Home Coppia Relazioni di coppia: Stomaco chiuso e inappetenza colpa del cuore infranto

Relazioni di coppia: Stomaco chiuso e inappetenza colpa del cuore infranto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13
CONDIVIDI
(istock)

Come ben sappiamo cibo e amore sono collegati il cibo viene infatti utilizzato come strumento di seduzione per conquistare il cuore dell’altro. Questo legame tra cibo e amore è presente anche quando le cose invee vanno male e quando una relazione di coppia finisce abbiamo lo stomaco chiuso e avvertiamo un senso di inappetenza.

Stomaco chiuso e inappetenza tutta colpa del cuore spezzato

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Coppia: è peggiore il tradimento maschile o femminile? La scienza ha dato una risposta

Quando una storia d’amore finisce non è mai facile ci sentiamo sopraffatti dalla tristezza e abbiamo il cuore in frantumi e questo si ripercuote anche sul nostro appetito e sulla nostra voglia di mangiare. L’amore può portare all’inappetenza soprattutto nei primi giorni che seguono la rottura.

Ma perchè il nostro stomaco non vuole mangiare? Da cosa dipende questa inappetenza? Sembrerebbe come se il nostro stomaco rispondesse al senso di abbandono che proviamo quando ci lasciamo, inoltre il nostro battito cardiaco è più elevato ed aumentano anche i livelli dell’adrenalina e del cortisolo, insomma tutto il nostro fisico reagisce di fronte a questa separazione. E’ come se il nostro corpo sia in una sorta di modalità di sopravvivenza, come se stesse cercando un modo per contrastare una malattia.

Alcuni scienziati tra cui il dottor Gert ter Horst, direttore del Centro di Neuroimaging dell’Università di Groningen si è adoperato per comprendere cosa succede al nostro corpo quando ci mettiamo la parola fine ad una relazione di coppia.

Secondo gli studi effettuati dopo una rottura il nostro sistema nervoso sembra attivarsi così che il cuore inizia a battere più veloce e le vie respiratorie si allargano in modo tale che possa passare più aria, mentre si rilassa la muscolatura compresa quella che si trova sullo stomaco determinando un rallentamento dei processi digestivi. Di conseguenza di fronte a tutte queste modificazioni la fame diventa un aspetto secondario e di minore importanza, tutto questo si verifica perchè le aree del cervello responsabili delle emozioni e  del dolore emotivo agiscono anche l’appetito regolandolo.

Di fronte alle situazioni di emergenza la fame e la sua percezione passa in secondo piano, quando poi l’emergenza è passata il corpo torna a concentrarsi sul cibo prediligendo gli alimenti calorici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Relazioni di coppia: Gli uomini sono attratti da una bella voce