Home Curiosità Lettera d’amore | A mia moglie che non ho visto partorire per...

Lettera d’amore | A mia moglie che non ho visto partorire per il Covid-19

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:40
CONDIVIDI

Una lettera d’amore affidata ai ragazzi di Pinocchio, Radio Deejay, e indirizzata alla moglie dell’autore che non ha potuto assitere alla nascita di suo figlio a causa del Covid-19.

lettera moglie
Foto da Unsplash

Sebastiano ci aveva pensato tante volte. Lui, fan sfegatato di Radio Deejay, avrebbe voluto scrivere a Pinocchio già da tempo ma poi i giorni passavano e quel messaggio non lo inviava mai.

Troppi impegni per scrivere a La Pina, Diego e La Vale, almeno fino a quando il tempo non lo ha trovato per forza.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Coronavirus | Paola Cortellesi, Lettera al Padreterno – VIDEO

Il 12 maggio Sebastiano si trovava infatti bloccato in macchina davanti a una clinica di Roma. Lì dentro c’era Debora, sua moglie, intenta a vivere il travaglio che avrebbe regalato la vita al loro secondo genito.

Sebastiano però, a differenza della prima volta, non poteva stare con lei. Già perché questa volta a sbarrargli la strada era arrivato il Covid-19 e di entrare in clinica neanche se ne parlava.

Eccolo allora Sebastiano, solo nella sua auto mentre sta per diventare padre una seconda volta. Intanto ascolta Radio Deejay, naturalmente, e capisce che un’occasione così non capiterà più: l’occasione di esprimere tutto il suo amore per la donna che non vede l’ora di raggiungere e anche di scrivere quella lettera a pinocchio che oramai progettava da tempo.

Lettera d’amore per mia moglie

lettera d'amore
Foto da Unsplash

Debora è a casa con la sua migliore amica e i suoi figli, incluso Gabriele, appena sette giorni di vita.

Squilla il telefono e dall’altra parte c’è lei, La Pina. Debora la conosce bene e rimane subito di sasso ma lo stupore e nulla rispetto a quello di sapere che i ragazzi di Pinocchio hanno una lettera proprio per lei.

Ha scriverla è stato Sebastiano, suo marito pronto a gridare al mondo tutto il suo amore attraverso i microfoni di Radio DeeJay.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Silvia Romano | La lettera della professoressa musulmana

“E’ successo tutto una sera di dieci anni fa, durante una festa inquietante del bar dove lavorava lui e dove vi eravate conosciuti. Era una festa di addio: il giorno dopo Sebastiano sarebbe dovuto partire con un gruppo di amici per andare a vivere a Madrid. Quella sera vi siete divertiti alla grande, alla grandissima, tra brindisi in rima e gare di shot. Sebastiano ti guardava ridere e pensava che non avrebbe voluto perdersi nemo o mezzo di quei sorrisi in tutto la sua vita.

Alle cinque del mattino, dopo aver chiuso il bar e salutato tutti, siete andati a casa sua e avete passato la notte più favolosa di tutte le note favolosi. Alle 8 arrivano sotto casa sua i suoi amici, carichi di aspettative per quel viaggio. Sebastian scende, li saluta, augura loro di spaccare tutto a Madrid, risale le scale torna a letto da te.

La vita gli ha dato ragione: vi siete divertiti come pochi, siete cresciuti, siete diventati genitori di due bambini stupendi, Alessandro e Gabriele, e questo soprattutto grazie a te: grazie Debora per aver sempre creduto in voi, grazie per esser sempre quella forte, la sua guerriera jhedi, grazie per quei sorrisi che continuano a scaldare il suo cuore.

Ti amo con tutto l’amore che c’è,

Seba”

SULLO STESSO ARGOMENTO: Lettera di una mamma disperata | “Ditemi come piangere la sua morte”

“Senza di lui non sarei niente” sono queste le prime parole che Debora riesce a pronunciare alla fine della lettura della Vale e tra i singhiozzi.

Del resto, però, non è l’unica a piangere. Con lei ci sono anche Diego, Pina e Vale ma, non stentiamo a crederlo, anche tanti ascoltatori che, proprio come lei, sono rimasti travolti dalla sincerità e dal puro amore che traspaiono dalle parole di Sebastiano.

lettera
Foto da Unsplash

Una lettera che parla d’amore, scritta in un momento che è, senza dubbio, quello di massima espressione di questo sentimento in una coppia: la nascita di un figlio.

Sebastiano nella sua macchina, mentre attendeva che lo chiamassero per poter finalmente conoscere il piccolo Gabriele, ha saputo dare voce con grande sincerità e spontaneità a questo sentimento e noi, così come la sua Debora, non possiamo che essergliene grati.