Perché in gravidanza si hanno vuoti di memoria? Le cause

0
49

Perché in gravidanza si hanno vuoti di memoria? Si chiama Momnesia e colpisce le future mamme| Ecco come avviene e quali sono le cause 

amnesia
Amnesia da gravidanza (Istock)

In gravidanza è possibile che durante gli ultimi 3 mesi ma anche dopo il parto, la memoria faccia dei brutti scherzi. Improvvisamente ci si dimentica qualcosa, ed è sempre più facile che una donna in stato interessante, per esempio, si trovi in una stanza e si chieda “cosa dovevo fare?”. Così, improvvisamente ci si dimentica quello che si faceva o che si doveva fare nell’imminente. Non è poca attenzione, no, questo “disturbo” che più che un disturbo è un sintomo della gravidanza prende il nome di Amnesia da gravidanza, o Momnesia. Ne soffrono la maggior parte delle future mamme in stato interessante e non è dovuto ad un periodo di stress, come in un primo momento si può pensare. La causa di questo sintomo è correlata, invece, a cambiamenti ormonali che durante la gravidanza avvengono naturalmente. Ma quali sono, nello specifico le cause e cos’è l’amnesia da gravidanza? E’ vero che la materia grigia nelle future mamme si riduce? Scopriamolo insieme facendo luce su tali domande

Potrebbe interessarti anche: Acido folico e folati: perché sono importanti in gravidanza

Perché in gravidanza si hanno vuoti di memoria?

Amnesia in gravidanza, quali sono le dimenticanze più comuni (Istock)

Molte donne si lamentano della loro memoria, o meglio, della loro perdita di memoria quando restano incinte Diversi studi, segnalano diversi cambiamenti che si producono nel cervello delle future madri.  La gravidanza è un periodo molto particolare nella vita di una donna: i cambiamenti fisici, ormonali e psicologici si mescolano tra loro, producendo effetti che si ripercuotono nei diversi aspetti della vita quotidiana.

Diverse donne in stato interessante hanno difficoltà nel concentrarsi e nel ricordarsi per esempio delle cose, soprattutto nella quotidianità. Ci si può dimenticare dove abbiamo lasciato il mazzo di chiavi e trovarlo dopo ore ed ore nel mobiletto degli accessori, oppure non riuscire a ricordare una semplicissima parola che normalmente si usa: sono tutte piccole amnesie. Infatti molte donne incinte affermano di sentirsi un po’ con la testa tra le nuvole rispetto a prima della gravidanza. Perdere il cellulare o le chiavi, dimenticarsi di comprare qualcosa al supermercato, la pentola sul fuoco o un appuntamento di lavoro sono alcune delle situazioni che queste donne segnalano come comuni durante il secondo o il Terzo trimestre di gravidanza.

Bisogna specificare che il termine amnesia da gravidanza non è stato coniato dalla scienza, bensì dalle convinzioni popolari. Gli specialisti ammettono che alcune donne manifestano una perdita di memoria che potrebbe essere associata ai cambiamenti ormonali o, più semplicemente, alla preoccupazione legata alla gravidanza, che esclude dalla loro mente quello che non è importante. Dopo il parto, inoltre, la stanchezza potrebbe causare queste piccole dimenticanze.

Potrebbe interessarti anche: Il sonno in gravidanza e dopo il parto : cosa devi sapere

La Momnesia | Amnesia della mamma: le cause associate

gravidanza fobia
perché in gravidanza si hanno vuoti di memoria? (Istock)

Per questa particolare condizione di amnesia è stato coniato il termine momnesia (dall’inglese mum , mamma + amnesia) . Ad averlo usato per la prima volta è stata la pediatra Tanya Altman in riferimento alle difficoltà di memoria che le future madri riscontrano dalla  ventiseiesima settimana d’attesa fino ai 6 – 12 mesi di vita del bambino.

L’amnesia è un disturbo della memoria che consiste nell’incapacità di ricordare un’informazione in uno specifico momento. Può essere suddivisa diversamente a seconda della sua durata e delle zone della memoria che va a colpire, quindi essere:

  • temporanea o permanente:
  • anterograda o retrogada: quando riguarda la formazione di nuovi ricordi e retrogada se prende quelli passati.

Secondo la dottoressa Luann Brizendine: Il cervello della mamma ha un grosso impatto sui cambiamenti che una nuova vita apporterebbe sulla propria. Di conseguenza le difficoltà di focalizzazione e memoria sono dovute a un diverso investimento da parte del cervello, che metterebbe al primo piano la protezione e il monitoraggio del nascituro, lasciando in secondo piano il “superfluo””. 

Le cause delle problematiche di memoria in gravidanza non sono del tutto certe e variano da donna a donna. La cosa certa è che i fattori fisici e psicologici ricoprono un ruolo molto importante. All’inizio della gravidanza, la futura mamma è alle prese con stanchezza durante il giorno, insonnia e spossatezza generale. Con il progredire della gravidanza aumentano i pensieri in vista della nascita del bebè: essere “prese” da una nuova vita che sta crescendo dentro di sé non dovrebbe suonare poi così strano.

Quindi in breve i fattori che influenzano l’insorgenza di tale amnesia sono:

  • maggiore stanchezza
  • fatica generale e spossatezza gravidica
  • insonnia e disturbi del sonno
  • Pensieri legati al parto e al benessere generale del bebè.

Lo studio scientifico condotto sul “baby brain”

Amnesia da gravidanza, lo studio condotto dai ricercatori (Istock Photos)

Il baby brain, noto più comunemente come Amnesia di mamma, si manifesta spesso come una sorta di distrazione momentanea ma intensificata, e si presenta molte volte facendo dimenticare dove si è lasciato un oggetto, o facendo perdere il filo del discorso mentre si sta parlando di qualcosa. Le donne hanno anche riferito di perdere il filo delle conversazioni, di dover fare molto più affidamento sugli appunti per rimanere organizzate, difficoltà a capire ciò che leggono e persino di arrivare fino a dover ritardare il ritorno al lavoro.

Ma, secondo i ricercatori, i tentativi di studiare il fenomeno hanno prodotto risultati incoerenti: alcuni studi hanno concluso che i cambiamenti sono leggeri.  Alcuni studi più recenti hanno mostrato, invece, una correlazione con la carenza di memoria e la gravidanza. In generale, i ricercatori hanno scoperto che la funzione cognitiva era molto più carente nelle future mamme rispetto a quelle donne che non erano in dolce attesa.

“Il funzionamento cognitivo generale, la memoria e il funzionamento esecutivo erano significativamente ridotti durante il terzo trimestre di gravidanza (rispetto alle donne di controllo), ma non durante i primi due trimestri”, hanno scritto gli autori. “Gli studi longitudinali hanno rilevato declini tra il primo e il secondo trimestre nel funzionamento cognitivo e nella memoria generale, ma non tra il secondo e il terzo trimestre”. (Fonte. alzheimer-riese.it)

In generale, le diminuzioni della funzione cognitiva si sviluppano durante i primi tre mesi della gravidanza e si trovano in accordo con le ricerche che hanno rilevato una riduzione fisica della materia grigia durante la gravidanza..

Potrebbe interessarti anche: La Luna influisce sul parto? Verità e leggende in gravidanza

Sembra che la ragione per cui le donne incinte hanno una riduzione della materia grigia è perché probabilmente reclutano quelle risorse verso aree più importanti associate al lavoro di educazione dei figli, quindi cose come i legami e la cognizione sociale. Saranno necessarie ulteriori ricerche per scoprire l’impatto di questo sulla qualità della vita delle donne in gravidanza, ma i ricercatori hanno notato che, anche con un declino misurabile, la funzione cognitiva e di memoria delle donne è rimasta comunque entro un intervallo molto normale e funzionale. Stabilire alcuni degli effetti più pesanti potrebbe aiutare a sviluppare nuove metodologie per aiutare quella piccola minoranza di mamme danneggiate.

Queste piccole dimenticanze durante la gravidanza sono evidenti alle donne in gravidanza e forse a chi è loro vicino, manifestandosi principalmente come piccoli vuoti di memoria (ad esempio, dimenticare o non prenotare appuntamenti medici), ma sono meno probabili conseguenze più significative (ad es., riduzione delle prestazioni lavorative o capacità ridotta di muoversi in attività complesse).

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza: tutti gli esami da fare nei 9 mesi di gestazione

Le dimenticanze nelle neo mamme durano 2 anni

dimenticanza in gravidanza (Istock Photos)

Alcuni studi hanno dimostrato che le future mamme e le neo mamme, hanno in comune questo genere di dimenticanze. A lungo abbiamo parlato di come queste dimenticanze, amnesie avvengono a causa degli ormoni che modificano a livello sia fisico ma soprattutto psichico il comportamento e le azioni delle donne incinte. Queste “amnesie da mamma” possono perdurare, dopo il parto, per circa due anni. Questo succede poiché la neo mamma deve adattarsi al nuovo ruolo, i cambiamenti che sono avvenuti a livello, non solo fisico ma psicologico inducono la mamma a stare in uno stato vigile perenne per accudire e proteggere il proprio bimbo. Quindi, i cambiamenti ormonali cui la futura madre è soggetta potrebbero essere responsabili della riduzione della memoria. Questi cambiamenti ormonali aiuterebbero la madre ad adattarsi alla necessità di conciliarsi con la vita e la salute di suo figlio. Il pensiero è che la memoria faccia una selezione delle connessioni più deboli ed elimini alcuni pensieri ritenuti “inutili” per potersi concentrare su quello che davvero conta: e cioè la risposta ai bisogni del neonato e l’emotività legata ad essa.

Quali sono le dimenticanze più comune nelle mamme?

Queste piccole dimenticanze e il non ricordarsi le cose potrebbero essere associate agli alti livelli ormonali in circolo nel corpo della futura mamma; tra questi spiccano la prolattina e il progesterone. Vediamo, di seguito, alcune situazioni tipo che si presentano in chi convive con la amnesia da gravidanza e che sembrano essere associate alle difficoltà associate alla memoria spaziale.

  • Dimenticare cosa si voleva dire durante una conversazione
  • Azionare la lavatrice ma poi dimenticare di stendere i panni.
  • Chiudere la porta di casa e dimenticare le chiavi dentro.
  • Andare in un negozio di alimentari e non ricordare cosa si doveva acquistare.
  • Dimenticare la cena sui fornelli o in forno, oppure bruciare qualche pietanza.
  • Voler fare qualcosa e dimenticarsene subito dopo.
  • Andare in una stanza per prendere un qualcosa e una volta lì dimenticarsi cosa

Come si evince dagli esempi, tali dimenticanze non sono gravi, dunque se anche a voi capita di “dimenticare” qualcosa durante la gravidanza o anche dopo il parto, non fatevene un cruccio, è normale e sono passeggere.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Consigli utili da seguire

mamma fobie
Photo iStock

Per cercare di arginare il problema e diminuire tali discordanze, vi suggeriamo alcuni consigli da prendere in considerazione. Tra questi:

  • Prendere nota su un quaderno o agenda, delle cose da fare giorno dopo giorno (appuntamenti, la lista della spesa, ecc.)
  • Fate attività fisica (se il vostro stato ve lo permette). L’esercizio fisico aiuta a liberare la mente e a tenerla attiva
  • Dormite le giuste ore: sappiamo che non è semplice quando si ha un neonato in casa, ma ricordate che la vostra salute è più importante di avere una casa splendente! Dormite quando lo fa il bambino.
  • Dedicate del tempo a voi: chiedete al vostro compagno/marito di occuparsi del bebè e rilassatevi come meglio volete. Scegliete delle attività per voi che vi portano relax.
  • Seguite una dieta sana e il più possibile equilibrata: il cervello ha bisogno di tutti i nutrienti necessari per funzionare in modo corretto.
  • Fate giochi di memoria: nel vostro tempo libero dedicate 10 minuti o più a giochi di memoria. Anche i semplicissimi cruciverba sono utili per tenere la mente attiva, così come leggere e scrivere i propri pensieri.
  • Praticate yoga: la meditazione è fondamentale e ha una duplice funzione in gravidanza, aiuta a regolarizzare il respiro, importante per il parto e equilibra i livelli ormonali portando, gradualmente una riduzione dello stress e un benessere psicofisico generale.

Infine, è importante riuscire a chiedere aiuto ai propri cari, imparando a delegare laddove possibile e richiedendo supporto nella gestione della quotidianità. Questo significa anche appoggiarsi a persone positive ed accoglienti, con cui condividere le proprie difficoltà senza sentirsi giudicate. Se i cali di concentrazione e memoria sono molto frequenti e sono accompagnati da altri sintomi, è bene consultare il proprio medico di fiducia per capire meglio cosa stia succedendo e ricevere un adeguato supporto, così da prevenire l’insorgenza di ulteriori difficoltà che potrebbero incidere sul benessere proprio e del bebè.

Ricordiamo in conclusione che, la gravidanza e con essa, tutto ciò che comporta, è un momento idilliaco e bellissimo e dunque, anche se dovessero sorprendervi alcune amnesie momentanee, nulla è paragonabile a ciò che una mamma pensa e sente per il proprio bimbo. Ricordiamo altresì che il cervello della donna dopo la gravidanza aumenta il potenziale delle donne, tutte! Dunque il “nuovo cervello” delle mamme rappresenterebbe una ricorsa ulteriore per il mondo del lavoro che dovrebbe imparare a valorizzarle invece che di allontanarle.

mamma e figlio
gravidanza ( Istock Photos)

Un esempio dell’acquisizione  di tale arricchimento è dato da competenze manageriali molto ben spendibili nel campo lavorativo. Chi riesce a destreggiarsi tra responsabilità e impegni quotidiani legate alla gestione della famiglia e dei bambini è anche in grado di gestire un gruppo di lavoro che presenta molte problematiche uguali, come gestione dello stress, supporto manageriale e conflitti. E chi riesce meglio di una donna, per giunta Mamma?

(fonte: uteroinaffitto.it – alzheimer-riese.it)