tempo possono rappresentare anche un ostacolo qualcosa che è difficile superare.

Ma allora dove sta la differenza? Essa risiede nel fatto che l’aspettativa è qualcosa che costruiamo sulla base delle esperienze passate è una sorta di previsione, sia del futuro sia dei comportamenti dell’altro, sono un’insieme di credenza che abbiamo su di noi e sull’altro in generale. L’obiettivo invece è una meta e un qualcosa a cui miriamo, che vogliamo ottenere o raggiungere e che ovviamente non possediamo.

Entrambi questi aspetti influenzano il nostro comportamento sia nel bene che nel male, l’aspettativa essendo una previsione che si costruisce sulle esperienza passate tende a volte a metterci in guardia rispetto al nostro comportamento o a quello degli altri. L’obiettivo invece rappresenta una speranza quello che vogliamo avere dal futuro, essi si costruiscono sempre prendendo in esame l’esperienza passata ma valutando anche le nostre capacità. L’obietto ci spinge quindi verso qualcosa che vogliamo, che desideriamo rappresenta una molla che ci porta ad agire. Molto importante è saper distinguere il tipo di obiettivo che vogliamo raggiungere e questo è possibile solo esaminando attentamente le nostre potenzialità si perchè in base a come ci percepiamo possiamo anche andare fuori strada scegliendo cioè degli obiettivi che possono anche essere troppo elevati per noi .

Per capire se un obiettivo è giusto per noi è semplice basta metterci in ascolto e se non proviamo ansia allora abbiamo scelto la meta giusta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Imprigionati in un rituale infinito il disturbo ossessivo compulsivo