Home Salute e Benessere

Alcol in gravidanza: è pericoloso anche poco

CONDIVIDI

L’alcol durante la gravidanza è assolutamente pericoloso per il bambino. Anche in modiche quantità. I particolari da CheDonna.it per la sezione salute.

Alcol in gravidanza (Thinkstcok)
Alcol in gravidanza (Thinkstcok)

Che assumere alcol in gravidanza faccia male alla salute del bambino è cosa nota e risaputa. Ora un nuovo studio mette in guardia anche sulle piccole quantità.

Tante mamme in attesa sono scrupolose e fanno moltissima attenzione al loro stato di salute in gravidanza ed evitano tutto ciò che possa fare male, dai medicinali pericolosi, al troppo stress e ovviamente all’alcol e al fumo. Capita, comunque, che alle mamme più attente e amorevoli bevano ogni tanto un goccetto di vino oppure di birra o spumante. E’ convinzione diffusa, infatti, che una ridotta quantità di alcol, una volta ogni tanto, non faccia male in gravidanza. Una ricerca scientifica smentisce però questa convinzione.

Si tratta di uno studio condotto da ricercatori italiani e spagnoli, diretto da Simona Pichini dell’Istituto superiore di sanità insieme ai colleghi dell’Hospital del mar di Barcellona, e pubblicato sulla rivista Clinical Chemistry and Laboratory Medicine. Secondo i ricercatori anche piccole dosi di alcol sono sufficienti a causare danni alla salute del feto.

Lo studio ha preso in esame 168 coppie mamma-neonato dell’ospedale di Barcellona, alcune delle quali avevano assunto modeste quantità di alcol in gravidanza. I ricercatori hanno accertato che anche queste basse dosi, assunte durante tutta la gravidanza, erano in grado di lasciare tracce nei capelli delle donne e perfino nelle prime feci dei neonati, il cosiddetto meconio. Pertanto, anche poco alcol può avere effetti sul feto. Va comunque precisato che le tracce di alcol sono state rinvenute in donne che bevevano sì poco, ma di frequente.

In ogni caso assumere alcol in gravidanze espone il neonato ad una serie di pericoli anche molto gravi per la sua salute, come quelli che vanno sotto il nome di FAD (Fetal alcohol spectrum disorders) e che vanno dalle malformazioni, ai disturbi mentali e del comportamento, fino ai disturbi dell’apprendimento. Tutti disturbi, secondo gli scienziati, che si possono prevenire al 100% se si evita l’alcol durante la gravidanza.

Anche se si beve molto poco, è dunque meglio evitare di esporre a rischi il proprio bambino.

I risultato dello studio italo-spagnolo sono stati presentati il 9 settembre, in occasione della Giornata mondiale contro la sindrome feto-alcolica. Nello stesso giorno è stata presentata anche la campagna di sensibilizzazione “Too young to drink”, per dire no all’alcol in gravidanza, che mostra l’immagine di un feto che invece di galleggiare nella placenta, è circondato da quelli che sono i comuni ingredienti per preparare un cocktail: bollicine, lime e ghiaccio. In altre immagini, invece, il bambino è dentro una bottiglia di vino. Foto impressionanti che vogliono richiamare l’attenzione su un problema molto grave e diffuso in tutto il mondo.