Coronavirus | ISS avvisa: mascherine? Il virus vi permane fino a 4 giorni

0
4

L’ISS in un rapporto propone misure per difendersi oggi dal Coronavirus e invita a fare attenzione a molte cose, in primis le mascherine dove il virus può vivere fino a 4 giorni.

mascherina chirurgica monouso
Foto da Pixabay

Mascherine sì, mascherine no. Mascherine sempre, mascherine solo qualche volta. Mascherine per tutti, mascherine solo per i malati.

In questi mesi di pandemia in cui il Coronavirus ha letteralmente permeato la nostra quotidianità, un altro argomento sembra aver deciso di tenere banco senza mai cedere il passo: le mascherine.

In molti hanno iniziato ad utilizzare era subito, altri si sono “schierati” invece con l’OMS che ne suggeriva l’impiego solo in circostanze ben precise (essenzialmente in presenza di una persona malata). Persino gli esperti si sono divisi tra convinti fautori della mascherina salvavita e diffidenti che evidenziavano un uso scorretto dello strumento e una serie di controindicazioni di grave portata (come vi avevamo spiegato in Coronavirus | Le mascherine chirurgiche servono davvero?).

SULLO STESSO ARGOMENTO: Uso delle mascherine nella vita quotidiana | indicazioni Iss

La querelle sembra poi non essersi mai fermata e oggi, con l’OMS che amplia leggermente la rosa di circostanze in cui una mascherina potrebbe rivelarsi importante (ma mai esclusivo) strumento di tutela, arriva anche l’ammonimento da parte dell’Istituto Superiore di Sanità che avverte:

“Particelle virali possono esser rilevate sulla mascherina fino a quattro giorni dalla contaminazione”

Sulle mascherine il Coronavirus dura 4 giorni: parola dell’ISS

virus mascherina
Foto da Unsplash

Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell’attuale emergenza Covid-19

E’ il titolo del rapporto diffuso rapporto dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) sul finire di maggio, un documento in cui si esplorano non solo le corrette norme per gestire la sanificazione degli ambienti ma si ripercorrono anche le ultimissime coperte scientifiche in fatto di Coronavirus e sua permanenza delle diverse superfici.

Una serie di tabelle riassumono in modo efficace i rilevamenti compiuti e la presenza o meno di particelle virali sui materiali analizzati.

Per quanto concerne in particolare le mascherine chirurgiche si può evincere come sul tessuto le particelle virali infettanti sono state rilevate fino a 24 ore dopo la contaminazione mentre nello strato interno sono state rilevate fino a 4 giorni dopo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Guida all’uso delle mascherine | Regole dell’Istituto Superiore di Sanità

Occorre però evidenziare le dovute specificazioni e, soprattutto, fornire una corretta lettura e interpretazione di questi dati:

“I dati riportati sono il frutto di evidenze di letteratura scientifica – spiega all’ANSA Paolo D’Ancona, medico epidemiologo dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) – ma vanno declinate in base alle situazioni ambientali, ad esempio i coronavirus resistono meglio a temperature basse e in ambienti umidi.

Il fatto che sopravvivono, inoltre, non significa di per sé che trasmettano la malattia: se ci sono poche particelle virali, infatti, la carica infettante è minore. Purtroppo però non si conosce quale sia la dose minima per infettare, anche perché dipende anche dalle difese immunitarie dei singoli individui. Pertanto, bisogna stare sempre molto attenti”

SULLO STESSO ARGOMENTO: Mascherine autoprodotte | le indicazioni dell’ISS

Non occorre dunque allarmarsi, bensì si tratta di un dato che dovrebbe spingerci ad applicare al meglio le norme di utilizzo di questi particolari dispositivi di protezione personale.

Ma quali sono queste norme? Ce le riassume lo stesso ISS:

“Le mascherine lavabili – prosegue D’Ancona – vanno usate una volta sola e poi messe subito in lavatrice, senza poggiarle sui mobili.

Quelle monouso vanno gettate nella raccolta indifferenziata subito dopo l’utilizzo. In entrambi i casi vanno toccate solo sugli elastici, lavandosi prima e dopo le mani. Attenzione infine a non gettarle a terra, il rischio infettivo è minimo ma l’impatto sull’ambiente è alto”

mascherine usa e getta
Foto da Unsplash 

Le mascherine possono dunque sera dubbio esser un aiuto in più in questa difficile lotta al Coronavirus ma, occorre specificare ancora una volta, solo e soltanto se utilizzate correttamente.

A tale scopo occorre che ognuno di noi faccia naturalmente la sua parte.