Avocado: grande alleato contro glicemia e colesterolo

avocado

L’avocado è un super cibo che, oltre ad essere buono e ricco di proprietà è anche un valido aiuto nella lotta contro glicemia e colesterolo alto.

avocado contro glicemia e colesterolo
Fonte: Istock

Sempre più spesso si sente parlare di glicemia e colesterolo alti. Si tratta un po’ dello scotto da pagare per un’alimentazione spesso troppo ricca di zuccheri e di grassi saturi e di uno stile di vita troppo sedentario e nel quale non si ha quasi mai il tempo di rilassarsi o di concedersi una pausa per andare in palestra.
Al di là dei motivi, quando questi valori si alzano è necessario rivolgersi al proprio medico curante, in modo da capirne il motivo e mettere a punto la giusta strategia che sarà diversa da caso a caso e in base a quanto è serio il problema.
Mentre si seguono i consigli del medico, però, e sempre solo dopo avergliene parlato, si può pensare di darsi una mano con alcuni alimenti che possono influire in modo positivo sulla salute, portando ad abbassare sia la glicemia alta che il colesterolo cattivo. Tra questi, oltre all’aceto di mele di cui abbiamo già parlato c’è anche l’avocado. Un cibo ricco di minerali, vitamine e acidi grassi omega tre, che lo rendono un super food buono e sano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Tutte le ragioni per cui dovreste mangiare immediatamente un avocado

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la salute e gli alimenti da scegliere per vivere in modo sano CLICCA QUI!

Avocado: ottimo per contrastare glicemia e colesterolo alto

Istock

Recenti studi hanno confermato che l’avocado è un valido aiuto per chi soffre di glicemia alta e colesterolo cattivo. Vediamo esattamente in che modo.

Contro la glicemia. Molto simile all’olio d’oliva, che recentemente è stato paragonato ad un farmaco per i benefici che apporta, l’avocado è ricco di acido oleico che usato al posto di altri grassi aiuta a tenere a bada l’insulina, abbassando i livelli della glicemia.

Contro il colesterolo. Grazie ai fitosteroli di cui è ricco, l’avocado contribuisce a far assorbire meno colesterolo. I grassi insaturi e gli acidi grassi Omega-3, invece, stimolano la produzione di colesterolo buono, impedendo al contempo che si depositi quello cattivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta dell’avocado: quando il grasso fa dimagrire

Sembra inoltre che grazie al quantitativo di potassio che contiene, l’avocado giovi anche a chi soffre di pressione alta.
Chi ama già questo frutto, quindi, da oggi potrà consumarlo con più serenità, tenendo sempre conto il fatto che va usato come un grasso e che pertanto è anche piuttosto calorico. Si tratta però di calorie ricche di nutrienti come nel caso della frutta secca.

Ma come usarlo per inserirlo nella propria dieta?
L’avocado è un alimento altamente versatile, ottimo sia per pasti salati che dolci. Si può inserire a cubetti nell’insalata al posto di altri condimenti o mangiare a colazione su una fetta di pane integrale. Si può inserire come ingrediente speciale per dei pancake o usare insieme a del cacao in polvere e un po’ di zucchero di canna per creare una crema dolce spalmabile. Ingrediente chiave della famosa guacamole, è ottimo anche mescolato a dello yogurt greco per dar vita ad una crema sana e ricca di gusto. Ciò che conta è non abusarne ma inserirlo in modo intelligente all’interno della propria alimentazione che ne guadagnerà in benefici per la salute e, ovviamente, in gusto.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI