Home Dieta e Alimentazione

Scopri la dieta della pasta con legumi

CONDIVIDI

Tutto sulla dieta a base di pasta e legumi. Per dimagrire senza rinunciare alla pasta.

Il momento di mettersi a dieta è ormai giunto ma non sei ancora pronta a dire di no ad un bel piatto di pasta? Niente paura, la soluzione c’è ed è anche gustosa. Mangiando pasta e legumi insieme, infatti, riuscirai a raggiungere l’obiettivo di perdere peso, e tutto senza rinunciare al tuo piatto preferito. Anzi, potrai addirittura mangiarlo in una delle sue versioni più saporite e perfette per la stagione autunnale.
Unendo insieme pasta e legumi, infatti, si arriva a ridurre del 50% il quantitativo di carboidrati, grazie al volume occupato dai legumi. Inoltre le proteine in essi presenti, unite ai carboidrati della pasta vengono sintetizzate dall’organismo, rendendo il piatto più bilanciato e attenuando il rischio di un’innalzamento della glicemia, cosa che normalmente avviene con un normale piatto di pasta in bianco o condita con del pomodoro. Ovviamente è necessario seguire dei piccoli accorgimenti come quello di non esagerare con i condimenti o con le quantità e al tutto andrà associato un regime alimentare sano e moderato, volto cioè ad una naturale perdita di peso e al raggiungimento, non solo di una forma fisica soddisfacente, ma anche di un buon stato di salute.
I legumi infatti sono un alimento indispensabile per sentirsi in forma e fare il pieno di energia, inoltre sono ricchi di potassio, vitamine e minerali che fanno bene alla salute.
Dopo aver visto la dieta autunnale e quella della zucca, oggi scopriremo quindi la dieta a base di pasta e legumi, provando a capire come inserirla all’interno di un menu giornaliero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Scopri i 12 trucchi per dimagrire senza dieta

Pasta con a base di pasta e legumi, menu d’esempio

Fonte: Istock

Per capire al meglio come gestire una dieta dove sia presente un buon piatto di pasta con i legumi, ecco una serie di piatti da cui trarre spunto per comporre un menu che sia allo stesso tempo soddisfacente e in grado di aiutare a perdere qualche chilo di troppo.

Colazione

  • Una tazza di tè verde senza zucchero e tre fette biscottate con un velo di marmellata senza zucchero
  • Una tazza di latte parzialmente scremato (va bene anche di origine vegetale, purché sia senza zucchero) e 30 grammi di cereali integrali con molte fibre
  • Un caffè amaro e un piccolo toast, possibilmente con pane integrale
  • Uno yogurt greco senza zucchero con mezza mela e una spolverata di cannella
  • Una tazza di tè verde e tre biscotti secchi o integrali

Spuntino

  • Un piccolo frutto di stagione
  • Uno yogurt magro senza zucchero
  • Una manciata di frutta secca
  • Un uovo sodo
  • Una tazza di caffè senza zucchero e due biscotti secchi

    Dieta pasta e legumi
    Fonte: IStock

Pranzo

  • 50 grammi di pasta integrale con 50 grammi di ceci o di fagioli di soia, condita con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire un uovo sodo e un’insalata mista condita con qualche goccia di limone e dell’aceto di riso
  • 50 grammi di pasta integrale e 40 grammi di lenticchie, da condire con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. A seguire 90 grammi di petto di pollo magro
  • Passato di verdure con 30 grammi di fagioli e 40 grammi di pasta integrale, da condire con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire una porzione di tofu naturale alla piastra
  • 50 grammi di pasta o riso integrale con 40 grammi di piselli, da condire con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. A seguire, 90 grammi di petto di pollo magro
  • 50 grammi di pasta integrale con legumi misti da condire con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire, una porzione di seitan al naturale con un’insalata mista condita con qualche goccia di limone e dell’aceto di riso

Merenda

  • Un tè verde senza zucchero e due fette biscottate integrali
  • Uno yogurt magro senza zucchero
  • Una fetta di pane integrale con 30 grammi di formaggio magro
  • Una manciata di frutta secca
  • Un succo d’arancia senza zucchero e 20 grammi di parmigiano

Cena

  • Una porzione di orata al forno con contorno di verdure grigliate e condite con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. A seguire una piccola macedonia di frutta di stagione senza zucchero
  • Una porzione di salmone cotto al vapore con contorno di asparagi conditi con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva e del succo di limone. A seguire un frutto di stagione
  • Una porzione di formaggio magro e 150 grammi di zucca al forno condita con noce moscata e un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva, da accompagnare con 30 grammi di pane integrale
  • Un omelette realizzata con un uovo intero biologico e due albumi con zucchine e cipolle e un’insalata di verdure miste da condire con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire, una mela
  • 120 grammi di petto di pollo o di tacchino e un’insalata mista da condire con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. A seguire, due fette di melone invernale

Indicazioni per seguire al meglio la dieta di pasta e legumi

Dieta pasta e legumi
Fonte: IStock

Per far si che la dieta funzioni bisogna seguire alcune piccole indicazioni.
Le quantità di pasta non devono superare quelle consigliate e la stessa cosa vale per i condimenti.
Preferire sempre la pasta di tipo integrale a quella bianca.
Variare con i pasti e con gli spuntini, cercando di mangiare più spesso quelli a base di frutta.
Bere almeno un litro e mezzo di acqua naturale al giorno.
Evitare bevande zuccherate o dolcificate e gli alcolici.
Abbinare alla dieta anche dell’esercizio fisico. Se non si va in palestra, si può andare a correre o, in alternativa, fare delle camminate veloci.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Scopri la dieta degli spuntini: la più amata dalle star

Pro e contro della dieta della pasta con i legumi

Come qualsiasi altra dieta, anche questa a base di pasta e legumi va seguita solo se si gode di ottima salute. La presenza di pasta tutti i giorni, infatti, può non essere indicata in persone con patologie in atto come il diabete o l’insulino resistenza. Per questo motivo prima di iniziarla è sempre meglio seguire il parere del proprio medico curante.
La dieta, è solo indicativa e va seguita per un breve periodo di tempo o usata come spunto per inserire dei pasti sani all’interno dell’alimentazione di tutti i giorni.
Chi deve perdere più di due o tre chili, dovrebbe rivolgersi ad un nutrizionista in modo da capire cosa è meglio per la sua particolare situazione, ricevendo così un’alimentazione semplice da seguire e che tenga conto della sua corporatura e dello stile di vita che segue.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI