Home Psiche

Psiche: imprigionati in un rituale infinito: il disturbo ossessivo compulsivo

CONDIVIDI
(IStock)

Invadono ogni aspetto e ogni singolo momento della vita e ci fanno sentire come rinchiusi in un contenitore senza vie d’uscita. Questo è quello che prova chi è affetto dal disturbo ossessivo compulsivo. Esso rappresenta uno dei disturbi psicologici più conosciuti e lo si può annoverare all’interno dei disturbi d’ansia. La persona che soffre di questo disturbo hanno pensieri(ossessioni) ricorrenti e fastidiosi ed utilizzano i rituali (compulsioni) per cercare di controllare l’ansia che questi pensieri generano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: attacco di panico cause e sintomi

DOC o disturbo ossessivo – compulsivo

Non poter andare a dormire se non si è sistemato i propri vestiti in un  certo modo o non poter uscire di casa che non si è controllato per un determinato numero di volte le manopole del gas, questi sono alcuni esempi di come i rituali rendano la vita di chi ne è soggetto ad un vero e proprio inferno.

Come detto questo è un disturbo d’ansia che determina un disagio nella persona che ne è affetta, il soggetto è infatti consapevole della presenza del disturbo e del disagio che ne deriva, è in grado di considerare irragionevole il proprio comportamento ed i propri pensieri. Questa sintomatologia è fondamentalmente egodistonica ossia è riconosciuta inappropriata dal soggetto. Ma allora perchè pur riconoscendo l’inopportunità di questi rituali non se ne può fare a meno? Perchè questi pensieri e questi comportamenti tengono il soggetto sotto scacco, non vi può rinunciare,  altrimenti vivrebbe un forte senso d’angoscia e di ansia che risulterebbero fortemente disorganizzanti. I rituali hanno la funzione di tenere sotto controllo l’ansia impedendole così di prendere il sopravvento. E’ come se la soluzione che il soggetto ha trovato per i suoi problemi lo invalidasse di più del problema stesso.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: piangere ci fa bene

E’ molto utile per chi soffre di questo disturbo rivolgersi a persone specifiche,  a professionisti del settore che aiutino il soggetto ad entrare in contatto con gli aspetti emotivi della propria ansia così da gestirli con minore angoscia.