Home Maternità

Essere genitori: Lo strabismo nel bambino cause e problemi e cure

CONDIVIDI
(Istock)

Lo strabismo colpisce il 4% dei bambini e rappresenta una malattia che colpisce gli occhi con conseguenti problemi alla vista. Essa comporta una deviazione di entrambi gli occhi o di un occhio solo, la deviazione può essere esterna e allora si parla di exotropia oppure interna e allora si parla di esotropia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Come proteggere e curare i denti da latte

Lo strabismo cause, problemi e cure

Si tratta di una malattia ereditaria la cui comparsa è molto precoce, già dalla nascita o subentrare alcuni mesi dopo, e  facilmente riconoscibile e per questo consente un intervento immediato. Lo strabismo non ha effetto negativi solo a livello estetico e sulla vista, ma interessa più aspetti. questo difetti infatti fa si che il bambino non riesca più ad usare entrambi gli occhi per guardare, ma tende ad usare solo l’occhio “dritto” l’altro diventa quindi un occhio “pigro”. Il cervello di conseguenza non riesce più a fondere insieme creando così un’unica immagine, le informazioni che arrivano da entrambi gli occhi.

Inoltre chi soffre di questa malattia è portato, per poter vedere meglio,  a far assumere inconsapevolmente al proprio corpo delle posture scorrette  che comportano altri disturbi quali mal di testa, torcicollo e dolori muscolari. Allo strabismo è associata una visione doppia o confusa con conseguente bruciore degli occhi e forte mal di testa. La forma più comune tra i bambini è lo strabismo esotropico la cui comparsa è intorno ai 2-3 anni. L’intervento sulla malattia è molto rapido ed infatti si procede con una cura basata sull’occlusione, attraverso una benda, sull’occhio  sano così da permettere a quello pigro di lavorare e recuperare così la sua funzionalità. Di fronte ad uno strabismo “lieve” possono essere necessari solo gli occhiali da vista per correggere il difetto, invece se il difetto è più grave è necessario intervenire chirurgicamente andando a modificare i muscoli dell’occhio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:L’ernia inguinale del neonato quanto è pericolosa?