Home Maternità

Gravidanza, diciottesima settimana d’attesa: i sintomi e lo sviluppo

CONDIVIDI
18 settimana di gravidanza
diciottesima settimana d’attesa, i sintomi e lo sviluppo (Istock Photos)

Gravidanza, la diciottesima settimana d’attesa: i sintomi più comuni e lo sviluppo del bambino

La gravidanza è giunta alla sua diciottesima settimana d’attesa. Siamo nel pieno del secondo trimestre e i sintomi del primo trimestre, ora, dovrebbero essere del tutto scomparsi. Le nausee mattutine, le vertigini, così come i capogiri e il vomito sono solo un brutto ricordo. In questa diciottesima settimana dovrete sentirvi molto meglio. È, questo, il periodo più bello dell’intera gravidanza, quando i fastidiosi disturbi legati all’inizio non ci sono più e non avete ancora il pancione ingombrante dell’ultimo trimestre. Sicuramente i vostri livelli energetici saranno aumentati e voi non accusate più quella sonnolenza e stanchezza che vi perseguitava nei primi tre mesi. Ma, con l’entrata nella diciottesima settimana, nuovi sintomi potrebbero sorgere. Vediamo insieme di capire quali sono i più comuni e come rimediare ad essi, in modo del tutto naturale.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza, 17esima settimana d’attesa: sintomi e sviluppo

Diciottesima settimana di gravidanza: i sintomi comuni e i rimedi

18 settimana di gravidanza
diciottesima settimana di gravidanza, i sintomi (Istock Photos)

Tra i vari sintomi legati, relativamente, alla diciottesima settimana di gravidanza troviamo bruciori allo stomaco, stipsi, minzioni frequenti, naso gocciolante e congestionato,  ansia e sbalzi d’umore dovuti agli ormoni in circolo nel tuo corpo. E poi, nello specifico possiamo trovare:

  • Prurito della pelle, in particolar modo nella zona del ventre. Questo avviene poiché l’aumento del volume del pancione crescendo, stira la pelle e, ciò può procurare fastidio e prurito. Un rimedio sarebbe idratare bene la pelle del corpo mattina e sera, con una crema rinfrescante e lenitiva.
  • L’insorgere delle smagliature è, anch’esso dipeso dall’allargamento delle pelle che, con l’aumentare del peso, tende a tirarsi. Le parte interessate sono quelle dell’addome, fianchi, glutei, cosce e seno. Utilizza una crema apposita per questo problema oppure strofina l’olio di mandorle dolci. Renderà la tua pelle elastica e, dunque, meno soggetta alla nascita delle smagliature. Ricorda di bere molti liquidi per tenere sempre idratato il tuo corpo.
  • Pesantezza e gonfiore alle gambe: il peso del pancione influisce sugli arti inferiori che potrebbero risultare pesanti e gonfi. Il livello del flusso sanguigno alto, potrebbe non far circolare nel modo ottimale il sangue. Ciò porterebbe ad una pesantezza nelle gambe. Il rimedio in questo caso è fare attività fisica in modo regolare. Anche una semplice camminata di mezz’ora andrà bene, l’importante è farlo con costanza giornaliera. Aiuterà le tue gambe e ti sentirai anche meglio psicologicamente. Lo sport, anche i gravidanza, è molto utile per arrivare toniche e in forma al parto. Mamma in forma: i 5 consigli nel secondo trimestre di gravidanza
  • Insonnia: potresti improvvisamente accusare di problemi legati al dormire, ma anche fare strani sogni “da gravidanza” (il tuo cervello, più attivo del normale, è ritenuto responsabile di ciò; tuttavia, gli studiosi devono ancora scoprire la ragione di questo suo comportamento). Il rimedio in tal caso non esiste, potresti solo, prima di andare a letto, farti una bella tisana calmante e rilassante, tipo camomilla. Ti aiuterà a prendere sonno più facilmente.
  • edema o gonfiore di braccia, gambe, mani e piedi. La causa è da attribuire alla ritenzione dei fluidi. Il rimedio anche in questo caso, è bere molta acqua, in modo da tenere il tuo corpo costantemente idratato.

Potrebbe interessarti anche: Raffreddore in gravidanza: i rimedi naturali che funzionano davvero

Come si sviluppa il bambino alla diciottesima settimana di gravidanza

Se prima potevi anche averli confusi per qualcos’altro (come dei brontolii di pancia o meteorismo), ora per la prima volta potresti accorgerti dei movimenti del tuo bebè nel tuo pancione.  Il bambino è ora abbastanza grande da poter essere individuato con un’ecografia trans-addominale, la quale serve a misurare la testa, l’addome, la colonna vertebrale, i femori e gli arti del feto. Anche il sesso del bambino può essere ora individuato ora con un’ecografia. D’ora in poi il tuo ginecologo di fiducia, potrà ascoltare il battito cardiaco del bambino con un normale stetoscopio. La maggior parte delle future mamme, infatti avverte i primi calci e pugni del bambino intorno questa settimana e tra questa e la ventiquattresima. Per quelle donne che invece non sono alla loro prima gravidanza, è possibile che avvertano i primi movimenti anche prima.

Ma come cresce il bambino in questa settimana? Devi sapere che alla diciottesima settimana il feto misura all’incirca 15 centimetri e pesa su per giù 200 grammi, ha le misure di una patata. Lo sviluppo dei suoi organi interni, così come lo sviluppo del suo sistema nervoso è costantemente in crescita e, in questa settimana, iniziano a formarsi le ghiandole digestive.

Leggi anche: Scienza: scoperta la causa di sterilità, aborti e difetti della nascita

Questa è anche la settimana in cui l’utero del feto femmina si sposta nella sua posizione finale, assieme alle tube di Falloppio. Per ciò che riguarda il sistema nervoso, con l’inizio di questa settimana i suoi piccoli nervi sono ricoperti di uno strato protettivo  denominata guaina mielinica, la quale aiuta gli impulsi nervosi a viaggiare più velocemente da un neurone all’altro. Questa guaina, continuerà a svilupparsi sino all’anno di vita del bambino. Il cervello del tuo bimbo si specializza ulteriormente nel mandare dei segnali ai sensi dell’udito, del tatto, dell’olfatto, della vista e del gusto. Gravidanza: con la giusta alimentazione il feto avrà un cuore sano

Come cambia il corpo della donna nella diciottesima settimana di gravidanza

In questo secondo trimestre e, in particolar modo, con l’entrata nella diciottesima settimana, il tuo pancione è ormai evidente, specie se non è la tua prima gravidanza. Ora, parenti, amici e conoscenti, si sentono in “dovere” di darti consigli su tutto, da come vestirti a cosa mangiare. Un consiglio? Lasciali parlare, ma poi fai ciò che più ti fa stare bene. Se il tuo pancione è davvero ingombrante, forse ora è il momento di abbandonare nell’armadio i tuoi vecchi pantaloni e comprane dei nuovi, magari premaman. Modifica,  quindi, il tuo stile di abbigliamento – almeno per questi mesi – e dedicati alla comodità e alla sobrietà del tuo stato.

Usa scarpe comode e senza tacchi eccessivi, farai un piacere a te stessa e alla tua schiena! Probabilmente stai anche aumentando di peso. Perciò fare le “giuste” scelte alimentari è molto importante in questa fase, in quanto il giusto aumento del tuo peso nel secondo trimestre, dovrebbe  oscillare intorno ai 5-8 chilogrammi, se non  addirittura minore. Le donne in sovrappeso, ad esempio, tenderanno a prendere meno chili in gravidanza, rispetto ad una donna normopeso.

In questa settimana, l’ormone relaxina continua a far rilassare le articolazioni ed i muscoli dell’addome e dell’area pelvica, e ciò comporta dei dolori in queste zone del corpo, come piccoli crampi e contrazioni. Nulla di grave ma tieni sempre sotto controllo il tuo stato.

Gli esami da sostenere nella diciottesima settimana di gravidanza
Gravidanza, 18 settimana
Gravidanza, 18 settimana esami da fare (iStock Photos)

Questa settimana è di vitale importanza, poiché è proprio ora che la maggior parte del test si effettuano. Intorno alla 17esima settimana e al più tardi in questa settimana, dovresti fare, se già non l’hai eseguita, la prima ecografia morfologica. Mentre,  in questa settimana di gravidanza è possibile effettuare un esame chiamato funicolo centesi –  un test diagnostico prenatale che consente, tramite prelievo di campioni di sangue fetale dal cordone ombelicale, di indagare l’eventuale presenza di anomalie cromosomiche precedentemente rilevate dall’amniocentesi. Questo test è importante poiché rivela anche la presenza o meno di toxoplasmosi e rosolia, nonché è capace di diagnosticare sofferenza fetale ipossica. Questo esame è un test invasivo, quindi soggetto a rischi. Quindi consigliato solo per quelle gravidanze soggette ed esposte a malformazioni o patologie legate al feto. Gravidanza: Vitamine in gravidanza, ma fanno bene al nostro bambino?

Cose che devi sapere in questa 18esima settimana di gravidanza

Probabilmente, con l’avanzare del pancione, potresti accusare un po’ di stanchezza generale. Non affaticarti troppo e ricorda di fare esercizio fisico. Sono consigliabili gli sport adatti alle gestanti, come un corso di nuoto o di yoga. Ma va bene anche una camminata all’aria aperta, da fare almeno ¾ volte la settimana.

Leggi anche: Mamma in forma: i 5 consigli nel secondo trimestre di gravidanza

Uno dei disturbi legati all’avanzare della gravidanza è il bruciore gastrointestinale o una cattiva digestione. Chi non ha ancora risentito di questi sintomi, potrebbe presto iniziare a risentirne. Questo accade poiché i tuoi organi interni tenderanno a spostarsi all’indietro per far spazio al feto, ciò, appunto, comporta sintomi legati a intestino, come stitichezza, o bruciore di stomaco. Bevi molta acqua e adotta un’alimentazione ricca di fibra e povera di grassi saturi. Evita di mangiare troppo salato e speziato.

In ultimo, segui una “routine” d’igiene dentale appropriata, usando spazzolino e filo interdentale, in modo da evitare di avere delle gengive gonfie e sanguinanti, le quali possano dare origine a delle malattie periodontali. Quando devi riposare, sdraiati su un fianco, così eviterai la pressione eccessiva sulle vene della schiena.

Ascolta buona musica. Il tuo bambino ora ha l’udito sviluppato, quindi riesce a percepire suoni e parole. Cosa migliore da fare è poggiare delle cuffie sul tuo pancione con della musica rilassante. Se inizierà a scalciare, apprezzerà!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI