Home Attualità LGBTQ | Harry Potter contro J.K. Rowling: “I trans sono donne”

LGBTQ | Harry Potter contro J.K. Rowling: “I trans sono donne”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:50
CONDIVIDI

J.K. Rowling è stata presa di mira proprio dall’attore diventato famoso come Harry Potter: il durissimo attacco mediatico dopo un Twit transfobico.

Rowling trans
J. K. Rowling (Fonte: Instagram)

La scrittrice che ha regalato al mondo l’amatissima saga di Harry Potter è uno dei personaggi letterari più controversi del mondo contemporaneo.

SULLO STESSO ARGOMENTO: J.K. Rowling | “The Ickabog”, la scrittrice torna in libreria e online

Dopo aver trasformato in realtà i sogni di moltissimi bambini del mondo, la scrittrice si è lentamente trasformata nel peggior incubo dei suoi fan: di tanto in tanto, infatti, la Rowling fa delle affermazioni imbarazzanti via social, mettendosi in una posizione molto scomoda nei confronti della comunità LGBTQ+.

In passato la Rowling aveva piazzato un paio di like “strategici” a post che inneggiavano all’omfobia o alla transfobia ma era riuscita a porre un freno alle polemiche incombenti affermando che in realtà si era trattato di uno semplice sbaglio.

Molti dei suoi fan più accaniti, soprattutto tra coloro che sono letteralmente cresciuti con i libri di Harry Potter, hanno cercato di convincersi che si trattasse davvero di un errore e hanno cercato di guardare avanti.

Un’altra uscita infelice della scrittrice su Twitter, tuttavia, ha messo i suoi fan di fronte a una verità molto scomoda, costringendo Harry Potter in persona a intervenire per dare una diversa lettura della situazione.

Harry Potter salva l’opera della Rowling e “fa pace” con la comunità Trans

Daniel Radcliffe
Daniel Radcliffe – Harry Potter (Fonte: Instagram)

I Twit di J.K. Rowling, pubblicati lo scorso 7 Giugno, erano incentrati sulla sua identità di genere in rapporto ai diritti delle persone Trans.

La scrittrice si è definita “empatica nei confronti dei Trans” perché, in quanto donna, comprende profondamente cosa significhi subire discriminazione e violenza.

La Rowling ha anche affermato però di “credere che il sesso esista e che abbia conseguenze concrete”. In particolare la scrittrice faceva riferimento al fatto che l’identità femminile sia caratterizzata dall’avere le mestruazioni per buona parte della propria vita.

A scatenare però una enorme polemica è stato il twit delle 12.02 del 7 Giugno, che riporta: “Se il sesso non è reale, la realtà vissuta dalle donne di tutto il mondo viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso significa rimuovere la capacità di molti di discutere in modo significativo delle loro vite. Dire la verità non vuol dire odiare”.

Questa singola uscita ha fatto sì che la Rowling fosse etichettata con la sigla TERF: Trans – Exclusionary Radical Feminist che, tradotto, significa: Femminista radicale che esclude i trans.

Per rispondere alla creatrice del personaggio che lo ha reso famoso, l’attore Daniel Radcliffe ha deciso di non servirsi dei social network ma di scrivere una lettera aperta al sito The Trevor Project, che fa capo a un’associazione per i diritti della comunità LGBT.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Harry Potter | Rupert Grint, Ron, diventa papà! – VIDEO

“Sento però la responsabilità, come essere umano, di dire la mia. Le donne transgender sono donne. Ogni dichiarazione che afferma il contrario ne cancella l’identità e la dignità. Chiedo perdono con tutto il cuore a chi pensa che l’esperienza dei libri sia stata offuscata o sminuita da questi commenti e dal dolore che hanno causato.

Mi auguro che non perdiate del tutto ciò che d’importante avete trovato in queste storie. Se questi romanzi vi hanno insegnato che l’amore è la forza più potente dell’universo e può sconfiggere tutto; […] se avete creduto che un certo personaggio fosse trans, non-binario, fluido, gay o bisessuale […], allora tutto questo resta tra voi e il libro ed è sacro. E nessuno, se volete sapere come la penso io, ve lo può toccare”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniel Radcliffe (@thedanielradcliffe) in data:

A unirsi alla battaglia di Harry Potter contro J.K. Rowling sono stati anche Eddy Redmayne (Newt Scamander di Animali Fantastici), Emma Watson (Hermione Granger) e Katie Leung (Cho Chang).