Home Maternità Essere incinta | Comportamenti che sarebbe meglio evitare in gravidanza

Essere incinta | Comportamenti che sarebbe meglio evitare in gravidanza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:36
CONDIVIDI

Scopri che cosa non si dovrebbe fare in gravidanza se si vogliono evitare eventuali complicazioni o fastidi. Se sei incinta infatti sarà bene conoscere i pericoli per evitarli.

essere incinta
Foto da Unsplash

Non bisogna fare sforzi eccessivi, non si può fumare, niente cene al ristorante giapponese e meglio evitare determinate tipologie di medicinali.

I divieti base dei nove mesi della gravidanza sono presto detti ma ve ne sono anche altri che, forse, non sono così chiari e noti per tutte le donne.

SULLO STESSO ARGOMENTO: BELLEZZA IN GRAVIDANZA: tutto quello che si può e non può fare

Oggi vogliamo esplorare con voi i principali comportamenti sbagliati che una donna incinta rischia di assumere, quelli che invece sarebbe decisamente meglio evitare se si vogliono vivere nove mesi nella più totale serenità.

Scopriamoli allora uno per uno, incluse le possibili conseguenze qualora si scivolasse in simili comportamenti altamente sconsigliati.

Che cosa non fare quando sei incinta

mangiare in gravidanza
Foto da Unsplash

Iniziamo con il dire che la gravidanza non è una malattia, esser incinta non vuol dire paralizzarsi sul letto mangiando solo brodo caldo: come per ogni particolare condizione della vita ci sono certo comportamenti sconsigliati ma nulla che vieti una sana e appassionante quotidianità.

Assodato ciò analizziamo punto per punto i comportamenti sconsigliati e le loro possibili conseguenze.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Dieta in gravidanza: vitamine e minerali al top

Alcol – Ovviamente il divieto assoluto fa riferimento a un uso smodato di bevande alcoliche durante la dolce attesa e, di sicuro, al primo e al terzo trimestre, i periodi più delicati della gestazione. Quali sono le possibile conseguenze di un abuso di alcol quando si è in dolce attesa? Malformazioni, ritardi, disturbi specifici alcolici e, in ultimo, la sindrome conclamata feto-alcolica, che è una condizione irreversibile e molte volte progressiva.

Cibo in eccesso – “Devo mangiare per due” è una vera e propria leggenda popolare o, meglio, la classica scusa per chi non ama porsi limiti. un aumento di peso fuori misura è in realtà altamente sconsigliato, Suez parlare poi di quei cibi che rischiano di creare problemi seri come i crudi, causa della toxoplasmosi.

Faccende domestiche – Non significa che si devono trascorrere nove mesi a letto o inuma casa ridotta a macerie ma che gli sforzi eccessivi sono decisamente da evitare. Imparare a delegare è essenziale poiché il carico eccessivo può indurre contrazioni anche dolorose oltre al fatto che si rischia di far indurire la pancia e condurre persino a un parto pretermine.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Perché in gravidanza si hanno vuoti di memoria? Le cause

Vestiti troppo stretti – No, non parliamo dei classici abiti aderenti e un po’ sexy, che donano molto anche con il pancione, bensì di quei jeans che si amavano tanto e che ora con il pancione proprio non entrano più. L’intera circolazione sanguigna entra in sofferenza se si indossano abiti che palesemente non vanno più bene e, di conseguenza, ne risente anche il pancione.

Assumere farmaci senza consiglio medico – Già il fai da te quando si tratta di salute è altamente sconsigliato, figuratevi in gravidanza? Generalmente l’unico farmaco consentito è il paracetamolo ma, se si accusa un qualsiasi disturbo, non resta che alzare il telefono e chiamare il proprio medico, l’unico che può dire che cosa prendere.

consigli gravidanza
Foto da Unsplash

In generale ci sentiamo infine di ricordarvi una cosa: on line e grazie al passaparola è facile venire a contatto cont ante informazioni, spesso confuse e di dubbia provenienza. Questi sono i primi ostacoli da evitare.

Un’altra persona, un’altra esperienza, anche se simile alla propria, non potrà mai dare un punto di vista chiaro e preciso della personale situazione. Di chi fidarsi? In primis del proprio corpo, delle sensazioni trasmesse, e in secondo luogo del proprio medico e\o ginecologo. Queste le uniche fonti attendibili a cui ricorrere sempre e comunque.