Coronavirus | La partita dell’Italia disegnata da un bambino di 6 anni

0
35

Italia vs Coronavirus. La sfida al virus viene interpretata da un bambino di 6 anni come una partita di calcio: in porta “io resto a casa” e poi tutta la formazione

campo di calcio
Foto da Pixabay

Che cosa c’è di più bello di un bambino che corre dietro a un pallone? Di questi tempi purtroppo vederne in giro per le città è impossibile ma ai più piccoli quella palla pare proprio non riuscire a uscire dalla testa.

Il campionato di serie A può fermarsi ma per i più piccoli il calcio è sempre lì, nel profondo del loro cuore. Sarà per questo che William 6 anni, ha voluto interpretare proprio all’insegna del pallone il difficile momento che il Paese sta attraversando.

E’ così che la sfida al COVID 19 diventa, in un bellissimo disegno, una partita di calcio: Italia vs Coronavirus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Carlo Verdone: “Dopo avremo bisogno di leggerezza”

Italia vs Coronavirus: il disegno di William

partita Italia coronavirus
Foto da Facebook @Fisnik Asllani sul gruppo “Io resto a casa”

In porta “io resto a casa”. Poi difesa a tre con polizia di stato, carabinieri e polizia locale. Centrocampo a quattro con centrali farmacisti ed esercito e ali camionisti e lavoratori di supermercato. Infine attacco a tre composto da infermieri medici e tecnici di radiologia.

Ecco la formazione che William sei anni e Nicholas tre schierano nel loro campo immaginario contro un avversario aggressivo: il Coronavirus.

Anche i commenti sono stati a tono, come quelli di chi sottolinea “ecco… il problema è in posta”, con chiaro riferimento a chi sembra non riuscire proprio tra queste quattro mura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus, ecco qualche suggerimento pratico per essere felici in casa

La foto del disegno è stata pubblicata sul gruppo Facebook “Io resto a casa” dall’utente Fisnik Asslani , ricevendo oltre 5mila condivisioni e mille like.

contagio coronavirus
Foto da Pixabay

Chissà allora che il pallone non possa venire in soccorso della popolazione che più lo ama, aiutandola a comprendere ciò che serve veramente in questa difficile partita: chiusi in difesa e spingere al meglio il tridente d’attacco.

William e Nicholas ci hanno regalato la formazione a noi giocare al meglio questa lunga partita.