Blush in estate: ecco gli errori che ti fanno apparire più vecchia!

Il blush è uno dei migliori amici dell’estate ma possiamo commettere degli imperdonabili errori di applicazione: impariamo a evitarli!

Come indica il suo nome il blush serve a riprodurre il naturale rossore delle guance. “To Blush”, infatti, in inglese vuol dire “arrossire”.

errori blush estate
(Chedonna)

Questo prodotto è uno dei migliori amici delle donne di ogni età soprattutto in inverno, perché permette di conferire all’incarnato un aspetto più giovanile, vivace e in salute.

Anche in estate però non bisogna affatto sottovalutare l’importanza del blush, perché ci permette di riprodurre il tocco dorato dell’abbronzatura anche quando non siamo ancora davvero abbronzate.

Inoltre il blush è perfetto per realizzare un trucco leggero e naturale, quello che cioè tendiamo a preferire in estate.

Ovviamente, per realizzare un trucco del genere è importante evitare tutti gli errori che potrebbero compromettere il risultato. Come al solito, più leggero è il trucco più attenzione bisogna prestare alla sua applicazione perché nascondere gli errori sarà molto più difficile!

Gli errori con il blush da evitare in estate

L’utilizzo corretto del blush passa attraverso una serie di buone pratiche che andrebbero seguite tutto l’anno ma che in estate diventano particolarmente importanti. Vediamo quali sono e gli errori da non commettere.

blush rosa
(Canva)
  • Il blush deve essere sempre armocromatico

Significa che deve essere scelto in base al colore dell’incarnato ma soprattutto del sottotono della pelle. Un colore corretto ci farà apparire più belle, più giovani e ci regalerà un incarnato molto più luminoso. Un colore non armocromatico ci farà apparire più vecchie e più stanche.

Per scoprire qual è il sottotono della tua pelle ti invitiamo a seguire la guida di Chedonna al sottotono: ti basteranno pochi minuti per individuare i cosmetici giusti per te.

La regola generale è che un sottotono caldo va esaltato con colori caldi e un sottotono freddo con colori freddi. 

L’errore più comune che si commette in estate però è sbagliare colore perché l’abbronzatura conferisce una nota calda anche al sottotono freddo. Il consiglio quindi è di optare sempre per blush pesca o aranciati in questo periodo: utilizzare quelli rosati che utilizziamo d’inverno sarebbe un errore.

  • Scegliere un blush armocromatico ma troppo chiaro

L’abbronzatura non si limita ad alterare leggermente il sottotono della pelle. Anche il colore dell’incarnato si altera diventando leggermente più scuro (ed è il motivo per cui adoriamo prendere la tintarella!).

Questo significa che dobbiamo scegliere blush dai colori più intensi di quelli che utilizziamo normalmente. Con un blush armocromatico ma troppo chiaro corriamo il rischio di far apparire il viso più vecchio, più pallido e meno in salute di quello che vorremmo!

  • Non sfumare bene il blush è un errore gravissimo

Dal momento che il blush serve a dare al viso un aspetto sano e naturale è fondamentale sfumare benissimo il prodotto, in maniera che arrivi a fondersi con la carnagione in maniera graduale.

Un errore imperdonabile, soprattutto in estate quando l’utilizzo del fondotinta è limitato al minimo indispensabile, è sfumare poco o sfumare male il blush.

Se si utilizza un prodotto in polvere il pennello ideale è grande, rotondo e con setole naturali. Se si utilizza un prodotto in crema allora l’ideale è stenderne una piccola quantità con i polpastrelli delle dita e aggiungere altro prodotto fino a quando non si sarà raggiunta l’intensità desiderata.

La sfumatura è importantissima anche per evitare il deposito di prodotto nelle piccole rughe di espressione. Se il prodotto dovesse accumularsi nelle pieghe della pelle, infatti, le rughe risulterebbero più visibili e più accentuate. Il risultato? Un viso più segnato, più rugoso e più “vecchio”.

  • Un errore comune: utilizzare il blush come una terra

Il blush va utilizzato in piccolissime quantità e solo in determinate zone del viso. Non va assolutamente sparso su tutto il volto come se si trattasse di una terra abbronzante. L’effetto sarebbe davvero sgradevole, poco naturale e ci farebbe invecchiare di colpo.

L’unico punto di contatto tra l’utilizzo del blush e della terra è il contouring: il blush contouring infatti è una tecnica perfetta per dare forma e tridimensionalità al viso anche in estate, senza appesantire il make up.

  • Applicare il blush direttamente sulla pelle (e ritrovarsi con tante macchie)

Il fondotinta è un amico inseparabile della pelle delle donne durante l’inverno, ma d’estate potrebbe risultare un po’ pesante e sgradevole da indossare. Per questo motivo molte donne scelgono di fare del tutto a meno del fondotinta, limitandosi a curare la pelle con una beauty routine adatta alla bella stagione per farla risplendere insieme all’abbronzatura.

Quando si applica il blush direttamente sulla pelle, però, sfumare correttamente diventa più difficile, a causa delle piccole imperfezioni della texture e del colore della pelle che vengono normalmente minimizzate dall’uso di un buon fondotinta.

contouring 50 anni
(Chedonna)

Questo significa che la scelta migliore è applicare il blush su un sottile strato di correttore, applicato solo sulla zona delle guance. L’alternativa, utile soprattutto se si ha la pelle matura e pori molto visibili, consiste nell’utilizzare una piccolissima quantità di primer, che renderà il make up anche molto più resistente.