Quali sono gli alimenti freschi da lavare? Scopriamoli

Avete ancora qualche dubbio quali alimenti freschi vanno lavati? Ecco qualche piccolo consiglio così da non ritrovarvi impreparati.

Alimenti quali lavare
Foto:Adobe TSock

E’ opportuno prestare sempre attenzione ai cibi da portare a tavola o da consumare fuori casa. Spesso il lavoro o altri impegni non ci permettono di consumare pietanze tra le mura domestiche. Si pone spesso attenzione alla scelta degli alimenti per seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, ma molte persone possono commettere errori. 

Talvolta non si presta attenzione alla “pulizia” accurata dei cibi, perchè ci sono alcuni alimenti che vano lavati prima di essere cucinati.

Esaminiamo in dettaglio quali sono gli alimenti freschi da lavare, così da garantire una sicurezza alimentare.

Quali sono gli alimenti freschi da lavare?

lavare frutta e verdura
Lavare frutta e verdura (Istock photo)

La sicurezza alimentare è molto importante quando si manipolano gli alimenti, quindi non solo si deve pulire la superficie che utilizzerete per lavorare ma anche gli alimenti e le mani.

Basti immaginare alla frutta e verdura, possono esserci dei residui di terriccio e non solo anche pesticidi, quindi è necessario lavare bene. Sono alimenti molto delicati in particolar modo per le donne gravide per il pericolo toxoplasmosi. Il lavaggio è importante per evitare che alcuni microrganismo rimangono sulla superficie.

Esaminiamo in dettaglio alcuni alimenti.

Frutta e verdura: si devono lavare bene. Basta farlo sotto acqua corrente fredda, magari per una maggiore scrupolosità è preferibile lasciarle in ammollo con un pò di acqua e bicarbonato. I broccoli, spinaci, finocchi, bietole, verza, si devono lavare come le restanti verdure. Prestare attenzione attenzione soprattutto tra le foglie perchè potrebbero rimanere delle piccole particelle di terriccio. Nel caso specifico della frutta, visto che si consuma anche con la buccia, va sempre lavata prima di mangiarla.

Carne: quindi il tacchino, pollo, qualsiasi essa sia, non si deve mai lavare con acqua, ma cucinata direttamente, sapete il perchè? In particolar modo nel caso del pollo, che si potrebbero diffondere i batteri durante la cottura.

Insalata in busta: c’è un dibattito sempre aperto. C’è chi dice che sono pronte all’uso e quindi vanno solo condite, c’è chi sostiene che va lavata sotto acqua corrente. Basta leggere quello riportato sulla confezione, se è specificato pronto all’uso non va lavato in caso contrario si.

Uova: non si devono lavare quando si ripongono in frigo. E’ un errore comune di molte persone è di lavarle sotto acqua corrente, prima di collocarle in frigo, ma questo non va fatto. Sapete perchè? Lavare con acqua non farà altro che eliminare la protezione del guscio, di conseguenza si facilita l’ingresso dei microrganismi all’interno. Si consiglia di pulire il guscio dell’uovo se le acquistare dal contadino e dovrete eliminare eventuali residui di paglia, potete farlo con un pò di carta assorbente imbevuta.

Melone e anguria: si consumano senza buccia. E’ necessario pulire bene, per evitare di trasferire qualche microrganismo dall’esterno all’interno. Basti pensare che questi frutti di solito contengono zuccheri, habitat perfetto per alcuni microrganismi. Pulite la buccia sotto acqua corrente fredda e poi asciugate con un canovaccio di cotone o con della carta assorbente. Nel caso del melone che ha la buccia rugosa, potete procedere a pulire con uno spazzolino così da eliminare bene il terriccio.

Funghi: alimento molto delicato, si preferisce non lavarli, in quanto essendo porosi assorbono acqua. Provate a pulire con un panno umido per eliminare il terriccio.

Pesce: dopo l’acquisto, il pesce deve essere eviscerato, poi lavato sotto acqua corrente. Poi procedete con la preparazione.

Consigli utili per evitare la contaminazione

Scopri come pulire tutta la casa in 50 minuti
Come pulire la cucina Foto:Adobestock

E’ importante lavare sempre le mani e le superfici prima di maneggiare gli alimenti per evitare contaminazioni.

Non solo anche le unghie devono essere corte e pulite per evitare che possano rimanere residui di cibo che possono trasferirsi su altri. E’ necessario farlo prima e dopo aver manipolato utensili e cibo.

Non basta pulire prima le superfici da lavoro e piani su cui poggiate gli alimenti e utensili, si devono lavare anche dopo. In questo modo garantirete eliminazione di germi e batteri ed eventuale residuo di cibo. Utilizzate i detergenti specifici per superfici, dipende se sono in granito, marmo o acciaio. Dovete rimuoverlo bene per evitare che residui di detersivi si possano trasferire al cibo. Provate anche con detergenti naturali, leggete come farlo.

Prestare attenzione al lavaggio degli alimenti, l’acqua deve essere sempre pulita, si preferisce acqua corrente fredda e potabile ma dovrebbe essere scontato come concetto.

Adesso non avrete più alcun dubbio sugli alimenti freschi da lavare, non vi resta altro che prestare sempre attenzione in cucina.