Home Psiche

Psiche: Quando il disturbo organico ha origini psichiche, il disturbo di somatizzazione

CONDIVIDI
(Istock)

Il  disturbo di somatizzazione è un disturbo di origine psicoemotiva ed è un modo che la nostra psiche ha di esprime la presenza di un malessere e per farlo utilizza il corpo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Paura di volare, cause e sintomi

Il disturbo di somatizzazione quando la mente esprime il disturbo attraverso il corpo

Questo disturbo ci mostra come il corpo rappresenti un importante strumento di comunicazione del nostro stato emotivo e della sofferenza che possiamo provare a causa di determinate situazioni o eventi che la vita ci mette davanti.

Alla base di questo disturbo si ha la somatizzazione ossia un complesso meccanismo che trasforma un processo, un malessere psichico in un disturbo, in un malessere fisico a carico soprattutto del sistema endocrino e quello immunitario . La caratteristica fondamentale è quindi la presenza di sintomi, disturbi fisici che però non hanno una condizione d’origine organica bensì psicologica.

La causa di questi disturbi sono da rintracciare nello stress, e nelle condizioni di forte ansia: questo porta all’attivazione del sistema nervoso autonomo che porta alla comparsa di sintomi fisici. Tutti questi disturbi ovviamente non sono prodotti intenzionalmente, né tanto meno sono il frutto di simulazioni ma sono effettivamente reali. Tali disturbi si presentano con molta potenza ed elevato dolore e portano alla compromissione di aspetti della vita relazionale e sociale del soggetto che ne è affetto.

I disturbi di somatizzazione più frequenti sono a carico intestinale e gastrico e comprendono nausee, colite, diarrea, intolleranze a ceri alimenti. Molto frequenti anche quelli a carico dell’epidermide come dermatiti, orticaria, prurito, sudorazione eccessiva.

Molto utile al fine di eliminare il disturbo l’azione  di una psicoterapia che aiuti il paziente a capire ed interpretare  in modo corretto i messaggi che il suo corpo gli sta inviando.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Quando il bisogno di cibo non si controlla il binge eating disorder