Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dieta rigenerante ecco come combattere la stanchezza

Dieta rigenerante ecco come combattere la stanchezza

CONDIVIDI

Una dieta rigenerante è quello che ci vuole dopo il letargo dell’inverno e dopo i bagordi dell’estate. Scoprite con noi come ripartire con energia.

Dieta rigenerante iStock

La dieta rigenerante è un’amica ideale soprattutto in due momento dell’anno. In primavera, perché dopo il freddo e l’umidità dei mesi precedenti abbiamo la necessità di ripartire con slancio. E ad inizio autunno, tra settembre e ottobre, perché le vacanze con i loro ritmi così diversi lasciano scorie pesanti, sballando la quotidianità.

potrebbe interessarti: Dieta cinque cattive abitudini che fanno ingrassare

Ecco perché un alleato prezioso è sicuramente la tavola. Come immagazzinare la giusta dose di energia? Come essere sempre pronti e reattivi durante la giornata, anche quando sembra che le forze vengano a mancare. Come lasciarsi alle spalle la voglia di non fare nulla? Ci pesano la tavola e la dieta rigenerante. Poche semplici regole, ma essenziali per stare bene e reagire a tutto quello che può farci diventare più irritate.

Se vuoi restare sempre aggiornata sulle diete e sulle strategie per mantenerti sempre in forma CLICCA QUI!

Dieta rigenerante, i tre punti da non sbagliare

verdure cibi anticellulite
lavare bene gli alimenti (Istock Photos)

La dieta rigenerante è il miglior modo per volersi bene. Tre punti fondamentali da rispettare, a cominciare dall’aumento del carico di vitamina B1, quella anti stanchezza per eccellenza. In medicina è detta tiamina, ma a noi interessa soprattutto dove trovarla anche perché é facile.
La vitamina B1 lavora nel nostro corpo trasformando carboidrati e amminoacidi in energia ma sostiene anche la salute delle cellule nervose. Quando c’è una carenza, i primi sintomi sono stanchezza, apatia, un certo torpore agli arti.

Dove possiamo trovare una dose generosa di vitamina B1? Ce n’è in abbondanza nei semi, nei legumi e nei cereali integrali. In particolare gli alimenti più ricchi sono il germe di grano, il lievito di birra, il prosciutto crudo, le noci di macadamia e le lenticchie. Ma ne troviamo anche in altri cibi come la crusca, la soia, i pistacchi e la pappa reale.
Attenzione però, perché se questi alimenti vengono cotti perdono pare della loro efficacia,. Allo stesso modo se li mescoliamo con alcol, molluschi crudi, caffé, thé e tabacco.

Secondo punto della dieta rigenerante è lo zucchero. Per un po’ cerchiamo di farne a meno, perché non serve dare una botta di glicemia per avere più energia. Piuttosto diamo spazio a frutta e verdura di stagione, legumi freschi, cereali integrali, ricchi di vitamine, minerali e diverse sostanze antiossidanti.

Terzo e ultimo punto della dieta rigenerante, aiutare il fegato. Almeno per qualche settimana moderiamo o eliminiamo del tutto carni grasse e salumi, cibi fritti, dolci particolarmente calorici, cibi pronti. Anche in questo caso ci sono alimenti ideali. Come i carciofi che aiutano le funzioni del fegato, ma anche il germe di grano, il tuorlo dell’uovo e la quinoa.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Cosa mangiare per ridurre il senso di fame
Leggi anche -> Estate: i cibi da scegliere per far bene all’umore