Home Attualità Coronavirus | In laboratorio sopravvive nell’aria fino a tre ore

Coronavirus | In laboratorio sopravvive nell’aria fino a tre ore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25
CONDIVIDI

Un esperimento dimostra la Capacità del Coronavirus di sopravvivere, in laboratorio, fino a 3 ore nell’aria. Che cosa significa ciò e che cosa comporta per tutti noi?

coronavirius
Foto da Pixabay

Il virus più temuto è, per sua stessa natura, anche il più studiato del momento.

Ecco allora che si moltiplicano gli esperimenti e le pubblicazioni attorno al Coronavirus, teorie più o meno verificare ma comunque tanto numerose da riuscire a mandarci tutti in confusione.

Le informazioni si affollano infatti nella nostra mente e districarsi diviene ogni giorno più difficile.

Tra gli ultimi studi di tale genere oggi ne analizziamo uno che ha sin da subito creato un certo allarmismo: il Coronavirus può sopravvivere nell’aria fino a tre ore. Cerchiamo di capire insieme che cosa ciò significhi realmente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Attenzione in questa parte della casa prospera il virus

Coronavirus, fino a 3 ore nell’aria: ma che significa?

coronavirus aria
Foto da Pixabay

Un esperimento condotto dagli scienziati del laboratorio di virologia del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, l’Istituto americano per le malattie infettive, e i cui risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine, una rivista scientifica, il 17 marzo, apre una nuova prospettiva sul Coronavirus e sul suo comportamento.

Lo studio ci informa infatti di come, spruzzato in aerosol in condizioni di laboratorio, il coronavirus possa sopravvivere fino a tre ore nell’aria. Ma che cosa significa ciò? Istintivamente verrebbe da pensare a una nuova minaccia, una forza in più di questo temuto virus che così resterebbe lì, sospeso nell’aria a minacciarci.

Il metro di distanza allora non è più sufficiente? Il contagio può avvenire non più solo da persona a persona?  No, le cose non tanno esattamente così.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Coronavirus | Metropolitana di Milano piena: immagini shock sui social

Come vi avevamo già illustrato nel pezzo dedicato alla sanificazione delle strade, l’attenzione va posta su un termine apparentemente marginale ma in realtà essenziale: in laboratorio.

Ci spiegava infatti Dario Bressanini, chimico e divulgatore scientifico:

“Ma è possibile che il virus rimanga nell’aria per un po’? Si è possibile ma quanto è probabile che io mi possa prendere una malattia da questo? Pochissimo. […] Tenente presente che comunque all’esterno, con il sole, con il vento, con al pioggia il virus comunque non sopravvive, quindi disinfettare l’aria esterna è perfettamente inutile.”

A ciò si aggiunga che un singolo studio, nel mondo scientifico, non costituisce una vera e propria teoria attendibile ma solo uno spunto di riflessione, un punto di partenza che, prima di esser ritenuto verità scientifica, deve passare attraverso varie disanima e controprove.

Che cosa dobbiamo allora trarre da questo studio? Come testimoniato dagli stessi autori, il metro di distanza resta l’unica valida misura, poiché in genere uno starnuto o un colpo di tosse non supera tale portata. L’attenzione in più riguarderebbe solo gli ambienti chiusi o, meglio, gli ambienti chiusi in cui vi è una persona positiva.

Se dunque si è in casa con una persona malata sarà importante arieggiare spesso gli ambienti. Come spiega Carlo Federico Perno, virologo dell’università di Milano:

“In una stanza in cui resti a lungo una persona infetta, il suo respiro continua a concentrare particelle virali nell’aria. In ambienti affollati e chiusi, anche quando si rispetta la distanza di un metro, sarebbe bene aprire la finestra”

coronavirus
Foto da Pixabay

Nulla di nuovo dunque sotto il sole o, sarebbe meglio dire, nelle nostre case. Le misure di sicurezza essenziali retano sempre loro: lavare spesso le mani e mantenere la distanza di sicurezza.

Oltre naturalmente al motto più importante del momento: restiamo a casa.