Home Maternità

Post partum: Lasciar piangere il bambino o coccolarlo? quale tecnica per farlo addormentare?

CONDIVIDI
(IStock)

Dopo nove mesi d’attesa avete finalmente conosciuto il vostro bebè, tutto sembra procedere per il meglio soprattutto durante il giorno, la notte invece è un vero disastro perchè il bambino non riesce ad addormentarsi e urla e urla e urla sia che lo teniate in braccio sia nella culla e vi domandate come fare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Come proteggere la pelle del neonato dall’irritazione del freddo

Quale metodo usare per far addormentare il bebè?

Dovete lasciarlo piangere da solo nella culla finchè non si addormenta da solo oppure dovete fargli compagnia? Questa è una delle domande più frequenti che una  neo mamma tende a farsi e secondo un recente studio australiano entrambi sembrerebbero funzionare. Secondo questo studio infatti lasciar piangere il bambino finchè non si addormenta non determinerebbe nessuna ripercussione  nè a livello psicologico nè a quello emotivo.

Questo studio è stato condotto prendendo in esame 43 famiglie con neonati di 6 e 16 mesi che avevano problemi ad addormentarsi. Sono state proposte due diverse strategie di addormentamento note con il nome di  “addestramento al sonno attraverso il controllo del pianto o cry it out“e ” bedtime fading“. La prima tecnica consiste nel mettere il neonato ancora sveglio nella culla e lasciare la stanza, se il bambino inizia a piangere bisogna imparare a lasciarlo solo per periodi di volta in volta più lunghi, prima di andarlo a consolare cosicchè impari a farlo da solo. La seconda tecnica invece consiste nel mettere a dormire il neonato sempre alla stessa ora e rimanere con lui nella stanza fino a che non si addormenta.

Esaminando i livelli di cortisolo, o ormone dello stress, nella saliva dei neonati i ricercatori hanno osservato che non esistevano differenze tra i metodi di addestramento al sonno ed i bambini non mostravano nessun problema emotivo o difficoltà.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il singhiozzo del neonato cause e rimedi